1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. fabrizio

    fabrizio Membro Attivo

    Buongiorno,

    gradirei qualche suggerimento in merito.
    A breve comincio dei lavori di ristrutturazione di un piccolo alloggio disposto su due piani.
    Poichè anche la soletta ancora in legno verrà demolita e ricostruita in alternativa ai caloriferi classici qualcuno saprebbe elencarmi pro e contro di un impianto di riscaldamento a pavimento?
    Infine mi è stato proposto per gli impianti tubo multistrato...
    Preciso di abitare in un paesino dell'entroterra quindi in inverno le temperature sono abbastanza rigide.
    Grazie
     
  2. CAFElab

    CAFElab Membro Attivo

    Professionista
    La scelta di un impianto di riscaldamento dipende da vari fattori, prima di tutto per quanto tempo viene utilizzata casa:
    se passi molto tempo in casa è da consigliare.

    I contro sono che l'impianto impiega del tempo ad andare a temperatura, non si può arrivare in casa e accendere l'impianto, va acceso qualche ora prima.
    Non si possono lasciare aperte le finestre troppo a lungo, il che implica che l'isolamento dell'involucro dovrà essere ben fatto e andranno risolti i ponti termici.
    In bagno andrà comunque previsto un termoarredo a temperatura superiore.

    Una cosa di cui tenere conto è che l'impianto ha uno spessore considerevole dato dai pannelli isolanti entro cui si snodano i tubi (si in multistrato), nelle ristrutturazioni ci viene sempre richiesto, difficilmente si riesce ad avere quegli spazi in un appartamento.

    ecco una sezione del pacchetto a terra
    [​IMG]

    I pro sono che l'impianto non ruba spazio (a parte una centralina a muro abbastanza grande), non c'è la spesa dei termosifoni, l'impianto mediamente costa 40-50€/mq, un termosifone d'arredo costa facilmente 1000€, non ci sono i moti convettivi generati dai termosifoni o ventilconvettori che possono alzare polveri o acari, e in se viene percepito come valore aggiunto per l'immobile.

    Si può realizzare l'impianto anche per raffrescare durante la stagione estiva prevedendo un vano tecnico per il serbatoio di scambio e adottare dei deumidificatori, ma i costi si raddoppiano.

    qualche foto dell'impianto
    [​IMG]
     
    A Daniele 78 e fabrizio piace questo messaggio.
  3. fabrizio

    fabrizio Membro Attivo

    Grazie ...molto esaudiente la risposta...
     
  4. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Mio fratello ha una casa nuova (4 anni) con questo tipo di impianto, siamo a 700 mt s.l.m. nelle prealpi venete.; ha dovuto mediare, per le mezze stagioni, con una stufa a legna per intiepidire le serate in casa altrimenti si ritrovava a dover accendere il riscaldamento ai primi di ottobre e, anche se a temperatura bassa, doverlo tener continuamente acceso fino a maggio, con costi non proprio limitati..... In questo modo accende l'impianto a dicembre e lo spegne ad aprile....
     
  5. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Aspetta un'attimo posso sapere la classe energetica della casa di tuo fratello?? Sembrerà una stupidata ma l'impianto dovrebbe seguire l'involucro, se l'involucro è mal progettato o realizzato o entrambi ecco che puoi avere questi problemi. Ti faccio un esempio molto banale ;se tu decidessi di mettere in una casa che disperde molto un tipo d'impianto come questo...avendo una temperatura di soli 20/30 ° dal pavimento e temperature percepite di 19/20 gradi (anche se distribuito) avresti sicuramente più freddo che non con un vecchio impianto a radiatori dove la temperatura degli stessi tocca i 70/80° con temperature effettive anche di 22° ed oltre. Quindi l'isolamento dell'immobile condiziona (oltre alla posizione geografica) molto il funzionamento del riscaldamento e non è neppure detto che la soluzione coibentante per la mia zona sia la migliore per la tua (parlo proprio di caratteristiche di trasmittanza dei materiali) e di conseguenza anche l'impianto termico ne risente.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina