1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Rossella52

    Rossella52 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    mio fratello, nonostante le mie continue richieste sia verbali che scritte non mi consegna le chiavi , anzi non risponde nemmeno alle mie raccomandate R/R .
    In pratica sto' scrivendo a "nessuno".
    Alla morte ns mamma aveva fatto un testamento lasciando erede unico mio fratello e a me' la legittima.
    Il testamento e' stato regolarmente pubblicato, poi e' stata fatta la procedura presso l'Ufficio delle Entrate.
    C'è da dire che mio fratello (a mia insaputa ) ha seguito ns madre per gli ultimi 10 anni di vita e quindi si sente in "diritto" di avere tutta la proprietà , ma lui ha già avuto di più e tra l'altro non mi ha mai messo al corrente di quello che stava facendo quando ns madre era in vita, nonostante le mie ripetute richieste.
    Nell'ultima raccomandata ho minacciato una denuncia, ma niente lui non risponde.
    Questa situazione è molto dolorosa e disarmante, ma adesso come mi posso muovere ?
    Sono già stata da un avvocato che mi ha paventato una conciliazione presso un conciliatore con relativa assistenza legale, ma visto il valore esiguo dell'immobile non vorrei imbarcarmi in azioni legali costose e lunghissime.
    Attendo un consiglio disinteressato .
    grazie dell'attenzione, cordiali saluti.
     
  2. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Anziché una causa legale contro il fratello è preferibile l'azione per la divisione dell'immobile e liquidazione Sua quota di spettanza
    Proponga al fratello la divisione giudiziale dell' immobile con offerta di riscatto della sua quota a prezzo di mercato; non le rispondesse o non accettasse, tramite legale:
    - un giudice metterà all'asta l'immobile
    - tutte le spese di divisione a carico di entrambi in % della quota di ciascuno (la spesa maggiore sarà del fratello)
    - a lei verrebbe liquidato il valore della sua quota
    Se suo fratello tiene realmente alla casa... non gli rimane che assecondarla (sarebbe assai danneggiato dalla vendita in asta al contrario di lei che otterrebbe quanto dovutole, anche se a prezzi non proprio di mercato = sempre meglio che nulla come ora)
     
    A casanostra piace questo elemento.
  3. Rossella52

    Rossella52 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Grazie Ollj, comunque la proposta della divisione dell'immobile sarebbe da inoltrare a mio fratello sempre tramite un legale ?
    Cordiali saluti
     
  4. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    In prima battuta il legale non serve; può fare un'offerta formale da lei firmata affinchè il fratello rilevi la sua quota.
    Poi lo avvavvia voce che se non intende far nulla e lasciarle il cerino in mano, sarà costretta a chiedere, con un legale, la divisione giudiziale come su indicato; fossi suo fratello non tirerei troppo la corda...
     
  5. Rossella52

    Rossella52 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Il problema è che mio fratello non mi risponde ne' al telefono ne' hai messaggi ne' alle mail e nemmeno alle raccomandate con ricevuta di ritorno.
    E' veramente difficile trovare un accordo con un muro
    grazie comunque cordiali saluti
     
  6. fiorio

    fiorio Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Ma la ricevuta di ritorno arriva? Se arriva significa che ha preso la lettera, non l'ha rifiutata e quindi probabilmente la leggerà. Quello è l'importante.
    Nell'impossibilità di dialogare, nella lettera suggerita da Ollj, oppure in una successiva, potrà inserire, oltre all'offerta formale perché il fratello rilevi la sua quota, anche la precisazione seguente, ossia che in mancanza di riscontro sarà costretta a chiedere la divisione giudiziale, cosa che, trascorso un ragionevole tempo, potrà sempre fare come ultima spiaggia. Infatti certo sarebbe meglio per entrambi che suo fratello venisse a più miti consigli, ma a mali estremi estremi rimedi.
     
  7. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Non vorrei che il suo disegno sia quello di accampare usucapione, probabilmente perché convinto che dopo vent'anni diventi proprietario. Ovviamente, questa ipotesi non è perseguibile perché il possesso decorre dalla data del decesso di vostra madre.
     
  8. Rossella52

    Rossella52 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Ci sono delle novità, la ricevuta non mi è ancora ritornata, ma seguendo la raccomandata sul sito delle poste avevo visto che era stata ritirata .
    In questa raccomandata ribadivo la richiesta delle chiavi e la richiesta di essere liquidata della mia parte.
    Ora mi ha chiamata il mio avvocato che ha ricevuto una telefonata dall'avvocato incaricato da mio fratello, mi ha riferito la conversazione e adesso gli ho dato mandato per rispondere all'avvocato di mio fratello ribadendo le mie richieste.
    Mio malgrado penso di essermi già imbarcata in una azione legale, comunque adesso vedremo grazie cordiali saluti.
     
  9. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    E si! entrambi dovrete mettere in conto l'intervento dei legali le cui parcelle saranno calcolate sul valore dei beni ereditati.
     
  10. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Dica al proprio legale di non procedere ad alcuna vertenza per il recupero della quota; punti alla divisione giudiziale e vendita dell'immobile: sarà suo fratello a subirne tutte le conseguenze, spese legali comprese (che saranno a carico dell'eredità pro quote, con suo fratello che sarà il contribuente maggiore)
     
  11. Rossella52

    Rossella52 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Ollj , non ho capito deo dire al mio legale di non procedere ad alcuna vertenza per la divisione, quindi gli devo dire di pensare solo al recupero delle chiavi ?
    Ma le spese legali sono comunque pro quote ? io le sto' sostenendo per far valere un mio diritto che mi è negato.
    Grazie
     
  12. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Molto semplicemente:
    - no a causa legale per ottenere il possesso della quota bene cui è stata estromessa: qui pagherebbe lei, salvo diversa sentenza del giudice.
    - domanda giudiziale divisione immobile ereditario; le verrà liquidato dal giudice il valore (anche mettendo il bene all'asta se suo fratello sarà ostinato); tutte le spese saranno ripartite tra gli eredi pro quota (e suo fratello avrà la spesa maggiore). I denari li anticipa lei e con la vendita/divisione giudiziale le sarà restituito il dovuto
     
  13. Rossella52

    Rossella52 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    grazie dei consigli cordiali saluti
     
  14. Rossella52

    Rossella52 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Buongiorno, sono di nuovo qui con il mio problema.
    la situazione attuale e': a seguito di alcune richieste inviate dal mio avvocato sono venuta in possesso delle chiavi.
    In data 01/08/2016 ho scritto una raccomandata a mio fratello come segue:

    "Ti informo che farò fare una valutazione dell’immobile e del contenuto , ai fini della vendita e ti darò una prelazione per l’acquisto della mia parte, come prescrive la legge, se tu non fossi interessato all’acquisto la metterò in vendita comunque , tieni inoltre presente che o si chiude questa faccenda “bonariamente” o comunque tutelerò giudizialmente il mio diritto arrivando fino alla messa all’incanto con relativo deprezzamento dell’immobile e soprattutto spese legali da sostenere da entrambi le parti , vedi tu."

    A oggi non ho avuto alcun riscontro, ho fatto delle valutazione on line e vorrei sapere a questo punto come mi dovrei muovere e cioe' :
    - la raccomandata del 01/08 in cui informo e do' la prelazione a mio fratello per un eventuale acquisto della mia quota
    ha un valore "legale" ? da questa data devo attendere due mesi ?
    - trascorsi i due mesi senza contatti potro' dare mandato ad una agenzia per la vendita a terzi ?

    Grazie dell'attenzione, cordiali saluti
     
  15. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Ormai non ti resta che chiedere la divisione giudiziale. Pertanto ti dovrai rivolgere ad un legale perché attivi l'iter. Anche perché è impensabile trovare un acquirente di una quota di un immobile, che ritengo, indivisibile.
     
  16. Rossella52

    Rossella52 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Ma scusa io sapevo che se uno proprietario vuole vendere l'altro non si puo' opporre, quindi o mio fratello compra la mia quota o si vende a terzi non è cosi' ?
     
  17. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Certo, però chi è che acquisterebbe una quota di un fabbricato indivisibile?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina