1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Creta

    Creta Nuovo Iscritto

    Salve a tutti! Io ho un negozio dove sono in affitto da 2 anni ... Fin. Dai primi 15 giorni mi lamentai con i proprietari della comparsa di muffa avvenuta con l'accensione del riscaldamento...a distanza di 2 anni il problema e' ovviamente peggiorato nonostante deumidifucatori ,riscaldamento ,continuo arieggiamento dei locali.... Ora... Sono dovuta andarmene perche la situazione era insistenibile visto le lamentele delle clienti che per andare in bagno dovevano passare per la stanza ammuffita che spesso era con le finestre aperte e quindi d'inverno c'era freddo.... Quando chiudevo le finestre si scaldava... Ma l'odore e la brutta vista era un disagio non da poco.... Mi chiedevo... Ora il contratto e' concluso con mia disdetta... Possono i proprietari trattenere la caparra?? E posso io chiedere danni per il disagio ,per l'immagine e per il conseguente trasloco dell'attivita visto che non hanno mai fatto nulla per risolvere il problema nonostante le mie continue lamentele(anche scritte)?????Grazie mille
     
  2. maria55

    maria55 Membro Attivo

    Professionista
    lamemtele scritte? ma, scritte quanto? avresti potuto chiedere la risoluzione del contratto e chiedere risarcimento danni
     
  3. britallico2

    britallico2 Ospite

    la soluzione era un economico rivestimento in legno della parete (perline) l'umido rimaneva ma i clienti non lo avrebbero visto, occhio non vede, cuore non duole... l'ho fatto anch' io a suo tempo, io essendo cagna magra non ho messo legna ma ho ricoperto di teli e stoffe e posters e moquette.

    Io fossi in te ora lascerei perdere, ma e' solo un consiglio da persona, non da avvocato.
     
  4. Creta

    Creta Nuovo Iscritto

    Scritte da un anno prima di dare la disdetta specificando per altro che li avevo chiamati 15 giorni dall'inizio della locazione ... Lettera alla quale hanno risposto senza negare.... Adesso vogliono tenersi la caparra... Son 5 mesi che la stanno trattenendo...
     
  5. Creta

    Creta Nuovo Iscritto

    Ho provato anchio poster ecc ecc ammoniaca ... Spray apposta per muffa.... Ripitturato dopo averla tolta almeno 10 volte..... Ma io non pagavo l'affitto per risanare i loro muri malsani.... Lo pagavo regolarmente per poterci lavorare ...
     
    A britallico2 piace questo elemento.
  6. britallico2

    britallico2 Ospite

    Beh ovvio che se era la stanza principale e non una stanza di passaggio al fine di andare in bagno allora hai fatto bene ad andartene, ribadisco pero' che se hai energie e' meglio proiettarle sul tuo business invece che sugli avvocati, c'e' sempre il lato positivo del perche' le cose accadono.. poi ognuno fa come si sente, ciao auguri.
     
  7. Creta

    Creta Nuovo Iscritto

    Questo senz'altro ma non trovo giusto che ora si vogliono tenere la caparra per propblemi che erano sicuramente già a conoscenza.... Il lato positivo c'e ... Per fortuna ... Ma e' una questione di principio... Se solo c'e la possibilità di riavere la caparra vado avanti... Loro Fanno così con tutti gli inquilini...quali l'uno dovrà pur farli smettere no?!? Cmq Grazie mille !!:)
     
  8. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Disquisizione tecnica.
    Alle volte dipende dai materiali adoperati per la ritinteggiatura, specialmente se il problema si presenta al momento di accendere i riscaldamenti. Un mio conduttore mi aveva comunicato lo stesso problema nel bagno dell'appartamento. Dopo aver fatto verificare che non ci fossero infiltrazioni e/o rotture di condotte e avendo notato che il conduttore aveva ritinteggiato il bagno l'estate, ho dedotto potessero essere stati i materiali usati per il lavoro. Ho fatto rimuovere le vecchie pitture, rasare le pareti e tinteggiare con buoni prodotti idonei a bagni e cucine. il problema non è più ricomparso. Se in commercio esistono bidoni ti tinta da 5€ e da 30/40€, questa differenza di prezzo non penso dipenda solo dal nome del prodotto ma anche dalla qualità del prodotto stesso. Ovviamente gli ho addebitato le spese. Un'altro conduttore una volta mi chiama dicendomi che in cucina gli pioveva dal soffitto. Avendo io la cucina sopra la sua e temendo una perdita mi sono precipitato a controllare e cosa scopro?? Aveva tinteggiato il soffitto con una tinta avanzata nel cantiere dove lavorava, peccato si trattasse di una tinta di fondo per velature, una tinta super coprente e super impermeabile, ogni volta che metteva l'acqua sul fornello per la pasta il vapore si condensava sul soffitto e in cucina ci voleva l'ombrello. Morale della favola....anche i muri respirano.
     
  9. Creta

    Creta Nuovo Iscritto

    Certo... Se fosse così pienamente ragione... Ma peccato che il problema si presentava fin dall'inizio della locazione e che ho pitturato ( fatto fare da un pittore professionista)solo dopo un anno e mezzo.Mi spiego meglio... Sono entrata hanno fatto la prova accensione del riscaldamento.. (il locale era chiuso da 2 anno e nessuno aveva mai scaldato e arieggiato) e in terra si sono formate le pozzanghere da tanta acqua che hanno buttato fuori i muri... E ho avvisato subito.... Da li ovviamente la muffa.... Io son certa che a volte si trovano inquilini che non adottano le precauzioni dovute.. Ma ci sono anche inquilini che ci tengono e (come me)oltre a mettere a norma il locale che non lo era e l'ho scoperto dopo, adotta tutte le precauzioni per tenere un locale sano , anche perche dopo tutte le spese affrontate per metterlo a posto era mia intenzione starci almeno 10 anni....
     
  10. britallico2

    britallico2 Ospite

    Certo che se accendendo il riscaldamento si formano le pozzanghere per terra mi sa che ha ragione casanostra, cioe' i muri non "buttano fuori acqua" a meno che non siano sigillati completamente.

    Questo mi ricorda un appartamento che avevo a londra,al quale avevano tappezzato i muri con una specie di polistirolo, l'unica maniera per combattere la condensa era di tenere finestra sempre socchiusa e anche cosi in certi punti si condensava tutta l'umidita' dell'aria.
     
  11. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Creta lungi da me nel condannare i conduttori dico solo che alcune volte si adottano scelte al solo scopo di risparmiare ma poi le magagne vengono fuori. Per quanto riguarda la muffa se il locale era chiuso da 2 anni e quando sei entrata non hai trovato macchie e/ rigonfiamenti nei muri vuol dire che non ci sono risalite di umidità dal terreno o qualche pietra che sfoga salnitro. anche se i lavori sono stati fatti da un professionista non è detto che ha sottovalutato la cosa e usato materiali un po più economici.
     
  12. Il medico della casa

    Il medico della casa Membro Attivo

    Buongiorno a tutti,
    l'argomento "condensa nelle costruzioni" è piuttosto complesso ed ostico anche per gli addetti ai lavori, quindi vorrei evitare di entrare in oscuri meandri di regole fisiche e di complesse formule matematiche.
    E' opportuno invece definire gli aspetti legali e normativi della vicenda, anche perchè dalla loro analisi si potrà capire se e come aver diritto al risarcimento,o perlomeno al riconoscimento della giusta causa in merito alla disdetta del contratto di locazione.
    Intanto vorrei dire alla gentile Creta, che queste azioni avrebbe dovuto intraprenderle durante il periodo di affitto e non dopo la sua conclusione. La constatazione dell'effettivo stato di fatto, con relazione di perizia e documentazione fotografica allegata, andava effettuata da un Tecnico abilitato e notificata in tempo al proprietario con Racc. a/r, nella quale si sarebbe intimato un termine ultimo per la risoluzione definitiva dei problemi in atto, salvo citazione per danni ecc, ecc.
    Allo stato attuale purtroppo, non è possibile conoscere l'esatta eziologia delle manifestazioni lamentate, e non si può tantomeno attribuire alla esclusiva responsabilità del proprietario, il nesso di causalità fra manifestazioni e qualità dell'immobile.
    A questo punto occorre conoscere esattamente il contenuto della corrispondenza citata:

    Una eventuale ammissione di responsabilità da parte della proprietà, anche se parziale sarebbe di grosso aiuto per avanzare le nostre richieste.
    Occorre inoltre conoscere se vi siano dei testimoni o una documentazione fotografica sui fatti descritti, o meglio ancora uno o più clienti (anche ospiti o fornitori) che si sono mostrati infastiditi o disturbati in passato dalla presenza di muffa o dalla relativa puzza.
    In questo caso ci sarà più facile far valere le nostre ragioni.
    Fammi cortesemente sapere cosa abbiamo in mano.
    Saluti
    Il medico della casa
    Milano
     
    A Creta piace questo elemento.
  13. Creta

    Creta Nuovo Iscritto

    Cosanostra : si quando sono entrata c'erano rigonfiamenti ma il proprietario diceva che non volevano dire nulla....
     
  14. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Non vorrei qui spostare dal punto di vista legale a quello tecnico. Creta se hai notato rigonfiamenti sulla muratura allora si probabilmente si tratta di umidità. Per quanto riguarda la parte legale ben ti ha postato l'amico IL MEDICO DELLA CASA.
     
  15. Creta

    Creta Nuovo Iscritto

    Medico della casa: nella lettere raccomandata mandata ai proprietari e' stato descritto tutto il periodo della locazione specificando le diverse sollecitazioni fatte da me fin dai primi giorni di locazione ( essendo stati verbali ho scritto appunto che le chiamate erano stesso fatte ma che i proprietari si erano presentati con vari professionisti senza pero fare alcun intervento ) e avevo scritto anche che loro mi avevano rimborsato di loro iniziativa il costo della pittura,cosa tra l'altro documentabile dai bonufici dell'affitto,quindi già da questo e dalla loro risposta che e' susseguita senza negare il tutto a me sembra che sia già una prova... Ci sono le bollette del gas altissime ( che indicano un riscaldamento usato in abbondanza ,e clienti che possono testimoniare delle finestre aperte e della muffa! Anche altri inquilini di appartamenti dello stesso stabile sono andati via per il motivo muffa... Ma quelli li devo ancora rintracciare....
     
  16. Creta

    Creta Nuovo Iscritto

    ... E anche foto del locale dove si manifestava la muffa ( che nel punto più problematico si manifestava dal basso ,quindi dal pavimento , verso il soffitto, vorrei specificare che lo stabile ha molti anni,almeno 80 , e che all'esterno manca il marciapiede .
    Grazie mille
     
  17. britallico2

    britallico2 Ospite

    Ma sei ancora dentro o te ne sei gia' andata? Spero che in un modo o nell'altro la caparra te la restituiscano!
     
  18. Creta

    Creta Nuovo Iscritto

    Me ne sono andata già da giugno 2011 pagano l'affitto regolarmente fino ad ottobre perche la disdetta scadeva ad ottobre .
    Lo spero tanto anch'io se non altro per principio!! Grazie
     
    A britallico2 piace questo elemento.
  19. Il medico della casa

    Il medico della casa Membro Attivo

    Se le cose stanno così, abbiamo qualche possibilità di chiedere il giusto risarcimento.
    Dovrai affidare l'incarico ad un Legale che notificherà una richiesta danni al proprietario adducendo le motivazioni della disdetta locativa, alle condioni della costruzione, che non rendevano più possibile la continuazione della tua attività nei locali oggetto di contratto. Il disinteresse manifestato nel tempo da parte del proprietario ti ha inoltre causato rilevanti danni economici, finanziari e patrimoniali oltre che di immagine, al punto da costringerti a trasferire altrove l'attività.
    Ovviamente nella richiesta dovrai mettere dentro i mesi di affitto andati a vuoto, merci rovinate, perdita dell'avviamento commerciale, perdita di clientela e quant'altro. E' fondamentale dimostrare il nesso di consequenzialità fra le condizioni igieniche del locale non idonee, e la tua decisione di interrompere la locazione, con l'aggravante delle lamentele più volte espresse e sempre ignorate. Se intendi ottenere 10 devi chiedere e giustificare davanti al giudice almeno 25. Funziona così.
    Saluti e in bocca al lupo!
     
    A britallico2 piace questo elemento.
  20. Creta

    Creta Nuovo Iscritto

    Grazie mille per il tempo e la chiarezza!! Sono sollevata dal fatto che ci sia un Modo per non perdere la cauzione...non tanto per la cifra in se ma perche oltre al danno anche la beffa non lo trovo giusto!! Grazie e crepi il lupo!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina