1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. xunmondomigliore

    xunmondomigliore Membro Junior

    Mi riferiamo alla situazione di insolvenza di un condomino che vive in un appartamento ancora intestato ai genitori, morti da 7 anni, il quale da allora, oltre a non aver provveduto a nessuna successione, non ha mai pagato il condominio, nonostante i ripetuti solleciti. Purtroppo il condomino moroso fa lavori saltuari e probabilmente in nero, non possiede nessuna autovettura, il tubo del gas metano è stato tagliato dalla stessa ditta fornitrice, l’acqua e stata piombata e poi spiombata da alcuni anni dallo stesso utente…
    Noi condomini fin ora ci siamo fatti carico dell’importo insoluto perché nonostante fossimo arrivati all’ingiunzione di pagamento ci siamo fermati perchè la complessità, il costo del procedimento e la sfiducia nella giustizia ha portato la maggior parte a ritirarsi dalla controversia che inizialmente avevamo tutti deciso di intraprendere con la conseguenza di rendere insostenibili le spese legali per quei pochi, come me, che invece sarebbero voluti andare avanti.
    Comunque abbiamo tutti una cosa in comune: ci sentiamo vittime della situazione e siamo stufi di dover pagare i debiti di qualcun’altro……
    Nonostante la situazione del condomino moroso possa sembrare di grave indigenza…esce con il taxi, ben vestito, fuma come “un turco”, sta di sotto al bar a sorseggiare cocktail e d’estate ha un lavoro stagionale….ma l’amministratore ci dice che quello fa parte del suo minimo sussistenziale e non gli si può toccare….
    Eppure molti di noi vivono veramente al minimo ma il condominio, con sacrificio lo pagano….e dovrebbero pure pagarsi le spese legali contro questo “personaggio” per vedersi riconoscere il diritto di pagare solo i propri debiti?
    Le ditte e lo stesso amministratore ci chiedono di pagare altrimenti non ci danno i loro servizi e lasciano andare in malora il condominio….quindi siamo costretti a pagare pure la sua parte…e a fargli i servizi d’intervento gratis a casa…e anche questo per forza!
    Mi spiego meglio. In settimana è venuta la Ditta addetta alla manutenzione dell'autoclave per cercare di capire perchè non si pienasse e fosse sempre attaccato...ma l'altra sera, non so come, qualcuno ha capito.
    Al “personaggio” gli si è rotto da giorni un flessibile in bagno e lui ha "risolto" prendendo una gomma ed imbriccandola nel bidè...........tanto lui l'acqua non la paga!......ma noi la corrente (dell'autoclave) si!
    Quindi mio marito è stato costretto ad effettuare la riparazione in casa sua per consentire all‘autoclave finalmente di pienarsi e quindi di staccare…..
    Ma possibile che non ci sia modo per difendersi?
     
  2. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Nessuno vi obbliga a pagare i debiti del condomino moroso, ossia potreste anticipare ad evitare la mosità del condominio nei rispetti dei fornitori, ma non a coprire il moroso che è e rimane tale, l'amministratore si svegli e chieda la messa in mora e i Decreti Ingiuntivi al proprietario e/o erede anche fino a pignoramento e messa all'asta dell'appartamento, caso mai sentite un legale.
     
  3. xunmondomigliore

    xunmondomigliore Membro Junior

    No guarda...l'amministratore, secondo me, il suo l'ha fatto....perchè al Decreto ingiuntivo ci siamo arrivati.....poi ci è stato chiesto (dall'avvocato convocato in Assemblea): "volete che procediamo?" L'unica cosa che possiamo toccargli é la casa ma ci vorranno anni e soldi (18.000 -20.000,00 euro) per spese legali ma soprattutto quando una casa viene portata all'asta il tribunale ci fa pagare subito una percentuale del valore dell'immobile......e poi speriamo che una volta venduta ci rimanga una fetta di torta anche per noi!
    La conseguenza è che quasi tutti si sono spaventati....e hanno detto: "no, no la mi moglie non vole!...."
    altri: "no, no e se poi si rimane con una mano davanti e l'altra di dietro?" ed io "si, si andiamo avanti per principio, per non avallargli questo comportamento per sempre, per non creare precedenti..."
    Niente: sono rimasta sola! e da sola non ce la posso fare......sono disoccupata da più di 2 anni, lavora solo mio marito come operaio e abbiamo un figlio ed il mutuo da pagare ed in più abbiamo da mantenere il condomino moroso....
    Perchè anche se non c'è legge che obblighi a pagare i debiti di un'altro....nella realtà delle cose se non paghiamo pure i suoi debiti ne subiamo le conseguenze.
    Ad esempio quello dell'autospurgo potrebbe far causa direttamente al condomino moroso per pretendere il pagamento delle somme non pagate ma lui incontrerebbe i nostri stessi ostacoli....così gli viene più semplice dire "guardate o mi pagate la fattura......oppure la prossima volta ve lascio nella mea!"
    Per non parlare dell'Enel che alla prima bolletta non pagata...pur pagando io stessa puntualmente il condominio...mi ritroverei a fare le scale al buio...
    E' questa la situazione, come possiamo uscirne?
     
  4. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se voi condomini non volete anticipare le spese legali per la causa e/o i decreti ingiuntivi per le morosità di questo tizio, poco potrete fare, quindi non vi rimane che pagare voi le spese condominiali per questo approfittatore, non ho altri consigli migliori, mi spiace.
    Comunque devi sapere che alla fine se agirete, le spese le pagherà tutte il moroso, di solito il Giudice addebita le spese legali, la morosità e l'interesse legale tutto a chi è moroso e non ai condomini che hanno anticipato, quindi recupererete tutto con l'interesse, ma sta a voi la scelta.
     
  5. xunmondomigliore

    xunmondomigliore Membro Junior

    Che le spese a pratica ultimata ci verranno rimborsate è l'evento più probabile ma non è una certezza. Perchè, secondo me, bisognerebbe prima informarsi bene su chi sono gli altri eventuali creditori perchè prima di noi vengono le banche e lo Stato......intendevo dire questo quando ho detto e speriamo che ci avanzi una fetta della torta! però a cosa serve preoccuparsi di prendere queste informazioni quando i miei amici condomini tremano di paura all'idea di intraprendere le costose ed avventurose vie legali? Purtroppo il problema vero è che la gente ha sempre meno fiducia nella giustizia....per la giustizia si dovrebbe intraprendere una pratica della quale sai che intanto hai da sborsare non sai quando finisce e come andrà veramente a finire....chiedere giustizia richiede quindi inanzitutto coraggio ma non esiste una giustizia di diritto...
    Comunque grazie condobip per le tue parole.
     
  6. oliveri tomaso

    oliveri tomaso Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Incaricare un legale specializzato nel recupero crediti il quale agira senza imporvi spese e solo al raggiungimento del risultato si terra le spese e il suo onorario , sara piu caro ma meno rischioso ma rivolgetevi a uno serio e competente .
     
  7. Gugli

    Gugli Membro Attivo

    io fossi nell'amministratore farei una sommatoria di 5 anni di spese ordinarie e straordinarie del condomino per non andare in prescrizione e chiederei un risarcimento danni tramite un legale, oltretutto se sei un numero sostanzioso contro uno solo potete dvidere le spese iniziali per adire in tribunale e po chiedere l'addebito al mororso in modo che con la vendita potete recuperare i vostri soldi spesi per lui
    un buon legale potrebbe assistervi anche per risolvere il problema alla radice cioè levarvelo di torno!!!
    prenditi tu l'onere di procurarti documentazioni e quant'altro sia necessario per convincere gli altri che non è un salto nel buio poi questo te lo dirà l'avvocato ...
     
  8. uragano

    uragano Membro Attivo

    Professionista
    siamo sempre alle solite.ci si lamenta ma non si fa nulla.allora paghino e stiano zitti.ma fare un sequestro cautelativo?:-o
     
  9. xunmondomigliore

    xunmondomigliore Membro Junior

    Io ho fatto molto per far capire agli altri che non c'è soluzione che adire vie legali per cercare di estirpare questo "parassita"....ma sono rimasta praticamente sola.
    Quando li incontro oltrettutto devo sopportare pure i loro sfoghi.....ed io rispondo: "bhe! ve l'avevo detto....perchè non abbiamo proseguito le vie legali?......la botte piena e la moglie ubriaca...purtroppo non è possibile! dobbiamo metterci le mani al borsello per vedere riconosciuti i nostri diritti e comunque le mani al borsello bisogna comunque mettercele ma perchè farlo a fondo perduto?"
    E' vero Uragano siamo alle solite.....ci si lamenta ma non si fa nulla perchè altrimenti sarebbe inaccettabile ascoltare gli importi dei vitalizi parlamentari senza parlare inanzitutto di risarcimento al Popolo Italiano....
    In linea di massima quando un dirigente fa fallire l'azienda...non lo si promuove ma lo si silura, come minimo....
    Un libero professionista si trova a stipulare un'assicurazione per coprire a terzi eventuali danni professionali e loro nonostante i risultati addirittura continuano a far vedere le loro facce e a prepararsi per le prossime elezioni? Io non ci posso credere!
     
  10. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Andate avanti per vie legali affidandovi non al primo avvocato che capita, ma a uno serio, specializzato nel recupero crediti e motivato.
    Se la casa del moroso va all'asta ci vorrà tempo ma è l'unico modo "legale" per recuperare le spese.
    Altrimenti, in altri "Paesi" o in altre "zone" ci sono anche metodi diversi, meno ortodossi ma mooolto efficaci con persone come quella. :disappunto:
     
  11. britallico2

    britallico2 Ospite

    Ma se si dovesse rompere la serratura del portoncino principale, voi poi dareste le chiavi nuove a questo personaggio?
    Io se ha il telefono gli metterei centinaia di annunci su giornali stranieri, per esempio in brasile, roba tipo "cercasi inquilino bisex, affitto gratis, telefonate a qualsiasi ora" o in giappone: "Lamborghini Diablo, piccolo difetto solo 1200 euro" vi basta uno che sa l'inglese, lo fate tramite loot.com
    in effetti, se la serratura si rompesse dopo sei mesi di telefonate a tutte le ore, chissa' che il tipo non crollerebbe per terra esausto.. certo pero' che se ha il lavoretto stagionale dovra' pure dormire la ntte.
    hahaha no scherzo non farei MAI una cosa del genere :)

    Poi esiste anche un sito dove gli americani accettano segnalazioni su possibili terroristi, (in anonimato) chi puo' mai sapere se un personaggio del genere non sia capace di dare asilo a terroristi internazionali, e' legittimo avere paura... e se lui non ha niente da nascondere non gli fanno mica niente, dopo averlo controllato bene gli fanno anche le scuse.
     
  12. britallico2

    britallico2 Ospite

    Ovvio che sono tutte idee scherzose per stuzzicarel'immaginazione, attenti che con gli americani non si scherza, quelli arrestano voi...
    lo dice proprio nel modulo da compilare https://tips.fbi.gov/
     
  13. Giovanni de Matteis

    Giovanni de Matteis Nuovo Iscritto

    Serve un avvocato, il quale potrà accertare se vi sono altri creditori chirografari che hanno posto le mani sulla casa. In tale ipotesi la casa dovrebbe già essere stata pignorata, perchè se il malpagatore è tale per natura non credo che esistano altri disposti a tanta beneficenza come i tuoi coinquilini. Agisci -pure da sola- non ti troverai pentita.
     
  14. xunmondomigliore

    xunmondomigliore Membro Junior

    Bhe la ditta del gas metano ha segato il tubo da anni quindi sicuramente li c'è l'insoluto, l'acqua è stata piombata e spiombata da tempo (quello che legge i contatori non può non essersene reso conto)....so che non ha onorato un finanziamento in banca....non credo che paghi la tassa sulla spazzatura....ma quello lì se ne sta tranquillo a casa sua...credo che il meccanismo di recupero sia complicato anche per loro....credo che aspettino con lo scopo di far crescere il debito in modo poi da metterci le mani perbene da far ingrassare gli avvocati. ....e comunque sia se qualcuno ci spiana la strada forse è pure meglio perchè ci si può anche inserire quando la casa è già all'asta aggiungendosi nel passivo ed è la cosa meno costosa perchè non necessita di un avvocato ma è suffficente un amministratore sveglio e pronto che si muova in questo senso...speriamo che qualcuno abbia il coraggio di intraprendere la strada giusta contro questo personaggio....Io per il momento da sola proprio non posso, siamo quasi 40 condomini....se fossimo stati d'accordo non ce ne saremmo neanche accorti...........................Io non credo che quello che abbiamo pagato fino ora possa andare in prescrizione...almeno spero!
     
  15. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Attenzione, non è detto che sia così, anzi di solito non è così, se voi condomini non vi muovete per primi quando la cifra è bassa con il D.I. chiesto per la morosità che c'è ora nei vostri riguardi, probabilmente vi rimarranno le briciole, perchè se attendete che sia messo in mora da altri ci saranno prima loro, i creditori privilegiati, ovvero banche fornitori ecc ecc e se rimarrà qualche cosa sarà per il condominio, ma sarà sempre meno di quanto questo furbetto deve al condominio.
     
    A Giovanni de Matteis piace questo elemento.
  16. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Concordo pienamente con quanto sopra.
    Ti conviene chiedere formalmente (tramite una racc. all'amministratore) di riproporre all'ordine del giorno delle prossima assemblea il problema, poi sentire un avvocato di fiducia (ripeto, non uno che voglia "ingrassarsi" ma uno che sia specializzato in recupero crediti e che non richieda anticipi) e andare all'assemblea documentata, proponendo di affidare la pratica a quest'ultimo nell'interesse comune.
    Vedrai che la maggiornaza la troverai, a nessuno va bene di pagare all'infinito per un farabutto.
     
  17. xunmondomigliore

    xunmondomigliore Membro Junior

    Siamo arrivati a un decreto ingiuntivo (tre anni fa...) poi ci siamo fermati e l'amministratore ci ha detto che quel decreto ingiuntivo resta sempre valido non va a male....non so se è vero perchè pensandoci bene non è che mi fido molto del mio amministratore dovrei consultarmi bene con un avvocato...perchè il discorso non mi torna perchè il decreto ingiuntivo viene depositato dal giudice di pace con tutta la giusta documentazione poi ci sono 40 giorni di tempo per il moroso per fare opposizione. ma il decreto se i documenti forniti sono giusti rimane comunque esecutivo ma a tempo indeterminato? e poi nel frattempo è un debito che necessita aggionamenti....ma il decreto ingiuntivo riguarda l'ottenimento di piccoli crediti....ma qui la situazione cresce anno dopo anno e che si possa facilmente mettere in accumulo al decreto ingiuntivo... mi ci vorrebbe un avvocato!
     
  18. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Concordo, e dico ancora una cosa, l'amministratore non ha alcun bisogno di chiedere l'autorizzazione a procedere nei riguardi del moroso, ma può agire in autonomia, e se come dici si trova un legale disposto a non chiedere anticipi (e sicuramente per questo si trovano), dovrebbe già essersi messo in moto;
    L'amministratore è legittimato ad agire ed a chiedere il decreto ingiuntivo previsto dall'art. 63 delle disposizioni di attuazione del c.c., contro il condomino moroso per il recupero degli oneri condominiali una volta che l'assemblea abbia approvato il rendiconto consuntivo sia delle spese ordinarie sia di quelle eventuali straordinarie e abbia contestualmente deliberato sulla loro ripartizione, nonostante la mancanza dell'autorizzazione a stare in giudizio rilasciata dall'assemblea condominiale. (Cass. Sez. II n. 27292 del 9 dicembre 2005)
     
  19. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Se non viene presentata alcuna opposizione nei termini (o se l'opponente, successivamente, non si costituisce in causa) il giudice, dietro richiesta del ricorrente, dichiara esecutivo il decreto.
    Per avviare le azioni esecutive non e' prevista una nuova notifica del decreto esecutivo ma dell'atto di precetto, nel quale il decreto in questione dev'essere menzionato.
    All'atto di precetto segue l'iscrizione di ipoteca giudiziale, il pignoramento e la vendita forzata dei beni del debitore.
    Una volta diventato esecutivo, il decreto puo' essere impugnato solo per revocazione, in alcuni dei casi previsti dall'art. 647 c-p.c. (dolo di una delle parti o del giudice, prove rivelatesi false o venute fuori successivamente, contrarieta' rispetto a precedente sentenza passata in giudicato).
    Ci sono però i termini di efficacia.
    Per il decreto ingiuntivo 60 giorni dalla Pronuncia (art. 644 c.p.c.).
    Per l'atto di precetto 90 giorni dalla notifica (art. 481 c.p.c.).
    Se siete rimasti fermi al decreto ingiuntivo... mi sa che oramai avete perso l'autobus. :disappunto:
     
  20. uragano

    uragano Membro Attivo

    Professionista
    con un decreto ingiuntivo valido,il sequestro cautelativo viene accettato dal giudice.almeno vi tutelate,su eventuali creditori futuri.un avvocato inoltre iscrive un'ipoteca sull'immobile e siete a cavallo.chi dovesse acquistare deve risarcirvi.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina