1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. santinoc

    santinoc Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Utilizzando i servizi online dell'Agenzia delle Entrate mi sono reso conto che un immobile che ho acquistato nel 1999 risulta ancora accatastato a nome del vecchio proprietario.

    L'atto di compravendita risulta però regolarmente registrato presso la Conservatoria.

    La questione fra l'altro è complicata da altri due fatti:

    - la particella catastale indicata nell'atto risulta soppressa dal 2015 e sostituita da un'altra - i riferimenti catastali pertanto non sono più quelli indicati nel rogito notarile;
    - l'indirizzo dell'immobile indicato al catasto risulta differente da quello indicato nell'atto notarile - questo dipende dal fatto che l'immobile risulta situato a cavallo su due strade, sebbene da tempo sia presente un solo ingresso.

    In ogni caso mi pare evidente che debbo procedere ad effettuare una voltura catastale (sebbene credo che fosse un obbligo del notaio procedere in tal senso all'atto della stipula dell'atto).
    Vorrei sapere però se posso effettuare da solo la voltura presso il Catasto senza dovermi rivolgere a un tecnico e se dovrò pagare delle sanzioni (mi dicono di no, in quanto dopo cinque anni scatta la prescrizione, vorrei però averne conferma).

    Vi ringrazio anticipatamente.
     
  2. Excalibur

    Excalibur Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Forse è meglio se senti un tecnico vista la questione delle particelle e il resto di cui parli. Trattasi di pura opinione personale. Sulle sanzioni non so dirti.
     
  3. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    La prima cosa che devi fare è andare dal notaio che ha stipulato il tuo atto d'acquisto e chiedergli gli estremi della domanda di voltura, ovvero la ricevuta, spiegando che in catasto non risulterebbe niente a tuo nome.
    Poi, leggo ora l'intervento di @Excalibur che condivido.
     
    A Daniele 78 e Excalibur piace questo messaggio.
  4. santinoc

    santinoc Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Il notaio che ha stipulato l'atto aveva 70 anni nel 1999, anche ammettendo che sia ancora vivo, sicuramente non esercita più.
    Questa mattina ho poi scoperto un'altra incongruenza: l'atto risulta registrato in Conservatoria e la controparte (il venditore) risulta identificato dal codice fiscale indicato nel rogito.
    Se però clicco sul codice fiscale della controparte si apre una finestra con un codice fiscale diverso e con un ulteriore nome, aggiuntivo rispetto a quello riportato nell'atto.
    A quel punto ho utilizzato il servizio di verifica del codice fiscale, inserendo il codice fiscale riportato nell'atto notarile. La risposta è stata: "DATI VALIDI, CODICE FISCALE NON PIU' UTILIZZABILE IN QUANTO AGGIORNATO IN ALTRO CODICE FISCALE".
    Insomma, sembrerebbe che il venditore ha cambiato codice fiscale e che questo cambio sia determinato dalla comparsa del secondo nome.
     
  5. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Se il notaio non esercita più, accertato che non esiste alcuna domanda di voltura al riguardo, ti dovrai fare parte attrice per (ri)presentarne una all'Agenzia delle Entrate, allegando una copia dell'atto.
     
    A Daniele 78 e santinoc piace questo messaggio.
  6. moralista

    moralista Membro Senior

    Professionista
    Sarebbe opportuno acclarare il Codice fiscale, mi sembra una anomalia, che sia stato aggiornato? forse che sia stato unificato dal doppio nome
     
  7. basty

    basty Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non molto tempo fa, hanno deciso di rilevare il nome completo come se non fossero state poste le virgole a separazione del primo, secondo, terzo nome: e chiesto agli interessati se volevano abolire o mantenere queste aggiunte al nome.
    Spesso la conseguenza è stata il cambio di CF.
     
  8. basty

    basty Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Io proverei a fare una ricerca incrociata a partire sia dagli estremi di particella (nuovi e vecchi) e dai nuovi codici fiscali, con visure storiche: può darsi venga fuori l'arcano.
     
    A Daniele 78 piace questo elemento.
  9. santinoc

    santinoc Membro Junior

    Proprietario di Casa
    La visura storica l'ho fatta ed è emerso che la particella individuata nell'atto è stata soppressa nel 2005 e fino a quella data era intestata al venditore.
    La nuova particella (quella che sostituisce la particella soppressa) è stata anch'essa intestata al venditore col codice fiscale vecchio (quello indicato nel rogito notarile).
    Il cambio del codice fiscale invece suppongo sia dovuto alla problematica rilevata da basty ma è la questione che mi fa più paura, non vorrei infatti che il fatto che l'atto sia stato stipulato con l'indicazione di un solo nome renda necessaria una rettifica da effettuare tramite notaio (con tutte le spese e i fastidi che ne conseguono).
     
  10. basty

    basty Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non penso.
     
  11. santinoc

    santinoc Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Ho incaricato un geometra di effettuare la voltura.
    Mi ha detto che non dovrebbero esserci problemi in quanto l'atto risulta correttamente trascritto in Conservatoria e quindi, in qualità di proprietario, ho il diritto alla voltura.
     
    A Daniele 78 piace questo elemento.
  12. basty

    basty Membro Storico

    Proprietario di Casa
    L'unico problema se così vogliamo chiamarlo, è che ti toccherà di pagare la parcella del geometra. Il sapere cosa invece era successo poteva essere una magra consolazione, al più far effettuare la voltura direttamente dall'ufficio, se si riusciva a dimostrare un errore di trascrizione.
     
  13. clemente

    clemente Membro Attivo

    Professionista
    quello che è strano è che assieme all'atto non ci sia la ricevuta della voltura ... di norma i notai la allegano al fondo
     
  14. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Io e mio fratello siamo nati, lui nel '46, io nel 48 entrambi a Selargius. Inizialmente il codice fiscale del luogo di nascita riportava per entrambi I580 dopo diversi anni a lui è stato cambiato perché si sono ricordati che nel '46 Selargius era frazione di Cagliari, per cui gli è stato sostituito il vecchio con il nuovo che riporta B354.
     
    A colpam piace questo elemento.
  15. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    La domanda di voltura costa 71 € di diritti ed il modulo si compila in 10 minuti. Generalmente la consegna allo sportello la fa il cliente. Pertanto il suo costo è irrisorio.
     
  16. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Forse adesso che la documentazione viene presentata digitalmente, perché fino a qualche anno fa la voltura poteva essere presentata entro un mese (se non erro) e sovente questa incombenza cadeva nel dimenticatoio. Mi capita spesso di avere necessità di regolarizzare le ditte catastali e per avere gli estremi della domanda di voltura mi rivolgo a certi studi notarili. Mi chiedono qualche giorno per la ricerca e quando ottengo la copia della ricevuta appare la data di consegna del giorno prima .
     
  17. clemente

    clemente Membro Attivo

    Professionista
    In tanti anni di attività raramente ho visto atti privi di ricevuta di voltura, probabilmente qui a Torino son pignoli i notai, e solo in caso di atti antichi ... Molto più frequente è invece che le domande di voltura cartacee giacciano in qualche pila polverosa di pratiche dimenticate al catasto ;)
     
    A Daniele 78 piace questo elemento.
  18. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Non voglio mettere in dubbio la tua affermazione, ma in 45 anni di attività ho sempre visto atto e nota di trascrizione. La domanda di voltura è sempre stata presentata con comodo, anche perché era un onere a carico del notaio che aveva già intascato la sua parcella, rimborso spese comprese.
     
  19. clemente

    clemente Membro Attivo

    Professionista
    Neppure io voglio mettere in dubbio le abitudini dei notai in altre zone ma credimi qui ho sempre trovato (e opero dal 1984) la ricevuta della voltura pinzata alla cartellina contenente l'atto ... molto diverso il discorso del catasto dove spesso si "dimenticavano" di fare le volture cartacee, tanto è vero che sono anni ed anni che le presento solo tramite file
     
  20. santinoc

    santinoc Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Ma rischio sanzioni per il ritardo?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina

  1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies.
    Chiudi