1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. MarkC

    MarkC Membro Junior

    Salve a tutti foro ... ho un quesito da proporre sotto.

    Il D.Lgs n° 23 del 2011 all'art. 8 Imposta municipale propria, al comma 6 scrive: "Nel caso in cui l'immobile sia locato, l'aliquota di cui al comma 5, primo periodo, e' ridotta alla meta'."

    Dope è intervenuto Monti (Decreto salva Italia) che con il D.L. 6 n°201/2011 all'art. 13 Anticipazione sperimentale dell'imposta municipale propria, al comma 14 scrive: "Sono abrogate le seguenti disposizioni: a. l'articolo 1 del decreto-legge 27 maggio 2008, n. 93, convertito con modificazioni, dalla legge 24 luglio 2008, n. 126; b. il comma 3, dell'articolo 58 e le lettere d), e) ed h) del comma 1, dell'articolo 59 del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446; c. l'ultimo periodo del comma 5 dell'articolo 8 e il comma 4 dell'articolo 9 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23; d. il comma 1-bis dell'articolo 23 del decreto-legge 30 dicembre 2008, n. 207, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2009, n. 14."

    Mi sembra che ai sensi del 6°comma, art. 8, d.lgs. 23/2011 nel caso di immobile locato l'aliquota viene ridotta della metà.

    Vi sembra corretto?
     
  2. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Bisogna vedere le delibere del tuo Comune.
    Se il tuo comune lo prevede, è possibile che i fabbricati locati siano soggetti al 50% dell'IMU.
    I comuni hanno tempo fino al 31/10/12 per decidere le aliquote definitive.
    Saluti
     
  3. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    No.
    La norma in vigore, pertinente alla fattispecie, è l'art. 13, comma 9 del D.L. n. 201/2011.
    Quindi i comuni possono ridurre l'aliquota di base fino allo 0,4 per cento nel caso di immobili locati.

    Non è esatto.
     
  4. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non ci sarà nessun comune che ridurrà l'aliquota per gli immobili locati, visto che metà del ricavato deve trasferirlo allo stato. Invece stabiliranno un'aliquota maggiore del 7,8 per mille per gli immobili NON locati.
     
  5. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Il termine ex art. 12-bis, ultimo periodo del D.L. n. 201/2011 è il 30 settembre 2012.

    Non è esatto. Un solo esempio: Milano.
     
  6. sara2

    sara2 Ospite

    E' da notare come in questa norma si parli esclusivamente di riduzione e non di aumento, problema sollevato anche da Confedilizia, ma hanno bisogno di soldi e allora.......
     
  7. giudittan

    giudittan Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    A Roma: 14/08/2012 - Approvato dall’Assemblea Capitolina il Regolamento in materia di IMU (Deliberazione n. 37 del 2 agosto 2012) e definite le aliquote da applicare per l’anno 2012 (Deliberazione n. 36 del 2 agosto 2012).Si evidenzia che l’aliquota per la prima casa passa dal 4 al 5 per mille e per le altre unità immobiliari dal 7,6 al 10,6 per mille.
    Leggendo la delibera nel dettaglio non è prevista alcuna riduzione per gli immobili privati locati.
    Ci saranno nuove delibere almeno per gli immobili locati a canone concordato? Spero di sì ma non nutro grandi speranze...
     
  8. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    E' confermata al 31/10/2012, come già accennato, la proroga per l'approvazione delle aliquote IMU da parte dei comuni come da D.M. del 02.08.12.
    Quindi fino a tale data possono esserci cambiamenti in corso.
    Saluti.
     
  9. peopeo

    peopeo Membro Attivo

    Proprietario di Casa
  10. MarkC

    MarkC Membro Junior

    Scusate se insisto.
    La disposizione prevista al D.Lgs n° 23 del 2011 all'art. 8, comma 6: "Nel caso in cui l'immobile sia locato, l'aliquota di cui al comma 5, primo periodo, e' ridotta alla meta'", non la trovo abrogata da nessuna Legge.
    Sicuramente sono un "caprone" e mi sfugge qualcosa; mi sembra di capire che l'aliquota prevista dal comma 5 ancorchè modificata con Decreto dal Presidente del Consiglio o dalle Autorità locali resta comunque fissata nel caso di immobile locato al 50% ai sensi del D.Lgs n° 23 del 2011 all'art. 8, comma 6 citato.
     
  11. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Gli immobili non locati non producono reddito e quindi l'IMU è più che sufficiente (da quest'anno non saranno più soggetti ad IRPEF sulla rendita catastale rivalutata e aumentata di 1/3).
    Mi sembra giusto che gli immobili locati, oltre a pagare l'IMU come gli sfitti, paghino l'IRPEF sul reddito prodotto. Saluti.

    Per Marc. Chiedi al tuo comune: è quello che ha sempre l'ultima parola. Esistono parecchi comuni che sulla prima casa non fanno pagare l'IMU (magari raddoppiano sulla seconda) anche se la legge ne prevede il pagamento.
     
  12. peopeo

    peopeo Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Prima dell'introduzione dell'IMU anche gli immobili non locati pagavano l'IRPEF, calcolata sulla rendita catastale. Si pagava ICI + IRPEF. Con l'introduzione della nuova tassa si è pertanto introdotta una disparità di trattamento fra chi decide di tenere l'immobile a disposizione producendo in questo modo un beneficio per sè, e chi decide invece di metterlo a reddito mediante locazione. La legge IMU aveva inizialmente stabilito una differenziazione delle aliquote fra immobili locati e non locati. Poi per necessità di fare cassa nella situazione di emergenza questa condizione è stata abrogata. Si sono verificate quindi situazioni paradossali in cui la sommatoria di IMU + IRPEF ha superato il 90% del reddito percepito dall'affitto.
    Per questo sono certamente razionali le ragioni del ricorso del Codacons al TAR.
     
  13. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Infatti non lo è. Ma l'art. 1, primo comma del D. Lgs. n. 23/2011 recita: "L'imposta municipale propria e' istituita, a decorrere dall'anno 2014..." e l'art. 13, primo comma del D.L. n. 201/2011 recita:
    "L'istituzione dell'imposta municipale propria è anticipata, in via sperimentale, a decorrere dall'anno 2012, ed è applicata in tutti i comuni del territorio nazionale fino al 2014 in base agli articoli 8 e 9 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, in quanto compatibili, ed alle disposizioni che seguono. Conseguentemente l'applicazione a regime dell'imposta municipale propria è fissata al 2015".

    Quindi si applica dal 2012, secondo le disposizioni del D. Lgs. n. 23/2011 ma se queste sono compatibili con le disposizioni del D. L. n. 201/2011. E le disposizioni di quel D.L. (comma 9 dell'art. 13), prevedono solamente la possibilità dei comuni di ridurre l'aliquota di base fino allo 0,4 per cento nel caso di immobili locati.
     
  14. MarkC

    MarkC Membro Junior

    Ok ... grz Nemesis, per me l'argomento è chiuso.

    Rimane quanto detto da peopeo ... " a breve esprimere il TAR Lazio".

    Ciao
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina