1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. ste70

    ste70 Nuovo Iscritto

    Buongiorno,
    nella sentenza di separazione, il giudice ha disposto che l'appartamento di nostra proprietà fosse affidato alla mia ex. Nella realtà dei fatti, io sono residente e abito in quella che era la nostra prima casa di proprietà e la mia ex pur mantenendo la residenza nella nostra casa, è andata a vivere in una casa in affitto con contratto transitorio.
    Secondo voi, chi paga l'IMU?
    Grazie a tutti.
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Tua moglie. E senza considerarla la sua abitazione principale: 0,76% e nessuna detrazione.
     
  3. nut

    nut Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Io avevo letto che è necessaria la residenza in un immobile per pagare l'aliquota come prima casa, non il domicilio, quindi, tua moglie dovrebbe pagare con l'aliquota agevolata.
     
  4. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Per essere considerata abitazione principale ci vuole la residenza e l'abituale domicilio in mancanza di uno dei due requisiti non si ottiene l'agevolazione prima casa quindi l'ex consorte paga, in quanto destinataria dell'assegnazione con sentenza, come seconda casa.
     
  5. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Scusa, lasciamo da parte per un attimo a chi spetterebbe pagare l'IMU.
    Se il Giudice ha assegnato l'abitazione a tua moglie, come mai tu continui ad abitare nella ex abitazione coniugale ?
    Perchè tua moglie dovrebbe pagare l'IMU non potendo di fatto utilizzare l'abitazione assegnatale con una sentenza di separazione ?
    Si tratta di decidere quale "nominativo" (il tuo o quello della ex) riportare sul modello f24, o si tratta delle ultime schermaglie post sentenza ?
     
    A nut piace questo elemento.
  6. ste70

    ste70 Nuovo Iscritto

    quando siamo andati dal giudice non avevamo le idee molto chiare sul nostro futuro e di quello della casa. dopo la sentenza abbiamo deciso di vendere la casa e dividerci il ricavato in modo che ognuno potesse rifarsi una vita. quindi abbiamo deciso che io sarei rimasto nella casa per seguire la vendita e lei andava in casa in affitto. secondo me la scelta è tra queste:
    1) pago tutto io perchè ci vivo.
    2) non avendo la sentenza del giudice a mio favore, io pago la mia quota come abitazione principale e la mia ex la sua quota come seconda casa.
    3) visto che entrambi abbiamo sempre la residenza insieme, ognuno si paga la sua quota come prima casa
     
  7. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Questa sarebbe una soluzione. Ma il pagamento deve essere fatto con contribuente tua moglie. Ma non come sua abitazione principale.
    Altrimenti, l'unica soluzione è far modificare il provvedimento che assegna a tua moglie la casa coniugale. Che, naturalmente, avrà effetto solo dopo l'adozione di tale modificazione.
     
  8. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Ci vuole la residenza (intesa come iscrizione anagrafica) e la dimora abituale. Il domicilio a nulla rileva. Infatti il domicilio è definito dall’art. 43, primo comma c.c. come il luogo in cui una persona ha stabilito la sede principale dei propri affari e interessi.
     
  9. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ste70, ti ammiro per la tua onestà ! Ma sinceramente non saprei cosa consigliarti. Se la sentenza è recente si potrebbe optare per la risposta 3, considerando il vostro status in attesa di sistemazione logistica, mentre la situazione di fatto derivante dal domicilio consiglierebbe la Nr. 2.
    Aspettiamo contributi da altri frequentatori del forum.
    Ci vorrebbe un interpello ma purtroppo non c'è più tempo, la scadenza è lunedì.
     
  10. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    La norma è chiarissima (comma 12-quinquies dell'art. 4 del D.L. n. 16/2012, come inserito dalla legge di conversione n. 44/2012):
    "Ai soli fini dell'applicazione dell'imposta municipale propria di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, nonché all'articolo 13 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, l'assegnazione della casa coniugale al coniuge disposta a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, si intende in ogni caso effettuata a titolo di diritto di abitazione".
    Se il coniuge assegnatario è, ai soli fini dell'imposta municipale propria, titolare di diritto di abitazione, il coniuge assegnatario è il solo soggetto passivo d'imposta.
    Peraltro, mancando uno dei due requisiti prescritti perché la casa assegnatagli possa essere considerata la sua abitazione principale, il coniuge assegnatario dovrà pagare secondo l'aliquota di base e senza nessuna detrazione.
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  11. ste70

    ste70 Nuovo Iscritto

    Anche secondo me, per logica, avrei optato per la soluzione due o tre (d'altronde nessuno di noi due ha un'altra abitazione di proprietà ed entrambi siamo ancora residenti qui). Però rimane il fatto, come mi fa notare Nemesis, che la legge affida ad un coniuge il diritto abitativo, se poi non ci vive sono affari suoi ed, in teoria, è anche la soluzione migliore per non avere problemi con l'Agenzia delle Entrate "paghi il massimo e basta". Ho ancora qualche ora per pensarci e provare ad esporre queste soluzioni alla mia ex, poi decideremo.
    Ringrazio tutti per il tempo che mi avete dedicato.
    ste70
     
  12. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Nemesis, sei il Thesaurus del Forum. Complimenti e grazie per l'aiuto che dai.
    Buon WE.
     
    A Nemesis piace questo elemento.
  13. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non solamente problemi con l'AdE. Ma anche con il comune.
     
  14. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Ringrazio sentitamente e contraccambio gli auguri per un buon fine settimana. Ma non sono infallibile. Anzi!
     
  15. cabula

    cabula Nuovo Iscritto

    Ma quindi anche io, che ho ereditato una casa con i miei fratelli, però uno di questi l'ha occupata e si è fatto la residenza, non devo pagare l'IMU?
     
  16. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    ...e no ! Purtroppo devi pagare per la tua quota con l'aliquota massima e senza detrazioni, mentre tuo fratello (che si è fatto la residenza come dici tu) pagherà lo 0,4 % ed avrà una detrazione di 200 Euro e molto probabilmente non pagherà nulla.
    Questa è la Italica Iustitia.
     
    A rita dedè piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina