1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Il titolo può trarre in inganno ma in effetti la situazione è questa:
    in un condominio ( e qui metto una trappola per poi spiegarvi in seguito di discussione ) dove non c'è un regolamento condominiale e pertanto si utilizzano solo le tabelle millesimali e quello che prevede il c.c. , dove le tabelle sono A, B, C, D, E, che rispettivamente corrispondono a: generale fabbricato uno e due, generale unità interne uno e due, tetto corpo principale uno e due, atrio scala corpo principale uno e due, generale box, citofoni.
    Detto questo il condominio è composto da due corpi principali di 10 + 10 abitazioni perfettamente uguali, un passaggio tra i due corpi che da accesso alle scale e a un cortile interno dove, per conto loro, ci sono 20 box, e una unità immobiliare tipo villetta, pertanto i box e la villetta devono usufruire del passaggio e del cortile per passare manovrare e accedere alle loro proprietà, aggiungo che alcuni box non sono di proprietà delle abitazioni ma di persone esterne pertanto non hanno abitazioni nel corpo principale.
    Dato le spiegazioni adesso la domanda: a una messa in sicurezza dei due corpi principali, pertanto spicconatura ecc. i box e la villetta interna devono pagare la loro quota oppure si devono ritenere esclusi?
     
  2. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Messa in sicurezza di cosa?
     
  3. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Sia la manutenzione dei prospetti che la loro messa in sicurezza sono a carico dei proprietari interessati e per le quote millesimali vigenti.
    Esempio se la messa in sicurezza riguarda uno solo dei due corpi a questa partecipano alle spese i suoi inquilini.
    p.s. come fate ad avere le quote millesimali e non il regolamento? solitamente chi redige le quote automaticamente redige anche il regolamento, il quale prevede quali tabelle utilizzare per le manutenzioni occorrenti.
     
  4. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ok altri particolari:
    la messa in sicurezza trattasi di calcinacci che cadevano dalla facciata dei due corpi e dai balconi, pertanto.
    Le tabelle millesimali hanno una spiegazione sia per come sono state fatti i calcoli e perché e sia come usare le varie lettere, ma questo non basta ai furbi che vogliono usare la tabella A per cose che secondo me andrebbero ripartite usando altre tabelle....altrimenti perché l'architetto le avrebbe fatte?
    adesso la domanda è oltre al c.c. c'è qualcosa altro che aiuta a decidere ad erudirsi in questo campo?
    Andiamo per gradi e vi dirò altro
     
  5. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    il C.C. non può prevedere tutto, c'è il buon senso e i regolamenti specifici
     
  6. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Si il c.c. non prevede tutto ma ci aiuta tantissimo ci dice che la spesa va ripartita tra quelli che ne traggono utilità che le parti comuni sono da manutenere da tutti e proprio per questo modo di esporre le cose che lasciano all'interpretazione che ci lascia esposti ai 4 venti ora sto cercando di mettere insieme un puzzle in modo da far ragionare e farmi ragionare su quello che è giusto oppure no, io vi ho esposto una foto classica di un fabbricato moderno ma se fosse uno vetusto? non antico? cerco qualche foto ad esempio e le posto se nel frattempo ci fossero più dettagli da esporre come leggine nascoste ecc. mi farebbe piacere. :)
     
  7. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    I muri perimetrali sono beni comuni
    I balconi aggettanti sono beni privati (salvo eventuali fregi/decori esterni che caratterizzino il Condominio)
    Già questo comporta una differente competenza di spesa.

    Se il Condominio è formato da "differenti" corpi di fabbrica e i problemi non riguardano tutti blocchi...allora ci si rifà al Condominio Parziale.
     
  8. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Allego una piantina esplicativa la messa in sicurezza riguarda solo i corpi di fabbrica
    1 e 2 scusate il disegno è un poco grande box ecc.jpg
     
  9. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Come immaginavo.
    Vale quanto detto. Condominio Parziale salvo diversa disposizione in "titolo" suffragato da firma.
     
  10. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Dimaraz cambierebbe qualcosa se i due corpi principali fossero un solo corpo ma al centro ci fosse un portone/passaggio per il cortile interno ecc.
    Poi come posso fare capire all'amministratore e a gli altri la differenza tra condominio parziale e normale?
     
  11. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Potrebbe diventare un elemento discutibile...specie se pure lo stesso necessiti di lavori.
     
  12. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ok adesso ti svelo l'arcano, i due fabbricati principali in effetti ne è uno solo è una costruzione di un 200 anni pertanto non è antica ma è vecchia, fu ristrutturata da un'azienda che comprò tutto e divise la struttura in appartamenti più adatti alla vendita di un venti anni fa.
    La costruzione è composta da un unico corpo di fabbrica fronte strada con un grosso portone che da l'accesso a tutto, sotto all'androne ci sono due scalinate che portano agli appartamenti poi proseguendo l'androne da l'accesso a un cortile aperto ma delimitato dove ( sempre la ditta che ha ristrutturato all'epoca ) ha costruito dei box e una villetta, pertanto si hanno tre costruzioni indipendenti, di comune hanno il passaggio e l'amministrazione, infatti nelle tabelle millesimali rifatte 10 anni fa, ce la tabella A generale poi quella per le scale per il tetto per l'androne per i box e per la villetta ossia tutto separato ma in comune solo con la tabella A per la gestione, ma anche le vecchie erano cosi solo con un piccolo errore tra 2 appartamenti bastava invertirli, ma si è voluto buttare dei soldi per avere lo stesso risultato, ma la maggioranza decide pertanto zitto e subbiasci.
    Ora mi domando se quel "fesso" (detto in senso bonario) del tecnico che ha redatto le tabelle ( purtroppo è morto) ne ha fatte di cosi tante un ragione c'è altrimenti perché le avrebbe fatte? tu dirai si ma tutta sta manfrina perché...perché 1° si è fatta la spicconatura alla facciata perché cadevano i calcinacci e pertanto per metterla in sicurezza si è dovuto farla con gli annessi e i connessi, poi ci saranno i lavori di ristrutturazione ecc. e l'amministratore vuole dividere le spese secondo la tabella A ossia includendo anche la villetta e i box che non centrano, ma centreranno solo quando si dovrà fare la ristrutturazione dell'androne e del portone che protegge tutti e che utilizziamo tutti, come ti sembra?
    Per la messa in sicurezza , se si è messo in sicurezza solo il fabbricato principale perché dovrebbero pagare anche i box e la villetta?
    Sei e siete più esperti, del mio ragionamento cosa vi sembra? mi potete far capire il motivo se ho ragione o se sbaglio.
    Grazie
     
  13. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Come detto...fossero riparazioni dell' androne giusto che siano inclusi anche pertinenze e villetta...tutto il resto non ti riguarda salvo titolo contrario in RdC Contrattuale...ma allora pure gli altri dovrebbero sostenere le riparazioni della villetta quando necessario.

    Più di farti valere verbalmente non posso suggerirti...e sarai costretto ad impugnare se persevera(no) nel imputarti spese che non ti competono.
     
  14. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ah\ finalmente una persona che ragiona, devo solo sperare ma impugnare non se ne parla per tutto quello che già mi è successo non credo più nella giustizia, infatti anche se il periodo non è buono ho messo in vendita quello che è mio.
    un salutone grazie
     
  15. antoniorubino

    antoniorubino Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Nessuna assemblea puo' deliberare, neanche se totalitaria, su beni che incidono su diritti individuali di terzi ,massima Cass. SS.UU. del 7 marzo 2005 n°4806 .E' NULLA l'ass. se lo facesse. Evidente e' che trattasi di proprietà parziaria e non totale.
    Basta che l'amm.tore applichi l'art. c.c. 1123 comma 2 e 3 e che tutto si risolve.
    Ma loro si fermano di norma al comma 1 e non proseguono.
    Moltissimi di LORO SONO INCOMPETENTI che si sono scelti unnnnnnnnnn lavoro.
    Auguri e tieni duro.
     
    Ultima modifica: 13 Settembre 2015
  16. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Intendendo per "totalitaria" una delibera presa all'unanimità (1000/1000) temo tu abbia tratto ispirazione/conoscenza da un pessimo commento/articolo alla sentenza citata che di fatto stabilisce tutt'altro.

    Ciò premesso l'ignoranza dell'Amministratore sarebbe seocnda a quella del Presidente/Assemblea che diano valore diverso da quanto stabilito per Legge.
     
  17. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ragazzi la legge, i buoni propositi dell'amministratore ecc, passano in secondo piano quando entrano in ballo gli interessi personali in 35 anni ho visto professionisti, dottori ecc. perdere la faccia per 100€.
    BAH! buona notte.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina