1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. domenico1963

    domenico1963 Nuovo Iscritto

    Buongiorno a tutti... vado al sodo se permettete - mia moglie nuda proprietaria della'ppartamento che tra l'altro occupiamo e mia suocera usufruttuaria... a chi spetta pagare l'IMU?? cosa può pretendere mia suocera da noi se la costringiamo per legge a pagare questa tassa se spetta a :amore:lei? Grazie di cuore
     
  2. possessore

    possessore Membro Senior

    Proprietario di Casa
    L'IMU deve pagarla l'USUFRUTTUARIO, e non il nudo proprietario.

    Al nudo proprietario spetta solo l'onere di pagare le spese STRAORDINARIE afferenti l'immobile in questione.

    Tua suocera non può pretendere assolutamente nulla, limitatevi a dirle che se non paga l'IMU sarete voi stessi a segnalarla ad EQUITALIA che così le ipoteca la casa.
     
    A domenico1963 e marilenapiscozzo piace questo messaggio.
  3. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Concordo con Possessore ma non c'è bisogno di segnalarla tanto i comuni se ne accorgono se non paghi, quindi vanno a cercare a lei.
     
    A domenico1963, marilenapiscozzo e possessore piace questo elemento.
  4. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Uno acquista la nuda proprietà di una casa e ci abita dentro? Di solito si vende la nuda proprietà e chi ha venduto ci rimane dentro avendo mantenuto l'usufrutto. Siete sicuri di aver capito bene le figure di questa vicenda?
     
    A domenico1963 piace questo elemento.
  5. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Beh che c'è di strano la mia compagna ha una casa su cui ha il diritto di abitazione, e in quella casa abita la figlia (nuda proprietaria) mentre lei abita con me.
     
    A domenico1963 piace questo elemento.
  6. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Beh, il diritto di abitazione che citi non è proprio la stessa cosa del diritto di usufrutto: il diritto di abitazione, per esempio, può averlo il coniuge superstite convivente di un intestatario di un contratto di affitto oppure può averlo il coniuge separato a cui il giudice gli ha assegnato il diritto di abitare in un appartamento; ma questo non è usufrutto, infatti si chiama diritto di abitazione. E tra l'altro si può anche perdere se chi ha questo diritto sposta la residenza ed il domicilio. Il diritto di usufrutto rimane indipendentemente dalla residenza: uno può non aver mai abitato in una casa ed averne l'usufrutto.
    Chi ha posto il quesito parlava del pagamento dell' IMU di una casa in cui, se non ho capito male, ci abitano sia l'usufruttuario che il nudo proprietario. Fermo restando quello che è stato detto a proposito di chi deve pagare questa tassa, in questo caso il nudo proprietario, a meno che non paghi un affitto all'usufruttuario, gode dei frutti, che non gli spettano, dell'abitare, gratis, nella abitazione di cui è proprietario.
    Secondo me sarebbe più giusto che pagassero al 50% entrambi.
     
    A domenico1963 piace questo elemento.
  7. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non confondiamo il diritto di abitazione, che è un diritto reale (ex art. 1021 c.c. o art. 540, 2° comma c.c.), con il diritto a succedere nel contratto di locazione al conduttore deceduto, ex art. 6 legge n. 392/78.
    Nemmeno confondiamolo con l'assegnazione della casa coniugale, a seguito di separazione dei coniugi, al coniuge affidatario della prole minore o - dopo le modifiche introdotte dalla legge n. 54/2006 - in caso di affidamento condiviso, al coniuge con il quale la prole minore stabilisce la propria residenza abituale. Tale fattispecie, infatti, non integra in capo al coniuge assegnatario un diritto reale di abitazione, ma solo un diritto di natura personale, in quanto disposta unicamente nell'interesse della prole.
    Infine, non si confonda la residenza (luogo di dimora abituale) con il domicilio (luogo in cui la persona ha stabilito la sede principale dei propri affari e interessi. Il fatto che si consideri la sede principale comporta che i diversi affari e interessi possano avere più sedi, e quella principale è individuabile in relazione alla principalità degli affari e interessi. Gli affari e interessi s'intendono le attività economiche, produttive, patrimoniali e finanziarie che attengono alla persona). Pertanto il titolare del diritto di abitazione può mantenere quel diritto anche se ha domicilio diverso dall'abitazione in cui ha quel diritto.
     
    A domenico1963 piace questo elemento.
  8. lordh

    lordh Nuovo Iscritto

    Semplicemente l'IMU spetta a tua suocera (Usufruttuaria). Il problema sorge quando dici: "cosa può pretendere mia suocera da noi se la costringiamo per legge a pagare questa tassa se spetta a lei". Vedi in questa affermazione c'è una intrinseca contraddizione. Dato che lei deve pagare l'IMU ma tu non hai alcun diritto di abitazione nell'appartamento (la nuda proprietà non ne da alcuno) quindi vedendola nella peggiore delle possibilità tua suocera può pretendere che andiate via.
    Ovviamente dovresti, per meglio capire il problema, sapere sia se davvero non avete nessun diritto di abitazione (ma credo di no, solitamente l'usufrutto non è così compresso da parte di una nuda proprietà di una figlia) e in che rapporti siete con tua suocera... infondo vi permette di abitare l'immobile...... nota bene che l'IMU da pagare sarebbe quello da seconda casa per tua suocera e non certo quello da prima.....
     
    A domenico1963 piace questo elemento.
  9. lordh

    lordh Nuovo Iscritto

    Come spiegavo sopra la suocera può pretendere di ottenere l'abitazione e non mi sembra poco!
     
    A domenico1963 piace questo elemento.
  10. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ho letto molte parole: ma in sintesi credo si possa tranquillamente affermare:
    1) L'IMU spetta al titolare di diritti, cioè all'usufruttuario (la suocera)
    2) Come usufruttuario tua suocera ha diritto di godere dei frutti, quindi può pretendere un canone di locazione, o intimarti di lasciare l'alloggio.

    3) il diritto di abitazione qui non c'entra, e comunque, a differenza dell'usufrutto, si può perdere se non lo si esercita.
     
    A domenico1963 piace questo elemento.
  11. domenico1963

    domenico1963 Nuovo Iscritto

    Ti ringrazio per la risposta, ti spiego meglio il conceeto sul cosa può pretendere" Mio suocero morì senza testamento e mia suocera per successione divenne usufuttuaria vita natural durante di 1/3 e i due figli nudi proprietari delle propriètà. Mia moglie e successivamente io ha sempre usufruito dell'appartamento in questione. Lo abbiamo ristrutturato di sana pianta dalla porta di ingresso e provveduto con i permessi necessari anche alla sopraelevazione ex novo di un secondo piano, tutto a mie spese (io coniuge). Ora con l'avvento di questa benedetta IMU mia moglie parlando con il commercialista ha saputo che è una tassa che spetta a mia suocera usufruttuaria e non a lei e giustamente vorrebbe che la pagasse lei, visto che quando c'èra l'ICI abbiamo sempre pagato noi.
    Mi vede daccordo ma secondo me ci sarà qualche problema nel continuare a sfruttare l'appartamento o può pretendere che usciamo. Premetto che lei è sposata e vive nell'appartamento delmarito? Grazie
     
  12. domenico1963

    domenico1963 Nuovo Iscritto

    posieguo IMU e usufruttuaria

    Vi ringrazio:amore: per la risposta, vi spiego meglio il concetto sul cosa può pretendere" Mio suocero morì senza testamento e mia suocera per successione divenne usufuttuaria vita natural durante di 1/3 e i due figli nudi proprietari delle propriètà. Mia moglie e successivamente io ha sempre usufruito dell'appartamento in questione. Lo abbiamo ristrutturato di sana pianta dalla porta di ingresso e provveduto con i permessi necessari anche alla sopraelevazione ex novo di un secondo piano, tutto a mie spese (io coniuge). Ora con l'avvento di questa benedetta IMU mia moglie parlando con il commercialista ha saputo che è una tassa che spetta a mia suocera usufruttuaria e non a lei e giustamente vorrebbe che la pagasse lei, visto che quando c'èra l'ICI abbiamo sempre pagato noi.
    Mi vede daccordo ma secondo me ci sarà qualche problema nel continuare a sfruttare l'appartamento? Può pretendere che usciamo. Premetto che lei è sposata e vive nell'appartamento del :domanda:marito? Grazie
     
  13. domenico1963

    domenico1963 Nuovo Iscritto

    :daccordo: Grazie infinite mi hai tolto quei dubbi che in me erano certezze...Mi sei stato di grande aiuto
     
  14. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Per una risposta più sensata sarebbe opportuno conoscere la titolarità completa delle proprietà e dell'usufrutto. Di chi era l'immobile quando tuo suocero è deceduto? Era in comproprietà con la moglie?

    L'uso gratuito presuppone una sorta di contratto di comodato: ma le spese effettuate e le eventuali aggiunte (sopraelevazione) sono andate ad incrementare la proprietà di chi ne era in quel momento titolare.
     
    A domenico1963 piace questo elemento.
  15. simonetta menini

    simonetta menini Membro Junior

    Professionista
    Salve Domenico, in effetti l'IMU è a carico dell'usufruttuaria. L'unica cosa da fare è eventualmente rimborsarglielo.
     
  16. domenico1963

    domenico1963 Nuovo Iscritto

    Buongiorno Luigi, non mi sono spiegato bene. Mio suocero morì senza testamento, mia suocera richiese la successione delle proprietà del marito defunto rimanedo usufruttuaria di 1/3 vita natural durante i figli nudi proprietari. In questa abitazione ci ritroviamo ad abitarla io e mia moglie che al tempo delle divisioni dei beni tra lei e il fratello ebbe in eredità da ormai 30anni dicevo anche che l'abbiamo totalmente ristrutturata di sana pianta ex novo con sopraelevazione del 2^ piano con tutti i permessi occorrenti senza che l'usufruttuaria abbia sganciato un cent. Ora arriva questa benedetta IMU che spetta pagare all'usufruttuaria cosa può pretendere da mia moglie nuda proprietaria che fruisce dell'abitazione se si vede costretta a pagarla????Tiringrazio e buona giornata

    Buongiorno Basty, Quando mio suocero è deceduto nell'anno 1960 la proprietà dell'immobile era esclusivamente sua. Mia suocera vedova richiese la successione quindi diventando usufruttuaria di 1/3 sul bene e la figlia nuda proprietaria.Siccome mia suocera si risposò e ando a vivere con suo marito in altra casa subentrammo noi circa 30anni fa. Ora con questa IMU come ci comportiamo???? Grazie
     
  17. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Continuano a mancare dei pezzi.... : chi è usufruttuario dei restanti 2/3?
    Se la successione si è aperta nel 1960, è stata regolata con il vecchio diritto di famiglia, modificato nel 1975.

    Secondo il c.c. del tempo, al coniuge superstite con due figli spettava l'usufrutto su 1/3 dell'eredità.
    I due figli ereditavano il patrimonio, metà ciascuno: cioè, tenendo conto dell'usufrutto della madre, ereditavano ciascuno la piena proprietà di 1/3 del bene, cui si aggiungeva la nuda proprietà di un ulteriore 1/6 (la metà ciascuno dei 1/3 della proprietà privata di usufrutto, perchè assegnato alla madre)

    Come dire che i due figli erano in possesso ciascuno della nuda proprietà di 1/2 eredità, ed usufruttuari di 1/3. Quindi la successione ha prodotto una situazione diversa da quella descritta da domenico: i figli non hanno avuto la sola nuda proprietà, ma anche il loro pezzo di usufrutto. Poi bisogna conoscere che tipo di divisione è stata fatta tra la sorella ed il fratello: dalle parole di Domenico, sembra che sua moglie abbia acquisito della casa l'intera quota del fratello, (o per via di acquisto o per via di scambio di quote di eredità su altri beni immobili e mobili), cosa che deve essere però stata fatta con atto del notaio: esiste?

    Se la sorella-moglie ha acquisito la quota del fratello, oggi sarebbe titolare di 2/3 di usufrutto, mentre la madre conserva il suo 1/3: l'IMU dovrebbe essere versata da entrambe, in proporzione ciascuno della propria quota di usufrutto. (L'IMU e l'IRPEF sono a carico dell'usufrutto, non della nuda proprietà)

    Se invece tra i fratelli non è stata fatta alcuna divisione dei beni (non basta a parole, occorreva un atto notarile vero e proprio), l'IMU verrà pagata 1/3 dalla madre, 1/3 dalla figlia, 1/3 dal figlio.
     
  18. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    La madre può pretendere di avere una rendita (leggi affitto) corrispondente al suo terzo di usufrutto: e se vi ha lasciato tranquilli in quella casa da quasi 50 anni senza nulla pretendere vi ha fatto pure un regalo.

    Se aveste solo la nuda proprietà (cosa che non torna, vedi post precedente) non avreste alcun diritto di godere dell'uso e dell'abitazione gratuitamente.
     
    A domenico1963 piace questo elemento.
  19. domenico1963

    domenico1963 Nuovo Iscritto

    chiarimenti

    Ti ringrazio per la comprensione...la successione è stata giustamente regolata nell'anno 1960 da mia suocera, con il vecchio ordinamento.La divisione dei beni immobili tra i due figli in pratica è avvenuta dal notaio mettendosi daccordo tra loro sul fatto che mia moglie prendesse la casa e il fratello il locale sotto la stessa casa e dividendosi i terreni in comune accordo con mia suocera che volle mantenere il suo terzo di usufrutto su tutto che era stato diviso dai proprietari, è avvenuta all'incirca intorno agli anni novanta. Giustamente come tu dici "ma i restanti 2/3 di proprietà di chi sono"? Successivamente a questo il fratello vendette il locale alla sorella e mia suocera prese il suo terzo di usufrutto e noi diventammo proprietari. Ora che ricordo dal modello 730 che presentiamo ogni anno mia moglie versa la sua quota di tasse sull'abitazione (anche se le paghiamo noi per intero) per la quota del 66,67% ICI e rendite immobiliari quindi se non erro mia moglie oltre ad essere la nuda proprietaria e anche in possesso della suddetta quota di proprietà dell'immobile e la rimanenza di 1/3 di usufrutto spetta a mia suocera. NB. Mia moglie non ha acquisito la quota dell'intera casa dal fratello...come ho specificato dal notaio hanno provveduto a dividerle così( io prendo il primo piano ..lui prende il locale per quanto riguarda gli immobili e lo stesso fu fatto per i terreni)...mantenendo giustamente il diritto della quota di usufrutto di mia suocera sui beni "" Cioè in pratica con il coltello tra i denti volle mantenere la quota di usufrutto.
    """""""
    """ Secondo il c.c. del tempo, al coniuge superstite con due figli spettava l'usufrutto su 1/3 dell'eredità.
    I due figli ereditavano il patrimonio, metà ciascuno: cioè, tenendo conto dell'usufrutto della madre, ereditavano ciascuno la piena proprietà di 1/3 del bene, cui si aggiungeva la nuda proprietà di un ulteriore 1/6 (la metà ciascuno dei 1/3 della proprietà privata di usufrutto, perchè assegnato alla madre)
    """ questo periodo da te citato è quello giusto come dalle carte del notaio emerge. Allora questa suocera cosa può pretendere se gli intimo di pagare la sua quota di IMU? Ti ringrazio e spero di non aver fatto un papocchio e che la cosa ti riesca facile da comprendere...ciao
     
  20. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Credo di averti già risposto: può pretendere la sua parte del valore di un ipotetico canone di locazione sui beni di cui è titolare di usufrutto: se la casa dove abiti (tutta la casa, anche il locale di sotto..) dovessi affittarla, quanto potrebbe essere il canone mensile? Bene, tua suocera ha il diritto di pretendere da voi la terza parte del valore di questo canone.

    p.s.: vorrei aggiungere una considerazione, che non vuole essere una morale, e non vuole entrare nel merito dei vostri rapporti familiari...: tieni presente che la riforma del diritto di famiglia ha riconosciuto al coniuge superstite non solo di godere di una quota di usufrutto; oggi le sarebbe stata riservata almeno 1/4 di proprietà, o in caso di successione legittima, 1/3 di piena proprietà. Cosa che riflette con maggiore equità la mutata situazione economica e sociale della società.

    Se alla suocera finora non avete mai dato alcun compenso per l'usufrutto, vi consiglierei caldamente di farvi carico dell'IMU della suocera, rimborsandole almeno la sua quota.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina