• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Cristinasangalli

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Buonasera, vorrei cortesemente chiedere i tempi per poter impugnare un atto di vendita. Mi spiego meglio....I miei genitori hanno stipulato un atto di acquisto di immobile nel 1981 seguito di successione...mio padre e tre sorelle più la loro mamma....nell'atto non è specificato quanto ognuno di loro doveva percepire da mio padre...so che lui aveva liquidato 2 sorelle e la madre perché una sorella aveva davanti al notaio rifiutato...adesso distanza di 38 un figlio della sorella che ha rifiutato vuole la sua parte e vuole impugnare l'atto...chiedo cosa posso fare in merito....
 

plutarco

Membro Ordinario
Proprietario Casa
La sorella è ancora viva? Per essere tranquilli devono passare dieci anni dalla morte della donante, visto che si tratta di donazione mascherata da una vendita.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
adesso distanza di 38 un figlio della sorella che ha rifiutato vuole la sua parte
Hai fatto un resoconto poco chiaro...vediamo se lo riedito correttamente.

Muore un marito che lascia un immobile con eredi la moglie e 3 figlie...e si aprono 2 ipotesi:

A) Fanno la Dichiarazione di Successione come da Legge e tuo padre acquista con regolare rogito da tutte ma una delle figlie rinuncia alla sua quota in favore di madre e sorelle.

B)Fanno la Dichiarazione di Successione ma una delle figlie rinuncia alla sua parte che va ad accrescere la quota delle altre "eredi" ...le quali successivamente vendono a tuo padre.

Risposte nell'ipotesi che al momento della "rinuncia" chi ora contesta :
-non fosse nato
Caso A) e B) ...chi contesta si "attacca al tram".

-fosse già nato
Caso A) ...chi contesta si "attacca comunque al tram" fintanto che sua madre è viva.

Caso B)...agisce chiedendo il subentro alla madre rinunziante ma può agire solo verso le altre eredi.

In ogni caso tuo padre (dopo 38 anni dal rogito con cui ha acquistato) è "indenne".
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
a me sembra di aver capito che nel 1981 il padre del postante ha comprato le parti di proprietà della madre e di due sorelle di un immobile caduto in successione.
Il nonno di @Cristinasangalli aveva fatto testamento oppure si è trattato di una successione legittima?
Chi è chiamato all'eredità ha tempo 10 anni per accettare o meno l'eredità stessa. L'accettazione può essere espressa, tacita o con beneficio di inventario. Molti confondono l'accettazione dell'eredità con la denuncia di successione: presentare la denuncia di successione è una formalità burocratica che non comporta automaticamente l'accettazione della eredità.
Ora nel caso specifico la sorella di tuo padre aveva accettato l'eredità; o meglio il notaio nell'atto di compravendita (rogito) tra tuo padre da una parte e sua madre e le altre sue sorelle, cosa c'è scritto? e molto importante perché può essere che tuo padre abbia solo acquistato la parte dei consenzienti e quindi non sia proprietario al 100% dell'immobile. Cosa risulta alla ex Conservatoria dei Registri Immobiliari?
Dato il tempo trascorso dal rogito, superiore ai 20 anni, si potrebbe invocare l'usucapione, se ne ricorrono i presupposti.
 

plutarco

Membro Ordinario
Proprietario Casa
a me sembra di aver capito che nel 1981 il padre del postante ha comprato le parti di proprietà della madre e di due sorelle di un immobile caduto in successione.
Il nonno di @Cristinasangalli aveva fatto testamento oppure si è trattato di una successione legittima?
Chi è chiamato all'eredità ha tempo 10 anni per accettare o meno l'eredità stessa. L'accettazione può essere espressa, tacita o con beneficio di inventario. Molti confondono l'accettazione dell'eredità con la denuncia di successione: presentare la denuncia di successione è una formalità burocratica che non comporta automaticamente l'accettazione della eredità.
Ora nel caso specifico la sorella di tuo padre aveva accettato l'eredità; o meglio il notaio nell'atto di compravendita (rogito) tra tuo padre da una parte e sua madre e le altre sue sorelle, cosa c'è scritto? e molto importante perché può essere che tuo padre abbia solo acquistato la parte dei consenzienti e quindi non sia proprietario al 100% dell'immobile. Cosa risulta alla ex Conservatoria dei Registri Immobiliari?
Dato il tempo trascorso dal rogito, superiore ai 20 anni, si potrebbe invocare l'usucapione, se ne ricorrono i presupposti.
 

plutarco

Membro Ordinario
Proprietario Casa
a me sembra di aver capito che nel 1981 il padre del postante ha comprato le parti di proprietà della madre e di due sorelle di un immobile caduto in successione.
Il nonno di @Cristinasangalli aveva fatto testamento oppure si è trattato di una successione legittima?
Chi è chiamato all'eredità ha tempo 10 anni per accettare o meno l'eredità stessa. L'accettazione può essere espressa, tacita o con beneficio di inventario. Molti confondono l'accettazione dell'eredità con la denuncia di successione: presentare la denuncia di successione è una formalità burocratica che non comporta automaticamente l'accettazione della eredità.
Ora nel caso specifico la sorella di tuo padre aveva accettato l'eredità; o meglio il notaio nell'atto di compravendita (rogito) tra tuo padre da una parte e sua madre e le altre sue sorelle, cosa c'è scritto? e molto importante perché può essere che tuo padre abbia solo acquistato la parte dei consenzienti e quindi non sia proprietario al 100% dell'immobile. Cosa risulta alla ex Conservatoria dei Registri Immobiliari?
Dato il tempo trascorso dal rogito, superiore ai 20 anni, si potrebbe invocare l'usucapione, se ne ricorrono i presupposti.
 

plutarco

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Secondo me si tratta di successione e di divisione amichevole tramite compravendita tra eredi
a me sembra di aver capito che nel 1981 il padre del postante ha comprato le parti di proprietà della madre e di due sorelle di un immobile caduto in successione.
Il nonno di @Cristinasangalli aveva fatto testamento oppure si è trattato di una successione legittima?
Chi è chiamato all'eredità ha tempo 10 anni per accettare o meno l'eredità stessa. L'accettazione può essere espressa, tacita o con beneficio di inventario. Molti confondono l'accettazione dell'eredità con la denuncia di successione: presentare la denuncia di successione è una formalità burocratica che non comporta automaticamente l'accettazione della eredità.
Ora nel caso specifico la sorella di tuo padre aveva accettato l'eredità; o meglio il notaio nell'atto di compravendita (rogito) tra tuo padre da una parte e sua madre e le altre sue sorelle, cosa c'è scritto? e molto importante perché può essere che tuo padre abbia solo acquistato la parte dei consenzienti e quindi non sia proprietario al 100% dell'immobile. Cosa risulta alla ex Conservatoria dei Registri Immobiliari?
Dato il tempo trascorso dal rogito, superiore ai 20 anni, si potrebbe invocare l'usucapione, se ne ricorrono i presupposti.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Le richieste non devono essere pubblicate nel box. Questo box può essere utilizzato per indicare una frase di accompagnamento ai messaggi.
Mi auguro che tutto questo un giorno finirà e che ci butteremo alle spalle questa triste vicenda.
Sognatrice '80
Alto