1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Debora

    Debora Nuovo Iscritto

    Per prima cosa vi faccio i complimenti per questo sito davvero interessante! :applauso:

    La mia è una situazione un po’ “particolare”: 2 anni fa ho acquistato un casale rurale destinato
    alla mia attività ed abitazione, beneficiando dell’imposta di registro ridotta essendo
    imprenditrice agricola.

    A giugno sarò costretta a chiudere l’attività e di conseguenza la P.IVA.

    1° quesito: immagino che dovrò pagare la differenza dell’imposta di registro…
    come funziona esattamente la procedura? :???:
    2° quesito: ho messo in vendita parte della proprietà (il casale) e vorrei mantenere la proprietà
    di un annesso agricolo che subirà il cambio di destinazione d’uso e diventare in teoria la mia
    abitazione.

    Cosa mi dovrò aspettare di tassazione?... :shock: considerando quindi che:
    - la vendita avverrà prima dei 5 anni
    - che non riacquisterò nulla (perché l’annesso, che dovrà essere ristrutturato, è già di mia
    proprietà)

    Grazie in anticipo per la risposta :fiore:
     
  2. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Chiamo l'attenzione di un esperto!
    Io ti posso dire che se hai acquistato con delle agevolazioni, il fatto che tu abbia interrotto l'attività, non incidono e non fanno decadere le agevolazioni che hai preso.
    Certo se venderai prima dei 5 anni, semplicemente dovrai pagare le tasse sulla plusvalenza che eventualmente tu incassassi.
    Mi spiego, se quella quota di fabbricato che intendi vendere, l'hai pagato 10 e lo rivenderai a 11, 1 sarà la plusvalenza e pagherai il 20% di 1 dal notaio in formula di tassazione forfettaria. Ora se, quanto hai acquistato, casale ed abitazione, hai pagato una cifra cumulativa, con una debita e proporzionata ripartizione, evidenzierai la quota del casale e ritornerai a fare il conto che ho sopra descritto. Tieni presente che in due anni, non avrai importi tanto dissimili.
     
    A Debora piace questo elemento.
  3. Debora

    Debora Nuovo Iscritto

    Grazie Adriano! :p
    Mi hai dato ben due risposte positive, perchè credevo di dover pagare la differenza dell'imposta di registro e che la percentuale da pagare sulla plusvalenza fosse del 30 e non del 20% !! Grazie mille!!! :ok:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina