1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Danina

    Danina Nuovo Iscritto

    Buongiorno a tutti; è il mio primo post in questo forum e mi scuso fin d'ora nel caso avessi sbagliato sezione o commesso altri errori :???:
    Il mio quesito è il seguente:
    insieme a mio nonno e mio zio, per rappresentazione ho ereditato da mia nonna la quota di 1/3 di un immobile composto da più appartamenti.
    Fino a poco tempo fa l'intero immobile veniva gestito da mio nonno (in forza di mandato verbale da parte di mia nonna e con la nostra tacita approvazione).
    In assoluta autonomia, mio nonno ha sottoscritto tutti i contratti di locazione dei vari appartamenti; specifico che detti contratti recavano e recano unicamente la sua sottoscrizione e mai nessuno, ne' inquilini ne' Agenzia Entrate, ha mai sollevato obiezioni.
    Da qualche tempo mio zio è entrato in lite con noi e dichiara di voler partecipare alla gestione della comunione; ne' mio nonno ne' io avremmo nulla in contrario...se non fosse che mio zio rifiuta sistematicamente di dare il proprio assenso a qualsivoglia spesa o altra iniziativa necessaria per il buon andamento dell'immobile.
    Ci è stato detto che, in ragione di una recente circolare dell'Agenzia Entrate, ai fini della registrazione dei nuovi contratti di locazione è necessario che essi siano sottoscritti da tutti i comproprietari; se così fosse, in considerazione dell'ostruzionismo di mio zio, per noi sarebbe impossibile locare gli appartamenti che sono rimasti sfitti...con gravissimo danno economico.
    Ho provato a fare qualche ricerca in internet ma senza esito, ho chiesto ad un avvocato e lui mi ha confermato che è così ma non ha saputo darmi riferimenti normativi.
    Qualcuno sa qualcosa in merito? E' vero che occorre la sottoscrizione di tutti i comproprietari? In forza di quale provvedimento? Grazie mille
     
  2. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    credo in forza del buon senso che impone che di una cosa mia debba decidere io. non vi resta altro che sciogliere la comunione così dopo ognuno gestirà il suo come meglio ritiene.

    PS siete sicuri che lo zio voglia rinunciare alle entrate degli appartamenti sfitti?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina