• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

giufam

Nuovo Iscritto
Buongiorno
Sono uno studente universitario e fino a gennaio ho vissuto nella casa dei miei genitori, facendo parte del nucleo familiare.
Nel mese di febbraio i miei genitori mi hanno donato un appartamento in un comune diverso, che è così diventato la mia PRIMA CASA. Ho spostato la mia residenza nel comune dell'appartamento ricevuto in donazione e sono uscito dal nucleo familiare, per cui alla prossima scadenza farò una dichiarazione dei redditi per conto mio.
Essendo la mia prima casa ed abitandoci, naturalmente è prevista l'esenzione dell'ICI.
Dovendo però io mantenermi da solo e frequentando ancora l'università, avevo pensato di affittare con regolare contratto UNA PARTE dell'appartamento ad uno studio legale che me lo ha richiesto, riservando a me lo spazio necessario a viverci.
La mia domanda è: Se affitto UNA PARTE DELLA MIA PRIMA CASA (dove abito), perderò il mio diritto all'esenzione dell'ICI ?
Grazie 1000.
 
L

Loretta Grazia

Ospite
Se mantieni la residenza nell'appartamento, seppure affittandolo in parte, continui ad avere diritto all'esenzione ICI. Buona giornata, ciao
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto