1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Gagarin

    Gagarin Membro Attivo

    Professionista
    Buongiorno a tutti. Il mio dubbio è il seguente: un'immbobile è in comproprietà tra due persone e uno dei due proprietari (che non è parente di primo grado dell'altro) ci abita stabilmente ed è residente senza pagar nulla all'altro e senza che ci sia un contratto di qualunque tipo, ma solo per amicizia consolidata di lunghissima data.
    Il regolamento IMU/TASI del Comune dice che non paga l'IMU, ma solo la TASI, l'immobile di residenza (1a casa) e l'immobile concesso in uso gratuito ad un parente di primo grado; tutti gli altri pagano l'IMU e non la TASI.
    In questo caso, secondo me, ci potrebbero essere due possibilità:
    1 - il proprietario che vi risiede paga solo la TASI (e non l'IMU) come prima casa solo sulla sua parte; mentre l'altro comproprietario paga solo l'IMU (e non la TASI) sulla propria parte considerata come seconda casa (prima dell'avvento della TASI si è fatto così, anche se poi il comproprietario residente rimborsava l'IMU all'altro);

    2 - dato, però, che l'immobile non è divisibile e coabitabile e che con la TASI si verrebbe a risparmiare una discreta cifra, mi chiedo se l'immobile possa essere considerato INTERAMENTE come prima casa dal proprietario che vi risiede (risiede in tutta la casa e non solo nella sua parte) e pagare solo la TASI (e non l'IMU), magari direttamente tutta lui, lasciando indenne il comproprietatio o rimborsandogli la sua parte?
    In sostanza la seconda ipotesi, se praticabile, sarebbe economicamente più conveniente, ma, secondo voi "forumisti" può esser praticabile?
    Se non fossi stato chiaro chiedete liberamente spiegazioni.
     
  2. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Secondo me il proprietario non residente pagherà, per la quota di sua spettanza, sia l'IMU che la Tasi per Altri Immobili tenuti a disposizione.
    Da quanto hai riportato non mi pare che il Comune prevede detrazioni per tale ipotesi. E non mi pare nemmeno che possa recuperare la quota Tasi a carico dell'occupante l'alloggio.
     
  3. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Scusa, ma invece di pagare tasse per una parte di immobile per la quale hai solo una remissione, perche' non gliela vendi e realizzi qualcosa. Va bene l'amicizia ma si dice anche che:"ove il guadagno non c'e' la remissione e' certa".
     
  4. GianfrancoElly

    GianfrancoElly Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Per Gagarin: vale la prima ipotesi (metà TASI per il residente e metà IMU per il proprietario come 2a casa). Per Alberto Bianchi: il Comune di Cagliari ha previsto che i proprietari di casa che non affittano non pagano la TASI.
     
  5. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Certo, è una facoltà del Comune non applicare la Tasi ma, trattandosi di seconda casa, l'IMU la fa pagare.
     
  6. GianfrancoElly

    GianfrancoElly Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    E' quello che ho detto io nella mia risposta a Gagarin
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina