• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

mcghilar

Nuovo Iscritto
Conduttore
Buonasera, ho una licenza bar data in affitto d'azienda ormai da 10 anni.
Il contratto di locazione dei locali è sempre stato intestato a me.
Nel 2015 ho ricevuto regolare disdetta, dopo i primi 12 anni, per il 31/03/2016.
Ho fatto richiesta della indennità di avviamento e il proprietario non ne vuole sapere di pagare.
Comunque, per ora, la cosa sta bene anche a me perché non avevo intenzione di lasciare i locali.
La mia domanda è: l'indennità di occupazione ha una scadenza? Se il proprietario non mi vuole pagare l'indennità di avviamento come devo fare per mettere in regola il contratto d'affitto? Se volessi vendere la licenza con tutto l'arredamento e impianti avrei bisogno di un contratto in regola, giusto?
Grazie a chi mi risponderà
 

Adriano Giacomelli

Membro dello Staff
Proprietario Casa
Sicuramente la vendita a terzi di un avviamento di attività si basa sul fatto di avere un regolare contratto di locazione che garantisca all'acquirente la certezza della prosecuzione dell'attività. Questo concorre a poterti pagare licenza arredamento, avviamento. Il fatto che il termine di recesso dal contratto d'affitto sia scaduto è assai strano. Ma il tuo contratto di affitto azienda è sempre con lo stesso locatore dei muri?
 

mcghilar

Nuovo Iscritto
Conduttore
No. Il contratto di locazione è stipulato con la proprietaria dei muri che è una signora anziana.
Esiste un cavillo legale per cui posso sollecitare il contratto d'affitto?
Grazie
 

Adriano Giacomelli

Membro dello Staff
Proprietario Casa
Sgombriamo il campo dai dubbi, se hai onorato regolarmente il pagamento dei canoni anche dopo il termine di recesso, di fatto si configura una prosecuzione del canone di locazione. Ora sul piano del buon senso si dovrebbe regolarizzare con la stesura di un nuovo contratto 6 + 6 alle medesime condizioni, se non riesci ad ottenere la firma di tale contratto, devi coinvolgere un legale che in via bonaria richiederà il nuovo contratto, in difetto dovrà rivendicare il tuo diritto legalmente.
 

moralista

Membro Senior
Professionista
La cosa andrebbe approfondita meglio, contratto 6+6 in essere da 10 non è ancora scaduto, hai ceduto l'azienda e non il contratto, cosa hai ceduto allora, se tutto è stato fatto con atto notarile che è obbligatorio, dovresti aver trasferito anche il contratto di locazione, assieme alla cessione dell'azienda
 

mcghilar

Nuovo Iscritto
Conduttore
La cosa andrebbe approfondita meglio, contratto 6+6 in essere da 10 non è ancora scaduto, hai ceduto l'azienda e non il contratto, cosa hai ceduto allora, se tutto è stato fatto con atto notarile che è obbligatorio, dovresti aver trasferito anche il contratto di locazione, assieme alla cessione dell'azienda
La cosa andrebbe approfondita meglio, contratto 6+6 in essere da 10 non è ancora scaduto, hai ceduto l'azienda e non il contratto, cosa hai ceduto allora, se tutto è stato fatto con atto notarile che è obbligatorio, dovresti aver trasferito anche il contratto di locazione, assieme alla cessione dell'azienda
Il contratto di affitto non è stato ceduto con il contratto, regolarmente stipulato da un notaio.
Dopo 2 anni che avevo in gestione il bar ho ceduto la licenza in affitto d'azienda.
Nel 2016, dopo 12 anni, mi è arrivata la disdetta dei locali. Ì gestori attuali si trovano bene e non vogliono lasciare, per cui non ho riconsegnato i locali (Anche perché il proprietario si rifiutava di pagare l'indennità di avviamento)
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
La cosa andrebbe approfondita meglio, contratto 6+6 in essere da 10 non è ancora scaduto, hai ceduto l'azienda e non il contratto, cosa hai ceduto allora, se tutto è stato fatto con atto notarile che è obbligatorio, dovresti aver trasferito anche il contratto di locazione, assieme alla cessione dell'azienda
Hai fatto confusione.

Contratto 6+6 già scaduto e disdettato (si presume nei termini) nel 2015 per il 31/3/2016.

I 10 anni si riferiscono al tempo in cui ha ceduto in affitto l'attività (azienda)...non l'edificio.
 

mcghilar

Nuovo Iscritto
Conduttore
Perché 6+6 ? Per via della disdetta? Potrebbe essere solo una proroga di 6?
Mi pare anche strano che si siano attesi due anni senza alcuna azione legale da ambo le parti
Ovvio che al proprietario conviene continuare con l'indennità di occupazione visto che le tasse sono diverse
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Esenti...solo che un conto è qualche mese...qui sono già oltre 2 anni e senza che vi siano processi/contenziosi in corso.

Ho seri dubbi che ad un controllo accettino tale elusione/evasione.
 

mcghilar

Nuovo Iscritto
Conduttore
Esenti...solo che un conto è qualche mese...qui sono già oltre 2 anni e senza che vi siano processi/contenziosi in corso.

Ho seri dubbi che ad un controllo accettino tale elusione/evasione.
Hai ragione. Anch'io la penso così. Ma cosa posso fare se la proprietaria non ha intenzione di rinnovare?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno, io sono cointestatario dell' appartamento in cui vivo, con mia moglie; volendo acquistare un altro appartamento e per usufruire di determinate agevolazioni dovrebbe risultare mia prima casa, pertanto, dovrei lasciare la cointestazione della prima casa. Questa operazione dovrà avvenire tramite atto notarile? ma soprattutto, quanto mi costerà?
Alto