1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. DANIELA BIRSAN

    DANIELA BIRSAN Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Il costruttore insieme con l’amministratore nominato di lui per 4 anni(e per tanti altri molti anni,chi può sapere ,in quanto la legge e derogabile e non e molto chiara e favorisce quasi sempre i truffatori secondo il mio parere) hanno fatto l’assemblea per presentare il consuntivo,rendiconto e prossimo preventivo in nascosto e molto in ritardo,dopo 308 giorni, no come dice la legge italiana nel massimo 180 giorni dopo la scadenza del esercizio finanziario annuale. Per questo motivo di ritardo noi quelli che siamo proprietari di appartamenti abbiamo messo una avvocatessa per ripresentarci, contestare l’amministratore e tagliarlo. Ma la nostra avvocatessa ci ha consigliato in maniera sbagliata(il fatto essendo dimostrato alla fine del processo) consigliandoci di non pagare nulla e non ritirare nessuna lettera raccomandata dalla casella postale che arrivava dall’amministratore. Tutte le lettere raccomandate inviate dall’amministratore per annunciare l’assemblea sono arrivate dopo l’esecuzione dell’assemblea,dopo noi tutti quelli che non abbiamo pagato abbiamo ricevuto ingiunzione di pagamento tramite giudice per il motivo che siamo stati morosi. Cosi il bravo l’amministratore e il suo protettore - il costruttore non onesto e truffatore ci hanno messo il pugno in bocca per sempre..Adesso nessuno di noi non ha il coraggio di contestare questa estorsione di soldi in maniera aggravante in quanto tutti abbiamo capito che la legge non funziona. Siamo disperati ma non sappiamo che dovremo fare nonostante tutti ci dicono la stessa cosa che abbiamo ragione e tutte le clausole imposte dal costruttore sono vessatorie ed addirittura nulle,ma noi continuiamo di esborsare soldi.
     
  2. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Quindi c'è stato un processo e siete stati condannati a pagare le spese che vi erano state richieste?
    La legge non dice però che voi eravate legittimati a non versare le spese causa il ritardo dell'amministratore.

    Realmente così oppure le avete ritirate voi in ritardo (causa consiglio dell'avvocatessa)?

    Voi avete anche ragione nel merito, ma forse siete stati mal consigliati; altri i provvedimenti che erano da prendere: contestazione delibera per illegittimo riparto e non opposizione a decreto ingiuntivo a causa vostro mancato pagamento.

    Può essere più precisa ed esporre cosa accaduto nel processo e che tipo di processo c'è stato?
     
  3. DANIELA BIRSAN

    DANIELA BIRSAN Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    ORDINANZA


    Oggetto: revoca amministratore di condominio ex art. 1129 c.c.

    Il Tribunale,

    a scioglimento della riserva in atti;

    letti gli atti;

    rilevato:

    - che L.A.+ 30 ricorrenti indicati nel ricorso depositato il 24 luglio 2014, quali proprietari di unità immobiliari sita nel Condominio in Aprilia via K




    costituito da tre edifici x,y e z , chiedono la revoca dell’ amministratore ... per gravi irregolarità nella gestione del condominio quali:

    1) l’omessa presentazione, alla fine dell’anno 2013, del rendiconto consuntivo e presentazione del bilancio preventivo per l’anno successivo, in violazione del termine di 180 giorni previsto dal novellato art.1130 c.c. n. 10;

    2) l’interruzione del servizio di erogazione del gas che alimenta la centrale termica condominiale che fornisce acqua calda, riscaldamento alle unità immobiliari;

    3) il totale disinteresse dell'amministratore nella gestione del condominio per non ha attivato le procedure per la messa a norma in sicurezza della centrale termica;
     
  4. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Quindi, voi avete agito giudizialmente per la revoca dell'amministratore. Immagino, visto che non ne riporta il decisum, che il Tribunale abbia respinto la vostra richiesta.
    Tutto ciò, non ha però nulla a che vedere con il riparto spese e l'eventuale impugnazione del Rendiconto Consuntivo che voi ritenete illegittimo (causa esclusione dalle spese del costruttore); a tal fine dovevate (o dovrete) predisporre ulteriore e diversa impugnazione.
    Comprende ora? O ci sono altri elementi che non ha ancora reso noti?
     
  5. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Guarda che per quanto riguarda la parte della tua frase evidenziata in grassetto la "Legge sul condominio" ( Legge 293/2012) a proposito dell' amministratore dice che stabilisce i quorum deliberativi, necessari alla nomina/revoca dell' amministratore:
    a) nel caso in cui l'assemblea riesca a deliberare in prima convocazione (caso più unico che raro) sarebbe applicabile il secondo comma dell' art. 1136 del c.c. :shock:vvero maggioranza degli intervenuti che rappresentino almeno i 500 millesimi;
    b) nel caso in cui l'assemblea si riunisca in seconda convocazione (come normalmente avviene), troverebbe applicazione il terzo comma dell' art. 1136 del c.c. : ovvero maggioranza degli intervenuti che rappresenti un terzo del valore dell'edificio.
    L’art. 1129 c.c. recita "la revoca dell'amministratore può essere deliberata in ogni tempo dall'assemblea con la maggioranza prevista per la sua nomina oppure con le modalità previste dal regolamento di condominio”.
    Una volta nominato, l’amministratore dura in carica per un anno e la legge aggiunge testualmente che tale termine “si intende rinnovato per eguale durata”.
    La maggioranza ha interpretato questa frase come se l'amministratore, una volta nominato duri in carica 2 anni.
    Secondo me questa interpretazione è sbagliata perché contrasta con quanto asserito precedentemente dalla legge stessacirca la durata.
    Secondo me la fra se va interpretata come sia vietato dare incarichi inferiori all'anno; quindi quando si rinnova l'incarico si intende rinnovato per un altro anno (12 mesi).
    Anche se la legge è lacunosa a questo proposito l'ammininistratore alla fine del suo mandato necessita di essere confermato con le stesse maggioranze previste per la sua nomina.
    QUANDO L’AMMINISTRATORE PUÒ ESSERE REVOCATO SULLA
    BASE DELLA LEGGE DI RIFORMA DEL CONDOMINIO
    La revoca può essere disposta ex art. 1129, undicesimo comma, c.c., art. 69, secondo comma, disp. att. c.c., e art. 1131, quarto comma, c.c. dall’autorità
    giudiziaria (su ricorso anche di un solo condomino) per:
    1) omessa comunicazione all’assemblea di citazione concernente le parti comuni o la revisione delle tabelle millesimali nonché di provvedimento che abbia un contenuto che esorbiti dalle attribuzioni dell’amministratore;
    2) omesso rendiconto della gestione;
    3) commissione di gravi irregolarità. Costituiscono (“tra le altre” ex art. 1129, dodicesimo comma, c.c.) gravi irregolarità:
    a) l’omessa convocazione dell'assemblea per l'approvazione del rendiconto condominiale;
    b) il ripetuto rifiuto di convocare l'assemblea per la revoca e per la nomina del nuovo amministratore o negli altri casi previsti dalla legge (es.: ripetuto rifiuto di convocare l’assemblea entro 30 giorni dalla richiesta anche di un solo condomino per l’adozione di deliberazioni aventi ad oggetto particolari interventi quali, fra gli altri, quelli volti a migliorare la sicurezza e la salubrità degli edifici e degli impianti, ovvero finalizzati ad eliminare le barriere architettoniche o a contenere il consumo energetico);
    c) la mancata esecuzione di provvedimenti giudiziari e amministrativi, nonché di deliberazioni dell'assemblea;
    d) la mancata apertura ed utilizzazione del conto corrente condominiale;
    e) la gestione del condominio secondo modalità che possano generare confusione tra il patrimonio del condominio stesso e il patrimonio personale dell’amministratore o di altri condomini;
    f) l’aver acconsentito, per un credito insoddisfatto, alla cancellazione delle formalità eseguite nei registri immobiliari a tutela dei diritti del condominio;
    g) l’aver omesso – qualora sia stata promossa azione giudiziaria per la riscossione delle somme dovute al condominio – di curare diligentemente tale azione e la conse guente esecuzione coattiva;
    h) l’aver omesso di curare la tenuta del registro di anagrafecondominiale, del
    registrodei verbali delle assemblee, del registro di nomina e revoca dell' amministratore, del registro di contabilità;
    i) l’aver omesso di fornire, al condomino che ne abbia fatto richiesta, attestazione relativa allo stato dei pagamenti degli oneri condominiali e delle eventuali liti in corso;
    l) l’omessa, incompleta o inesatta comunicazione da parte dell’amministratore
    – contestualmente all'accettazione della nomina e ad ogni rinnovo dell'incarico – dei propri dati anagrafici e professionali, del codice fiscale (della sede legale e della denominazione, ove si tratti di società – ex art. 1129, secondo comma, c.c.), del locale dove si trovano i registri di anagrafe condominiale, dei verbali delle assemblee, di nomina e revoca dell'amministratore, di contabilità, nonché dei giorni e delle ore in cui ogni interessato, previa richiesta e rimborso della spesa, possa prenderne gratuitamente visione e ottenerne copia firmata dallo stesso amministratore.
    I condomini, anche singolarmente, possono chiedere – ex art. 1129, undicesimo comma, c.c. – la convocazione dell’assemblea per far cessare la violazione e revocare il mandato all’amministratore (*) per:
    1) commissione di gravi irregolarità fiscali;
    2) non ottemperanza all’obbligo di apertura e utilizzazione del conto corrente condominiale.
    (*)In caso di mancata revoca da parte dell’assemblea, ogni condomino può
    rivolgersi all'autorità giudiziaria; in caso di accoglimento della domanda, il
    ricorrente, per le spese legali, ha diritto di rivalersi nei confronti del condominio, che a sua volta può rivalersi nei confronti dell'amministratore revocato.
    Per la procedura di revoca giudiziaria cfr. art. 64 disp. att. c.c.
    Fonte: CONFEDILIZIA
    - Ufficio legale

    Tornando al tuo intervento, se siete andati in giudizio vuol dire che non avevate le maggioranze richieste per revocargli il mandato, ed il giudice vi ha dato torto.

    Questo o significa che c'é un'alta morosità nel condominio oppure che l'amministratore si è intascato i soldi destinati al fornitore.
     
  6. DANIELA BIRSAN

    DANIELA BIRSAN Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Esista il ambiente legale con tutte le leggi necessari ma purtroppo non si applicano, le leggi rimangono scritte solo la cartacea e per dire che abbiamo leggi. Come e stato possibile di passare per legalizzare alla Tribunale di Roma tutti questi tipi di contratti di compravendita vessatori e poi il regolamento di condominio? Sono state lette da qualche persona responsabile?Perché non hanno applicato la legge per revocarle e modificarle? Cosi potevamo evitare tutti i problemi di oggi.
     
  7. DANIELA BIRSAN

    DANIELA BIRSAN Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Perché i notai come questo con quale abbiamo fatti i rogiti ancora professano se loro hanno scritto con malevolenza tutti le clausole vessatori,questa cosa nelle condizioni in quale abbiamo pagato la soma massima per il servizio notariale( più di 2,1% dal prezzo del appartamento).
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina