• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ant_man

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#1
Buongiorno a tutti,
sto ristrutturando casa, che è dotata di un impianto di riscaldamento centralizzato, con valvole termostatiche e contabilizzatori di calore.
Vorrei munire la mia unità immobiliare, che è all'ultimo piano, di una certa autonomia energetica.
La cosa che prediligo è un impianto di riscaldamento termoautonomo, in cui utilizzare gli stessi radiatori del centralizzato (anche per ovvi problemi di spazio) e collegarli ad entrambi gli impianti. Ciò al fine di accendere l'impianto termoautonomo per esempio la notte, quando il centralizzato è spento. Idraulicamente non c'è problema, mentre potrebbe esserci ai fini della contabilizzazione.
I contabilizzatori, infatti, sono piombati ai radiatori, ed ho il dubbio che continuassero a misurare consumo di calore, anche quando i radiatori sono collegati al mio impianto termoautonomo.
Se qualcuno conoscesse i dettagli del funzionamento di questi apparecchietti, vi sarei grato.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
#3
Sicuramente usando i medesimi radiatori, in cui è presente il ripartitore di calore, ti troveresti addebitato dal condominio anche il calore erogato dal tuo termo autonomo.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
#6
La cosa che prediligo è un impianto di riscaldamento termoautonomo, in cui utilizzare gli stessi radiatori del centralizzato
Tecnicamente tutto è possibile...ma bisogna capire quante complicazioni e spese vuoi sobbarcarti senza scopi.

Sdoppia gli impianti magari pensando ad altre tecnologie si da poter scaldare anche nell'ipotesi di mancanza di gas ...ma soprattutto, visto che se in alto, pensa alla coibentazione.
 

moralista

Membro Senior
Professionista
#7
non è necessario collegarti all'impianto esistente per avere un supplemento di calore al tuo impianto nelle ore passive, basta avere certe stufette elettriche a risparmio energetico, da collegare nei vani dove ti necessità e con una minima spesa sei a posto
 

luciano1949

Membro Attivo
Proprietario Casa
#8
Buongiorno a tutti,
sto ristrutturando casa, che è dotata di un impianto di riscaldamento centralizzato, con valvole termostatiche e contabilizzatori di calore.
Vorrei munire la mia unità immobiliare, che è all'ultimo piano, di una certa autonomia energetica.
un paio di condizionatori con pompa di calore, no?
poca spesa e in più ti troveresti ad avere bel fresco d'estate, sicuramente spenderesti meno che fare dei pastrocchi idraulici e non avresti nemmeno tanto da modificare, riscaldi d'inverno e raffreschi d'estate, ciao.
 

ant_man

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#11
un paio di condizionatori con pompa di calore, no?
poca spesa e in più ti troveresti ad avere bel fresco d'estate, sicuramente spenderesti meno che fare dei pastrocchi idraulici e non avresti nemmeno tanto da modificare, riscaldi d'inverno e raffreschi d'estate, ciao.
Grazie a tutti dei contributi, e grazie a Luciano1949 del suggerimento delle pompe di calore. Dovendo fare l'acqua calda sanitaria, in condizioni autonome, comunque la strada più diretta mi sembra quella di fare un impianto di termoautonomo (acqua e riscaldamento), lasciando uno-due termosifoni attaccati al centralizzato, per aspettare che fanno le nuove tabelle millesimali, e poi staccarmi.
Le pompe di calore, possono essere in ogni modo una buona soluzione.
 

ant_man

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#13
Se non erro ci sono anche pompe d calore con generazione di ACS (acqua calda)

Questo non l'ho capito.

Staccarmi dall'impianto centralizzato è complicato, in quanto nn hanno fatto le nuove tabelle millesimali, previste per legge. Allora, tendo a lasciare due termosifoni attaccati a quell'impianto, e fissare il contabilizzatore, mentre i miei collegati alla mia caldaia, li alimento in modo autonomo.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
#15
Quello che non capisco è dover aspettare che siano fatte le nuove tabelle per staccarsi: magari hai ragione tu. Inoltre mi chiedo: quei due radiatori rimarranno comunque allacciati al centralizzato?
 

ant_man

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#17
Quello che non capisco è dover aspettare che siano fatte le nuove tabelle per staccarsi: magari hai ragione tu. Inoltre mi chiedo: quei due radiatori rimarranno comunque allacciati al centralizzato?
Si me l'ha chiesta l'amministratore, per staccarmi, in quanto non avendo il fabbricato le tabelle millesimali specifiche del riscaldamento, non sono in grado di definire la mia quota di pagamento della manutenzione della caldaia condominiale.

Pertanto rimango attaccato a loro, ma praticamente con consumi pressocchè nulli. E' nei fatti un distacco, ma formalmente no, così mi evito la burocrazia della relazione.
 

luciano1949

Membro Attivo
Proprietario Casa
#18
Scusa @ant_man scrivi che stai ristrutturando l'appartamento, probabilmente stai facendo anche i pavimenti, devi solo informare l'amministratore che vuoi fare il riscaldamento autonomo, a tuo carico resteranno solo le spese per la manutenzione dell'impianto generale, che cmq pagheresti aggiunto al (attuale) riscaldamento, i millesimi saranno gli stessi per quello che riguarda la manutenzione e non pagherai nessuna spesa di quello che saranno le spese vive di riscaldamento, non influisce il fatto che tu abbia ora determinati millesimi e che cambino dopo, le spese vive di riscaldamento che avresti dovuto pagare tu con il centralizzato verranno (se aumentano) spalmate sui millesimi rimanenti, quindi valuta ora, che hai in ballo i lavori murari, se fare un impianto nuovo, (che ti da il vantaggio di avere almeno una ventina di anni di tranquillità per quello che riguarda future perdite dell'impianto che, penso sia anche datato...), personalmente valuterei con un buon tecnico di staccarmi completamente oggi senza aspettare il poi.
certo che devi definire bene la voce "manutenzione impianto", il che significa semplicemente la pulizia caldaia e piccole riparazioni, non certo la voce elettricità e evetuali cambi o passaggio al tipo di alimentazione diversa dall'attuale, ma qui devi farti accompagnare da un tecnico valido del campo, la spesa annuale è sicuramente poco onerosa rispetto a quello che ti da l'essere autonomo.
magari facci sapere come andranno le cose.
correzione:
Vedo solo ora il tuo ultimo post,

Si me l'ha chiesta l'amministratore, per staccarmi, in quanto non avendo il fabbricato le tabelle millesimali specifiche del riscaldamento, non sono in grado di definire la mia quota di pagamento della manutenzione della caldaia condominiale.

Pertanto rimango attaccato a loro, ma praticamente con consumi pressocchè nulli. E' nei fatti un distacco, ma formalmente no, così mi evito la burocrazia della relazione.


Le tabelle millesimali attuali saranno variate per la spesa dei consumi ma i tuoi millesimi per la manutenzione non cambiano, sarà l'amministratore a scorporare le voci....
Se vorrai staccarti completamente in seguitoavrai spese inutili di idraulica e di muratura, salvo che tu, oggi, per ristrutturazione intenda fare dei lavori di ritocco e tinteggiatura... ciao.
 
Ultima modifica:

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
#19
certo che devi definire bene la voce "manutenzione impianto", il che significa semplicemente la pulizia caldaia e piccole riparazioni,
Presumo non sia del tutto corretto secondo la Uni 10200, ma non sarebbe il primo caso in cui l'assemblea delibera una quota "fissa" forfettaria che include oltre alla manutenzione e conservazione dell'impianto, anche una quota dispersioni generali, includendo in queste non solo le reali dispersioni delle tubazioni, ma anche il calore disperso dall'edificio. Se così, si spiegherebbe la risposta dell'amministratore.
 

ant_man

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#20
Presumo non sia del tutto corretto secondo la Uni 10200, ma non sarebbe il primo caso in cui l'assemblea delibera una quota "fissa" forfettaria che include oltre alla manutenzione e conservazione dell'impianto, anche una quota dispersioni generali, includendo in queste non solo le reali dispersioni delle tubazioni, ma anche il calore disperso dall'edificio. Se così, si spiegherebbe la risposta dell'amministratore.

Caro Luciano,
ti ringrazio delle dritte, verificherò con l'amministratore, e soprattutto con un condomino che si è staccato, gli hanno fatto causa ed a vinto. Tuttavia, essendo un neo inquilino, non vorrei mettermi in una posizione di contrasto, con l'amministratore e con tutti.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Brigantes83 ha scritto sul profilo di Gianco.
Salve Gianco, sono nuovo del forum, desideravo esporle una questione, io ho ricevuto un testamento universale olografo da un'amica, quest'ultima era vedova e non aveva figli, ma esiste una cugina (figlia della sorella di sua madre) e una nipote (figlia del fratello del marito defunto)
essendo il testamento universale a mio favore questi ultimi due persone rientrano comunque nell'asse ereditario? grazie
Salve a tutti vorrei sapere come faccio a regolarizzare la mia cantina alta 2,78 e lunga mt 8 e larga mt 6 seminterrata la quale è stata accatastata risulta sulle planimetrie insieme alla casa.La casa era abusiva ed è stata condonata ma la cantina non risulta il condono non capisco il perché dato che risulta sulle planimetrie.Ora dovrei vendere il tutto ma non vorrei avere problemi in futuro o davanti al notaio.
Alto