1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Pippo Latorre

    Pippo Latorre Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Ho messo in vendita un terreno agricolo con antica masseria accatastata di cat. A3 avuta in eredità qualche decennio fa.
    Dovrei pagare qualcosa se il valore della vendita supera quello catastale?
    Ci sono tasse da pagare sulla rivalutazione dell'immobile suddetto sempre in caso di vendita?
    Grazie a tutti Pippo
     
  2. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    Gli atti di compravendita di immobili ad uso abitativo e relative pertinenze, stipulati fra privati o fra un privato ed un'impresa non costruttrice, devono obbligatoriamente contenere un doppio valore:
    - il prezzo realmente pagato che, però, non avrà alcuna rilevanza fiscale;
    - il valore catastale dell'immobile che costituisce ufficialmente l'importo sul quale vengono calcolate le imposte di registro e ipotecarie-catastali.
     
    A Pippo Latorre piace questo elemento.
  3. Pippo Latorre

    Pippo Latorre Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Ma le imposte di registro e ipotecarie catastali le paga il compratore. Quindi il venditore non paga niente. E' così?
     
    A acquirente piace questo elemento.
  4. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    come mi dai reputazione negativa e poi chiedi ancora????
     
  5. Pippo Latorre

    Pippo Latorre Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Mi scusi ma avendo avuto una risposta, a mio modesto avviso, non calzante ho dato giudizio negativo. Comunque sia umile, riveda la sua risposta e veda un pò se il venditore può trarne utile consiglio. In ogni caso Lei non è certamente tenuto a rispondermi ulteriormente. Confido nella risposta di qualche atro partecipante al forum. Mi scusi la polemica. La saluto.
     
    A acquirente piace questo elemento.
  6. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    io ho dato una risposta corretta, sei tu che non la capisci
    - il valore catastale dell'immobile costituisce ufficialmente l'importo sul quale vengono calcolate le imposte di registro e ipotecarie-catastali.
    questo e' italiano.
    piu' che essere umile io dovresti esserlo tu.
    poi anche i bambini dell'asilo sanno che chi paga e' chi compra.
    se non e' zuppa e' pan bagnato.
     
  7. ccc1956

    ccc1956 Nuovo Iscritto


    no, paga l'acquirente.
    Attenzione
    Soltanto per le compravendite di immobili ad uso abitativo, comprese le relative pertinenze (box, garage, cantine) a favore di un privato (acquirente), si può assumere come base imponibile il valore catastale.

    Per tutte le altre compravendite in cui l’acquirente non è un privato e/o che riguardano terreni, negozi o uffici, la base imponibile è costituita dal prezzo pattuito e dichiarato nell’atto dalle parti e non dal valore catastale.

    Le nuove disposizioni consentono all’ufficio di rettificare direttamente la dichiarazione annuale IVA del venditore se il corrispettivo dichiarato è inferiore al “valore normale” del bene.

    Per valore normale del bene s'intende:“…il prezzo o il corrispettivo mediamente praticato per beni o servizi della stessa specie o similari in condizioni di libera concorrenza e al medesimo stadio di commercializzazione, nel tempo e nel luogo in cui è stata effettuata l’operazione o nel tempo e nel luogo più prossimi” (articolo 14 del D.P.R. n. 633 del 1972).

    Se, però, per l’acquisto della casa l’acquirente ha contratto un mutuo o chiesto un finanziamento bancario, la base imponibile non può essere inferiore all’ammontare del mutuo o del finanziamento erogato.

    In presenza di mutuo o di finanziamento bancario l’ufficio è obbligato a considerare quale “valore normale” un importo pari alla somma erogata.

    Articolo tratto dal Sito Ufficiale dell'Agenzia delle Entrate
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina