1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Nives

    Nives Membro Attivo

    Nel 1988 ho acquistato un terreno agricolo

    Nel 1989, su detto terreno agricolo, ho iniziato la costruzione di un fabbricato rurale, realizzando però solo il rustico con telaio in c.a.

    Nel 1992, con la mia famiglia, sono andato ad abitare in detto fabbricato rurale, occupandone il seminterrato, indicato in progetto come “rimessa attrezzi agricoli”, e vi ho trasferito la residenza.

    Dal 1992 ho iniziato a pagare regolarmente la tassa sui rifiuti.

    A tutt’oggi il fabbricato rurale non è stato ultimato, esiste soltanto il seminterrato con la sovrastante struttura in c.a., e non è mai stato accatastato.

    In questi anni non ho mai pagato alcuna tassa o tributo per il terreno e per il fabbricato e nulla mi è stato mai richiesto dal Comune od altro Ente.

    Giorni fa sono andato all’Ufficio Tributi del Comune per regolarizzare alcuni anni scoperti di tassa sui rifiuti, ma l’impiegato mi ha detto che dovevo pagare anche l’IMU dal 2010 al 2015 + la TASI del 2014 e 2015, per un totale di circa €. 3.500. Inoltre ha detto che avrei dovuto accatastare almeno il seminterrato dove abito e pagarci la relativa tassa.

    Quali sono gli obblighi reali ai quali sono tenuto per legge?

    Ho letto che la TASI non è dovuta per i terreni agricoli e per i fabbricati rurali ad uso abitativo e che l’accertamento dell’IMU si prescrive dal 5° anno successivo a quello in cui doveva essere fatta la dichiarazione.
    Nella mia situazione cosa conviene fare, considerando che non ho la possibilità di pagare questi tributi?
    Cosa sono obbligato a pagare?

    Grazie infinite per l'aiuto che vorrete darmi.
     
  2. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Il seminterrato è completo come un'abitazione civile o cosa?
    Avresti dovuto accatastare almeno il rustico dichiarando in corso di costruzione e pagare ICI/IMU i base alla rendita presunta.
     
  3. Nives

    Nives Membro Attivo

    Il seminterrato è completo come un'abitazione civile.
    Se accatasto ora il rustico in corso di costruzione, la TASI è dovuta?
    Se è dovuta, da quando decorre?
    L'IMU è dovuta? Se è dovuta da quando decorre?
    La richiesta del Comune di pagare l'IMU dal 2010 al 2015 è corretta? Non si prescrive dal 5° anno successivo a quello in cui doveva essere fatta la dichiarazione?
    Non dovrebbero notificarmi prima l'accertamento?
     
  4. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Prima di tutto vedi se la prorpietà è una di quelle segnalate per la pesenza di casa fantasma, successivamente fai una visura catastale mediante il tuo codice fiscale sia ai terreni che ai fabbricati.
    Occorre che regolarizzi al comune il cambio d'uso del seminterrato e successivamente devi procedere al censimento, Ovviamente è dovutala tasi.
    Se il comune notifica entro il 31/12/2016 può andare indietro di 5 anni quindi dal 2010.
    Perchè non hanno notificato e/o hai firmato in comune la consegna di qualche comunicazione in merito?
     
  5. Nives

    Nives Membro Attivo

    Non so perchè non hanno notificato. In comune non ho firmato la consegna di alcuna comunicazione in merito
     
  6. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    La cosa è strana, se il comune ha un credito di 3500 € di IMU non so come faccia a non notificare l'accertamento per il recupero della somma, sei scuro che non hai firmato un documento che ti avvisa di tale pendenza?.
     
  7. Nives

    Nives Membro Attivo

    Sicuro. Non hanno notificato nessun accertamento e non ho firmato alcun documento relativo a questa pendenza
     
  8. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Gli enti locali, relativamente ai tributi di propria competenza, procedono alla rettifica delle dichiarazioni incomplete o infedeli o dei parziali o ritardati versamenti, nonché all'accertamento d'ufficio delle omesse dichiarazioni o degli omessi versamenti, notificando al contribuente, anche a mezzo posta con raccomandata con avviso di ricevimento, un apposito avviso motivato. Gli avvisi di accertamento in rettifica e d'ufficio devono essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui la dichiarazione o il versamento sono stati o avrebbero dovuto essere effettuati. Entro gli stessi termini devono essere contestate o irrogate le sanzioni amministrative tributarie.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina