1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    Ieri sul sole24ore e successivamente assistendo alla trasmissione "Ballarò", sono venuto a conoscenza che con l'introduzione dell'IMU (Imposta Municipale Unica) o IMP (Imposta Municipale Propria), le seconde case non locate sono quelle che risentiranno meno della nuova tassazione, se non addirittura ne trarranno un vantaggio.:-o

    Tutto ciò grazie all'incorporamento nella nuova imposta, anche del reddito fondiario dell'immobile che precedentemente andava inserito nella dichiarazione IRPEF.

    Alla faccia dell'equità!:^^:
     
  2. carlas

    carlas Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Ciao!
    Faccio una domanda nella speranza che mi risponda qualcuno che ne sappia più di me.
    Sono proprietaria di un monolocale da affittare ma da diversi anni non posso più affittarlo perchè il pavimento crolla, si è riempito di crepe, non ho la certezza che sia sicuro e i preventivi che ho fatto fare per la riparazione sono più alti del prezzo di mercato dell'immobile !!! Inoltre il proprietario del piano di sotto non vuole saperne di patecipare alla riparazione. Ovviamente non riesco neanche a venderlo. Pagavo l'ICI ridotta del 50%. Sapete come andranno le cose per quanto rigurda l'IMU?
    Sono davvero preoccupata...
    Grazie e saluti a tutti
     
  3. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    Sinceramente ancora non lo so.

    Aspettiamo autorevoli commenti.
     
  4. Si, è vero! Una vera incongruenza! Assurdo! A Savona hanno portato alla aliquota massima del 10,6 per mille sia gli immobili locati che le case sfitte, con evidente vantaggio delle seconde che potranno incorporare nella nuova imposta il reddito fondiario dell'immobile! Complimenti ai professori! E non è ancora finita! Altre buone(?) notizie ci attendono per Natale! Di tagliare le spese no, vero! Di aumentare le tasse in modo allucinante si, portando il paese in recessione in una spirale perversa !Complimenti davvero!
     
  5. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    perdona ma se il pavimento crolla non corri troppi rischi con chi vive sotto? se si fa male?
     
  6. Ponedelnik

    Ponedelnik Ospite

    Cosaaaa??? addirittura conviene tenerle sfitte?? Ma è perverso tutto ciò. Mi dici di più? Grazie
     
  7. Ponedelnik

    Ponedelnik Ospite

    ma questa IMU incorporerà anche la tassa sui rifiuti???
     
  8. caterina58

    caterina58 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    scusate, cos'è il reddito fondiario?
    caterina
     
  9. bertoldo

    bertoldo Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Immagino volessi sottolineare non il vantaggio delle sfitte, ma lo svantaggio delle affittate, vista la mazzata che comunque ci è stata inflitta.
     
  10.  
  11. No, non incorporerà anche la tassa sui rifiuti|
     
  12. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Gli immobili inabitabili saranno esenti da IMU. Fatti certificare l'inabitabilità dagli organi competenti.
     
  13. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

    I redditi fondiari, disciplinati dal Capo II, Artt. 25 - 43, D.P.R. 22 Dicembre 1986 n. 917, sono quelli inerenti ai terreni e ai fabbricati, situati nel territorio dello Stato, che sono o devono essere iscritti, con attribuzione di rendita, nel catasto dei terreni o nel catasto edilizio urbano (Art. 25, c. 1, D.P.R.917/1986).

    I redditi fondiari concorrono, indipendentemente dalla percezione, a formare il reddito complessivo dei soggetti che possiedono gli immobili a titolo di proprietà, enfiteusi, usufrutto o altro diritto reale per il periodo di imposta in cui si è verificato il possesso (Art. 26, c. 1, D.P.R. 917/1986).

    Nei casi di comproprietà sull'immobile il reddito fondiario concorre a formare il reddito complessivo di ciascun soggetto per la propria parte (Art. 26, c. 2, D.P.R. 917/1986).

    Se poi il possesso dell'immobile è stato trasferito, anche in parte, nel corso del periodo di imposta, il reddito fondiario concorre a formare il reddito complessivo di ciascun soggetto proporzionalmente alla durata del suo possesso (Art. 26, c. 3, D.P.R. 917/1986).

    I redditi fondiari possono essere di tre tipi (Art. 25, c. 2, D.P.R. 917/1986):

    redditi dominicali dei terreni;
    redditi agrari;
    redditi di fabbricati.

    Redditi di fabbricati, disciplinati dagli Artt. 36 - 43, D.P.R. 22 Dicembre 1986 n. 917, sono costituiti dal reddito medio ordinario ritraibile da ciascuna unità immobiliare urbana, ovvero i fabbricati e le altre costruzioni stabili o le loro porzioni suscettibili di reddito autonomo. Anche le aree occupate dalle costruzioni e quelle che ne costituiscono pertinenze si considerano parti integranti delle unità immobiliari (Art. 36, cc. 1 e 2, D.P.R. 917/1986).

    Per la determinazione del reddito medio ordinario è determinato con l'applicazione delle tariffe d'estimo determinate dal D.M. 6 Giugno 2002 n. 159. Le tariffe d'estimo sono stabilite per ciascuna categoria e classe di fabbricato.

    Non si considerano produttive di reddito:

    i fabbricati destinate all'esercizio del culto, compresi i monasteri di clausura e le loro pertinenze, se non sono oggetto di locazione (Art. 36, c. 3, D.P.R. 917/1986);
    i fabbricati per le quali sono state rilasciate licenze, concessioni o autorizzazioni per restauro, risanamento conservativo o ristrutturazione edilizia, limitatamente al periodo di validità del provvedimento durante il quale il fabbricato non è comunque utilizzato (Art. 36, c. 3, D.P.R. 917/1986);
    i fabbricati rurali ed eventuali pertinenze;
    i fabbricati destinati alla rivendita posseduti da imprenditori commerciali;
    le parti di reddito imputabile a ciascun condomino a seguito di proprietà comune se non è superiore ad Euro 25,82 (Art. 36, c. 3-bis, D.P.R. 917/1986);
    i fabbricati di cui il contribuente è titolare della nuda proprietà.
     
  14. ULTIMA ORA! Affitti: stangata in arrivo per chi non applica la cedolare secca ( redditi più bassi)! L'imponibile su cui si paga l'IRPEF aumenta di 10 punti percentuali ( lo sconto forfait dal 15 passa al 5%) E vai!
     
    A Jrogin piace questo elemento.
  15. giuscaf

    giuscaf Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Vorrei sapere se il discorso della cedolare secca é cambiato per gli immobili categ. c1 e c3.
     
  16. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    Purtroppo è sempre la stessa storia dell'equità...... diamo addosso ai più deboli....:rabbia:
     
  17. carlas

    carlas Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Sotto c'è un locale tipo cantina con il soffitto vecchissimo che si sta "lasciando giù".
    Da chi devo far certificare l'inabilità? Dal Comune?
     
  18. giolucianipinsi

    giolucianipinsi Membro Ordinario

    Lascia stare l'equità!

    Io ho una seconda casa sfitta (ereditata da un nonno), tu hai solo la prima casa. Con le imposte del 2011, io pagavo cifre rilevanti (avevo un tumore) e tu non pagavi nulla (eri sano). Con quelle del 2012, io ho qualche metastasi in più, e tu hai un tumore. Certo, avendo già un tumore, io "risento meno" delle nuove metastasi, e tu sei comprensibilmente spaventato dal "tumore" che ti hanno messo in corpo con l'IMU... ma l'equità non c'entra. Non c'entra mai, e poi mai, quando esaminiamo i provvedimenti dei governi, compreso questo. Condividi?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina