1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. miosotis

    miosotis Membro Junior

    Dopo la morte di mia madre, mio padre mi presentò un elenco di spese di successione di cui voleva indietro la mia quota. Dopo poco mio padre morì e mio fratello alcuni mesi dopo mi fece avere da un avvocato un altro elenco che coincideva con quanto scritto da mio padre. Io non ho pagato, perché mio fratello ha letteralmente svaligiato la casa alla morte di mio padre: ha fatto sparire tutti i mobili, interi bauli di biancheria di mia madre e un intero laboratorio di attrezzi per il fai da te di mio padre(seghe elettriche, cacciaviti, pinze, morse, trapani, ecc, ecc).Tre mesi fa mi manda un altro elenco tramite un suo avvocato in cui ha aggiunto delle spese sostenute al tempo in cui era vivo mio padre, ma che mio padre non aveva messo sul suo elenco, né mi aveva chiesto verbalmente di fronte a testimoni di pagare. A quel punto mando io un elenco di spese di successione di mio padre che superavano di gran lunga quelle presentate da mio fratello, chiedendo la restituzione della sua quota.
    I furbi (avvocato e fratello) che ti fanno, mandano un altro elenco. Questa volta è più lungo ancora. Mio fratello ha proprio fatto grandi pulizie a casa sua! Nel nuovo elenco sono state aggiunte ancora altre cose che mio padre non si è mai sognato di chiedere e risalgono al tempo in cui lui era vivo.
    Occorre dire che mio fratello aveva un c/c cointestato con mio padre, su cui sono passate polizze che si sono volatilizzate e passava lo stipendio di mio padre, anche se i pagamenti se li intestava lui, pagava con i soldi di mio padre, ma un giudice, dal momento che mi minacciano di farmi pagare per forza, capirebbe questo?Che ne pensate?
    Mio fratello, senza dirmi nulla si è intestato anche dei pagamenti relativi ad utenze domestiche della casa di mio padre defunto, che ha pagato con molto ritardo e adesso mi chiede di pagare la mia parte di sanzione, a me non sembra giusto. Io penso che debba restituirgli solo il consumo fatto, non ho colpa se lui ha pagato in ritardo, la sanzione la deve pagare lui.Che ne dite?
    Tre giorni prima della morte di mio padre mio fratello ne ha ritirato lo stipendio.Secondo voi potrei dirgli che parte delle spese sono già state pagate con quei soldi e quindi ha meno da pretendere?
    Grazie Miosotis
     
  2. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Una bella situazione, penso che ti occorra l'assistenza di un legale che salvaguardi i tuoi diritti.

    Ciao salves
     
  3. celefini

    celefini Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    In una divisione di beni, dovuta a decesso dei genitori, le uniche cose che contano, sono i documenti, quali , donazione, testamento. Quando un genitore decide di lasciare qualcosa a qualcuno, può anche scrivere, di prorpio pugno, le sue ultime volontà, nelle quali indica a chi ed a che condizioni, vuol dare i suoi effetti personali ( orologio, quadri, mobilio,attrezzi da lavoro ecc. ecc.). Se questo è fatto verbalmente, e non scritto, non può avere nessuna validità, perchè ognuno, può raccontare la sua a suo modo. Pertanto, tutto il contendere tra te e tuo fratello, se non si basa su documenti scritti, sarà solo una gara tra legali, ed i tempi stanne certo saranno biblici. Poi a quale titolo si è intestato le utenze ? Forse abita nella casa dei genitori ? Il mio consiglio, è a te come, faccio con gli altri, è di smussare gli angoli, sedersi a tavolino e ragionare. L'alternativa, è un'interminabile attesa, nella sale dei tribunali !!
     
  4. Acacerulen

    Acacerulen Membro Ordinario

    condivido quanto detto da Celefini acnhe se è difficile raggiungere un accordo e credo che a questo punto non si raggiungerà mai. La legge obbliga, come primo passo, la mediazione cioè un tentativo di accordo e se non si raggiunge occorre l'azione legale.
    Che fare per conoscere i debiti di tuo padre occorre chiedere l'accettazione dell'eredità con beneficio d'inventario.
    Per quanto riguarda il conto corrente bancario è al 50 % di tuo fratello e il restante 50% di tuo padre che rientra nel patrinmonio ereditario. Circa il prelievo tre giorni prima della morte non avrebbe validità se il conto fosse solo intestato a tuo padre, mentre qui è cointestato, pertanto in base a quanto c'è dentro quanto prelevato da tuo fratello può essere giustificato nel suo 50%. Circa il pagamento di bollette varie se riferite a quando era in vita tuo padre è una spesa da detrarre dal patrimonio ereditato. Se invece si riferisce ad un periodo dopo la morte sono a carico di chi le ha consumate, in questo caso tuoi fratello sta usufruendo del bene immobile e dovrà corrispondere un canone mensile a te per la tua mancata fruizione. Certo è che tutti questi elenchi di spese da voi presentati se non supportati a specifici periodi e documenti non hanno alcun valore legale. Circa i ritardi del pagamento non capisco perchè debba essere tuo fratello a farsene carico a meno che non sia esecutore testamentario.
     
  5. Gugli

    Gugli Membro Attivo

    il consiglio che mi sento di darti è prima di tutto di ragionare con documenti alla mano come già detto sopra quindi come primo passo fai accesso al c/c bancario del de cuius e sappi che puoi chiedere i movimenti degli ultimi 10 anni in modo che puoi controbattere a fianco magari del tuo legale o anche da solo tutte le spese e gli eventuali introiti esercitati da tuo fratello
    secondo me la cosa migliore è che ti prepari un dossier e se trovi distrazioni di denaro che non corrisponde a spese autorizzate da tuo padre lo porti in tribunare con tanto di denuncia di appropriazione indebita
    per esperianza personale con persona che si comportano così NON ci puoi ragionare se non prima gli amtti le spalle al muro
    facci sapere...



    nel caso la banca facesse storie inviami una mail che ti cito sentenza e quant'altro ti serve per rompere ogni indugio
     
  6. MARIELLA4935

    MARIELLA4935 Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    allora mi trovo in situazione simile ( vedi la mia discussione ) attenzione anche se tuo padre era in vita e tuo fratello fa risultare che ha pagato le bollette dovrebbe alquanto dimostrare....perhe anch tu allora potresti dire che andavi a farle la spesa .....e poi tuo padre presumo che prendeva una pensione.......il conto corrente cointestato fai un estratto conto vecchioi di anni e vedi se ci sono stati bonifici non CHIARI.....ma comunque infatti come gia ti hanno detto devi accettare l eredita con il beneficio di invetario .......anche in vita ricordati IMPORTANTE non si puo dare soldi a un figlio e all altro no .......questi soldi rientrano nel patrimonio di tuo padre e poi diviso a due ....lo so per certo chiesto ad avvocato .....auguroni
     
  7. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Concordo con gli altri che chiedono di avere accesso al conto corrente cointestato.

    Certo è che nel cointestato la divisione è in parti uguali tra i contestatari, ma qui mi sembra di capire che si possa risalire chiaramente a chi metteva i soldi e anche alle sue uscite. Per essere chiari tuo padre metteva lo stipendio, tuo fratello faceva lo stesso? Venivano pagate le utenze, è facile risalire a quelle di tuo padre chiedendo alla ditta erogatrice ed escludere gli altri RID. Si possono verificare i prelievi da chi sono fatti. Se c'è sempre lo zampino di tuo fratello e sul conto lui non ha mai bersato nulla è lapalissiano che si sta appropriando sia in vita che dopo la morte di parte di asse ereditario.
    Il mio consiglio è quello quindi di presentarti da lui (de visu o tramite avvocato con lettera o citandolo in tribunale, . . . certo che sono azioni con costi differenti) ma con in mano carte che cantano:
    Prelievi dal C/C non fatti da tuo padre;
    Spese RID sul C/C non di tuo padre (se aveva rid anche per le sue fatture);
    Versamenti solo da tuo padre;
    Svuotamento casa senza avvisarti e senza darti nulla e per di più ti fornisce la prova che l'ha fatto;
    Sfruttamento dell'appartamento senza chiedere e vietandolo a te.
    Sperando di esserti stato utile.
    Luigi
     
    A MARIELLA4935 piace questo elemento.
  8. Acacerulen

    Acacerulen Membro Ordinario

    PUOI INDICARE LA SENTENZA NEL fORUM. GRAZIE
     
  9. MARIELLA4935

    MARIELLA4935 Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    IO SO CHE NON PUOI chiedere in banca estratti conti vecchi tranne se non hai fatto una successione bancaria e che dimostri che hai titolo per farla ....o non e cosi ?? infatti io non sono ancora riuscita a farla sto aspettando ancora l atto di successione e beneficio di inventario ...ma attendiamo dunque la sentenza
     
  10. Acacerulen

    Acacerulen Membro Ordinario

    Puoi accedere al c/c portando copia dell'apertura della successione, certificazione morte del de cuius. Io ad esempio non ho ancora richiesto il beneficio d'inventario, ma da un mio fratello è stata aperta la successione. Il beneficio d'inventario è relativo alla accetazione dell'eredità e non condiziona l'apertura della succesione.
     
  11. Acacerulen

    Acacerulen Membro Ordinario

    qualsiasi erede può aprire la successione all'Agenzia delle Entrate.
     
  12. MARIELLA4935

    MARIELLA4935 Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    GRAZIE TESUR ....SEMPRE informatissimo
     
    A Acacerulen piace questo elemento.
  13. miosotis

    miosotis Membro Junior

    Da un legale ci sono andata, anzi, da più legali, purtroppo, come uno di voi ha detto e vi ringrazio tutti, purtroppo non ci si ragiona. La successione è stata fatta, la casa è ancora indivisa. Mio fratello aveva un c/c cointestato con mio padre, ma su quel conto passava solo lo stipendio di mio padre, mio fratello prendeva solamente, perchè mio padre era invalido e non poteva recarsi all'ufficio postale, inoltre, sul testamento lo ha nominato esecutore testamentario. Non si faceva più vedere dai genitori da anni, sono stata io a chiamarlo, date le precarie condizioni di salute di mia madre. quando ha messo piedi in casa ha convinto mio padre a mettermi alla porta e mio padre, persona fragile, gli ha dato ascolto. E' stato un dramma per me, anzi per me e mio marito, che ci eravamo dedicati all'assistenza dei genitori senza mai chiedere nulla.
    Mio fratello gli ha fatto ritirare tutti i soldi di libretti e polizze alla posta, dopo qualche mese si è comprato una macchina di grossa cilindrata e tanti, ma tanti soldi sono spariti e alla morte dei genitori non ho trovato nulla. Io ce l'ho il c/c ho scritto pure alle poste quando ho saputo, con ritardo,di chiudere il conto, ma ormai...Io ho controbattuto a fianco di un legale per i soldi che venivano prelevati sempre con la carta di mio fratello, ma il suo avvocato ci ha detto che non avevamo prove per dire che i soldi se li era intascati lui, e che mio padre li aveva dati in beneficenza. Per i mobili il giorno che lui li ha portati via io mi sono trovata casualmente lì, ho chiamato i carabinieri, ma non sono venuti. E adesso mio fratello nega di averli presi lui.Avrei fatto meglio a denunciarlo, il fatto è accaduto due anni fa.
    La cosa che mi dà molto fastidio è questo chiedermi soldi. I servizi funebri se li è intestati lui, ma io so che i soldi li ha presi da mio padre. Ti dice il suo avvocato che non è così, che ha speso tutto di tasca sua. Ma, scusate, solo un cretino potrebbe crederci. Però mi dà fastidio con le continue richieste di pagamento, pur sapendo che di suo non ha tirato fuori il becco di un quattrino. Io ho pensato di chiedergli un risarcimento di quanto ha portato via, anche se non me lo darà mai. la conciliazione l'abbiamo fatta ed è fallita, sempre perchè mio fratello non si accontenta anche per la casa, desidera darmi meno di quello che mi spetta, io non lo posso accettare, ha già fatto tanto male e mi ha enormemente danneggiata.
    Sono molto amareggiata, ho pagato tre avvocati in questi anni, ma non concluso nulla, sto apprendendo più cose da questo forum che da loro e in più mio fratello mi perseguita con questi conti che a me non tocca di pagare,per i motivi che vi ho esposto.
    Lui non ci abita nella casa di mio padre, vorrei capire come ha fatto ad intestarsi l'utenza dei rifiuti, l'impiegato addetto non mi ha fornito delle risposte esaurienti. Certo qualcosa di anomalo c'è.
    -Io continuo a ripetere che per logica se lui si è intestata l'utenza e poi si è dimenticato di pagarla, non può chiedere a me di pagare parte della sanzione.
    Miosotis
     
  14. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    La casa di tuo padre la devi godere pure tu.

    Chiedi copia di un certificato di residenza di tuo fratello per accertarti che lui non ha li la residenza e poi chiedi le chiavi della casa per potervi accedere, se lui si rifiuta gli chiedi l'affitto.
    Scegli un avvocato senza scrupoli, quelli tosti, da quello che dici è quello che serve, e se devi andare giù pesante non avere remore. I prepotenti lo sono ancor di più con i deboli.
    Ciao
    Luigi
     
  15. celefini

    celefini Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Cara Miosotis, altre volte sono intervenuto in caso analoghi, o simili al tuo, anzi anche in parte mio. Noi nel nostro dialetto, abbiamo un proverbio che tradotto in Italiano cita : I SOLDI CHE ENTRANO DALLA FINESTRA, SE NE ESCONO DALLA PORTA. Questo vuol dire chi ruba agli altri a sua volta sarà derubato per il doppio. La nostra vita terrena, per chi crede, è una fumata di sigaretta. Se puoi passaci sopra e spera solo che il Padreterno ti dia tanta salute e serenità, con la tua ciscenza. Non credo che possa fare lo stesso tuo fratello, perchè in fondo al suo cuore, sicuramente, sa di averti fatto del male. I conti non si fanno QUI', li dovremo fare LA'.
     
  16. MARIELLA4935

    MARIELLA4935 Membro Junior

    Inquilino/Conduttore
    ATTENZIONE .......SE SAI CHE SI SONO PRELEVATI SOLDI E POI SUBITO DOPO LUI SI E ACQUISTATO MACCHINA DI GROSSA CILINDRAT ...........deve dimostrare in giudizio come se le pagata ..........
     
  17. miosotis

    miosotis Membro Junior

    Grazie
    Miosotis
     
  18. Acacerulen

    Acacerulen Membro Ordinario

    Condivido pienamente, ma prima devi lottare perchè devi aiutare la Provvidenza ad intervenire.
    Circa quanto segnalato devi chiedere al Tribunale di suddividere il bene ereditato mediante vendita del Tribunale. Contestualmente devi pignorare la parte di tuo fratello per l'ammontare dell'uso unilaterale dell'immobile ossia la tua mancata fruizione. Questo è accertato proprio dalle intestazio9ni delle utenze.
    Tuo fratello ha facoltà di risiedere nell'immobile seppure illegittimamente fino a che non vi sia la decisione del Tribunale (pagandoti un indennizzo per l'utilizzo) e nessuno può negargli le utenze. Piuttosto adesso ti informo di una beffa: dovrai pagare l'IMU sull'immobile al 50 % con tuo fratello e se non lo fai entro oggi pagherai la multa e gli interessi di mora (è poca roba se lo fai entro 15 gg dalla scadenza).
     
  19. miosotis

    miosotis Membro Junior

    Mio fratello non risiede nell'immobile! Però si è intestato l'utenza dei rifiuti di quell'immobile caduto in eredità, senza dirmi niente. E' arrivata, tra le tante spese documentate che mi ha fatto inviare dal suo avvocato, anche una bolletta di pagamento di rifiuti che lui ha pagato in ritardo ed ora pretende che oltre alla tassa dei rifiuti, io paghi pure le sanzioni.E' giusto?Pensate che sia meglio scrivere al Comune per chiedere spiegazioni?
    Pretende che gli paghi la pubblicazione del testamento olografo che lui ha fatto fare a mio padre ultranovantenne facendosi intestare
    la disponibile. Sbaglio o non mi tocca di pagarlo?
    Pretende che gli paghi spese fatte quando era vivo mio padre e che mio padre non mi ha mai chiesto, perchè sono ricevute di pagamento intestate a lui, ma i soldi erano di mio padre ancora vivente.
    Secondo me la metà dei soldi del c/c che aveva cointestato con mio padre e che gli spettano di diritto, sono da togliere dal suo patrimonio ereditario. Non è una donazione, questa? Purtroppo ha man forte da un avvocato tosto, io ho sempre trovato dei rammolliti che ho dovuto pagare fior di soldi e mi hanno fatto ritrovare peggio di prima.
    A mio padre ha fatto fare due testamenti, uno davanti all'avvocato di cui sopra e c'era scritto che gli lasciava la disponibile, il secondo penso che gliel'abbia fatto fare mio fratello perchè ha fatto scrivere che oltre alla disponibile gli lasciava anche la legittima.Evidentemente mio fratello aveva paura che gli potesse sfuggire qualcosa. Secondo voi può essere considerato un vizio di forma che scriva di lasciargli la legittima? Probabilmente sto chiedendo una cavolata, ma se qualcuno lo sa, per favore, me lo dica. Non vivo bene queste continue richieste di soldi, figurativi che una volta mi ha chiesto di pagare delle lampade votive per mia madre, che non rientrano assolutamente tra i pesi ereditari, almeno mi sembra. Madre che lui ha abbandonato per 17 anni e poi si è fatto vivo dopo che l'ho fatto chiamare, perchè stava male e non riconosceva più nessuno.Poi d'improvviso, quando ha visto i risparmi di una vita di due persone che hanno fatto sempre sacrifici, non li ha lasciati più, il bravo figliol prodigo e per quanto mi riguarda ha fatto di tutto per allontanarmi.
    Per me è come se avessi perso già una causa con tutto quello che mi è stato tolto, in affetti e in patrimonio. Se pagassi, se accettassi di dividere l'immobile come dice lui, per evitare una causa,che mi minaccia continuamente di fare, sarebbe come perderne un'altra.
    Miosotis
     
  20. Gugli

    Gugli Membro Attivo

    fai vedere il testamento a persone fidate e competenti per verificare la veridicità ...potresti impugnarlo se è falso
    poi ... è vero che non è opportuno generalizzare ma data la mia personale esperienza OCCHIO agli avvocati perchè si mettono d'accordo e si schierano entrambi con la parte più forte ed arrogante oltre che per vantaggi economici (si parla tanto di corruzione tra privati...ma nessuno ne parla)
    insomma volevo dirti che non è ascluso che tuo fratello cerchi di pagare favori per se dal tuo avvocato ( conosco vari casi !!!)
    certo mafari il tuo avvocato sarà il più onesto del mondo ma ti riporto quello che dice il mio:
    "...di avvocati Onesti ce ne sono pochi!"
    mettiti a caccia e affidagli il caso concordando una bella percentuale che sono accordi previsti e del tutto legittimi
    come importantissima.... se ci riesci cerca di non vedere tuo fratello come un fratello ma come una persona che non lo è più perchè nei fatti NON lo è e NON lo fa e non lo farà mai più
    cioè da domani comincia a pensare che nonn hai più un fratello ma una serie di incombenze da sbrigare... se ci riesci
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina