1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. NovellaC

    NovellaC Nuovo Iscritto

    Ciao a tutti,
    sono nuova del forum e purtroppo ho un grave problema da risolvere.

    Dicembre 2008 ho rogitato.. la mia prima casa acquistata ero felicissima una mansarda con travi a vista e grande balcone anzi terrazzo soprattutto sulla parte interna.
    Gennaio 2009 Primo allagamento in camera proveniente dal tetto. Fortunatamente non avevo ancora posato il parquet. L'impresa di costruzioni pare che sistemi la cosa.
    Febbraio 2009 poso il parquet a listelle lunghe e scuro Stupendooo.
    Marzo 2009 secondo allagamento in camera peggio del primo di gennaio. Mi sollevano e mi riposano il parquet. sembra che risistemino tutto il tetto posando una guina.
    Aprile 2009 teminati i "rattoppi" sul tetto mi strovo la bellezza di 19 lunghe viti entranti nel tetto e sbucanti dalle mie travi per circa 15 cm. Mio padre (l'ho scoperto solo da pochi mesi) le ha livellate tutte e sistemate.
    I problemi sono presenti non solo nel mio appartamento ma in quasi tutti gli appartamenti mansardati di tutte e sei le palazzine site in Arconate.

    Maggio 2009 iniziano a comparire le prime macchie sul terrazzo. E vanno pian piano peggiorando. questo in tutte le palazzine.

    Ad oggi la situazione è la seguente.
    L'immobiliare che aveva appaltato la costruzione ad una impresa.. di cui vorrei fare nome ma per non so neppure io cosa non faccio, ha rattoppatto qua e la i diversi problemi rilevati OVUNQUE andando solo a peggiorare le cose.

    Abbiamo avviato un'azione legale che come risultato del 14/07/11 ha dato ragione solo in parte ai condomini.

    L'impianto elettrico non è a norma (e alla data del mio rogito l'immobiliare aveva avviato una pratica contro l'impresa costruttrice e mi ha taciuto tutto)

    i terrazzi interni hanno gravi infiltrazioni d'acqua (camminandoci sbuca acqua tra le fessure delle piastrelle. Il terrazzo sembra ammuffire il rame è ricoperto di patina verde, le piastrelle sono costantemente macchiatte ed umide. Il tubo di rame che discende dal tetto è alla base in cui entra nel terrazzo, malconcio e probabilmente è da lì che parte l'infiltrazione che ormai si è dilagata sul soffitto dell'inquilino di sotto.

    Vi prego datemi un cosiglio su come muovermi io vorrei chiedere all'immobiliare di venire a fare un sopraluogo in presenza dei miei tecnici (geometri) e pretendere che sistemino tutto. Ma conoscendo quei dementi temo che il menefreghismo sia alle stelle e che nulla sia fattibile io sono stanca sono due anni di continui problemi che vanno solo a peggiorare.

    Datemi delle dritte qualche idea un aiuto... se volete posto invio le foto che ampiamente documentano lo stato di malcostruzione e mal progettazione dell'immobile e nello specifico del mio appartamento.
    Attendo vostri riscontri

    Grazie a tutti in anticipo
    Novella
     
  2. Alessia Buschi

    Alessia Buschi Membro dello Staff Membro dello Staff

    Professionista
    Da come mi sembra di capire, c'è tutta l'impermeabilizzazione da rifare.
    Se la costruzione è recente, l'impresa costruttrice deve aver rilasciato la decennale postume, ovvero una garanzia di 10 anni sui lavori svolti, se questi 10 anni non sono ancora passati, devi rivalerti sull'impresa a patto che la denuncia di vizi sia fatta entro 1 anno dalla scoperta, cosa che è avvenuta, in quanto più volte l'impresa è venuta a rattoppare.
    Se avete già dato mandato ad un legale, fategli scrivere intimando di ripristinare tutta l'impermeabilizzazione sul tetto e sui terrazzini e inoltre di mettere a norma l'impianto elettrico, oppure fate voi il lavoro addebitando i costi all'impresa più il risarcimento del danno.
     
  3. NovellaC

    NovellaC Nuovo Iscritto

    L'immobile è del 2008 sono stata una dei primi inquilini. So bene della garanzia decennale ma pare che al costruttore e all'immobiliare ciò non interessi. La causa legale è stata fatta per le parti comuni, e il terrazzo risulta essere privato quindi mi han detto "bhe si prenda un legale suo e agisca per proprio conto". Bella risposta.
    Non trovo giusto dover sopportare spese per una casa che mi è stata venduta per nuova ad un prezzo di nuova costruzione ed un capitolato non veritiero. Il terrazzo non ho mai potuto sfruttarlo proprio a causa di questo pasticcio di impermeabilizzazione. Per il tetto dovrebbero far partire i lavori in quanto il ctu ha dato ragione agli inquilini. Mancanza di impermeabilizzazione e di materiali adatti, nonchè progetto con pendenza errata.
    Ma per il terrazzo? mi son sentita rivolgere un ARRANGIATI, e l'infiltrazione ad ogni pioggia o goccia di umidità peggiora sempre di più. Possibile che debbano passarla sempre liscia? i miei soldi però li hanno voluti tutti e subito

    Ed io ora sono da sola a combattere un'ingiustizia con l'immobiliare e il costruttore. Come faccio? non posso certo sopoprtare le spese e poi addebitarle a loro. Non risponderanno mai. ed io mi pago mutuo e spese da sola. Come faccio?
     

    Files Allegati:

  4. Alessia Buschi

    Alessia Buschi Membro dello Staff Membro dello Staff

    Professionista
    Fai scrivere all'impresa dall'avvocato di ripristinare il tutto a regola d'arte, altrimenti farai da sola il lavoro e addibiterai i costi all'impresa con l'aggiunta di un risarcimento danni. Deve interessargli per forza, sono obbligati.
    Gli allegati non si vedono, però trattandosi da come scrivi sia del tetto che del terrazzino, ci può essere pericolo di infiltrazioni ai piani sottostanti e conseguenti distacchi di intonaco che possono cadere in testa a qualcuno..... se non vogliono subire una denuncia penale..... gli interessa.
     
  5. NovellaC

    NovellaC Nuovo Iscritto

    IMG_1001.jpg IMG_1002.jpg IMG_0879.jpg ti ringrazio anzi tutto per le tue gentilissime risposte e ti dico che al piano di sotto già ci sono le infiltrazioni. Fortunatamente sono in ottimi rapporti con il proprietario di sotto e anch'esso e come me amareggiato.

    Per le foto riprovo ad allegarle forse sbaglio qlk

    Aggiunto dopo 1 :

    IMG_1001.jpg IMG_1002.jpg IMG_0879.jpg

     

    Files Allegati:

  6. salvo cervino

    salvo cervino Nuovo Iscritto

    Non puoi non agire a salvaguardia dei tuoi diritti, certamente il problema c'è e credo sia indispensabile che ti faccia assistere da un buon tecnico di tua fiducia che farà una panoramica della situazione a un tuo avvocato che se riterrà opportuno potrà chiedere al giudice un CTU per una perizia che fotografa e cristallizza lo stato dei luoghi, sulla base della quale non sarà difficile far pagare quanto dovuto + le relative spese, e non credo che impresa e immobiliare si faranno trascinare in giudizio. Certamente le spese e i tempi scoraggiano, ma se comunque non ci metti mano hai voglia di insaccare acqua.
    Saluti
    Salvo
     
  7. tamara

    tamara Membro Attivo

    sconsiglio di intraprendere lavori a proprie spese per poi chiedere un risarcimento. Consiglio invece immediatamente di rivolgersi al Tribunale e chiedere un ATP (accertamento tecnico preventivo). E' una procedura abbastanza breve e consente di ottenere una consulenza tecnica che accerta le responsabilità del costruttore (consiglio di citare anche il direttore dei lavori). Di fronte ad una relazione che inchioda il costruttore e/o il direttore lavori alle loro responsabilità di solito si riesce a trovare un accordo.
     
  8. NovellaC

    NovellaC Nuovo Iscritto

    Ciao Tamara e grazie vivamente per il tuo gentilissimo parere

    Ti pongo un quesito in merito a quanto da te espresso.

    Una causa legale con tanto di atp vi è già in corso, ma viene effettuata ed è stata pronunciata dal tribunale solo per le parti comuni avente il medesimo problema del mio terrazzo considerato però proprietà privata e quindi non rientrante nella causa (anche altri terrazzi hanno questo tipo di problematica, ma a questo punto io sto provvedendo per la mia parte). Come dovrei procedere a questo punto??

    Mi sento talmente abbattuta e demoralizzata che inizio a non capire più nulla.
     
  9. Arianna M

    Arianna M Nuovo Iscritto

    Concordo con il far valere il proprio diritto presso un avvocato. Di solito, la prima chiacchierata non costa nulla e, se è un professionista serio, ti dirà immediatamente come stanno le cose. L'impresa costruttrice è obbligata x legge entro i 10 anni, come ben specificato da Alessia Buschi. In base alla mia esperienza (per fortuna non così grave), alla nostra prima raccomandata l'impresa ha nicchiato, quando ha ricevuto quella del nostro avvocato ha risolto il problema in tempo record... E' triste dirlo, ma spesso giocano sul fatto che chi compra casa già si indebita per il mutuo e il resto e quindi è difficile che si rivolga ad un avvocato proprio per la paura di spendere altri soldi inutilmente!!
     
  10. salvo cervino

    salvo cervino Nuovo Iscritto

    Io non intendevo che iniziasse lavori ma chiedere un accertamento tecnico preventivo, ma prima di fare ciò che costa, di farsi assistere da un Geo. o da un Ing. o da un Arch. per valutare la richiesta di un CTU. E comincia a cercarti in avvocato che ti assista.
     
  11. NovellaC

    NovellaC Nuovo Iscritto

    IMG_1001.jpg IMG_1002.jpg IMG_0879.jpg
    Carissime Arianna e Tamara,
    il geometra e tecnico già recuperati (step primo compiuto :) ) valutazione loro già fatta.

    Ho scritto all'amministratore chiedendo se è possibile far rientrare la mia casistica (infiltrazione nel mio balcone e nel soffitto inquilitto piano sotto al mio) nell'azione legale condominiale (alla quale però il CTU ha già emesso sentenza per far fare i lavori in parte all'impresa costruttrice ed in parte all'immobiliare appaltatrice). La richiesta è derivata dal fatto che l'infiltrazione proviene da un perdita della canalina di scolo dell'acqua piovana che discende dal testo ed entra in primis nel mio balcon proseguendo nelle due abitazioni a me stottostanti. Sto cercando di carire le foto per mostrarvi tutto quanto ma sembra che la cosa non riesce.

    Oggi, dato che l'amministratore non mi risponde, avevo intenzione di non attendere oltremodo e scrivere all'immobiliare chiedendo che venga a fare un sopraluogo in presenza dei miei tecnici.

    Ma cooscendoli, credo che non faranno una piega e non si degneranno neppure di rispondermi.

    fatemi sapere se riuscite a vedere le immagini. sono tre foto jpg.

    grazie ancora 9
     
  12. tamara

    tamara Membro Attivo

    purtroppo le foto non si vedono. Comunque la questione è semplice: se la causa delle tue infiltrazioni (quelle del tuo appartamento e terrazzo) sono da addebitarsi a vizi di costruzione del tuo appartamento/terrazzo dovrai adire il tribunale per un ATP da sola, purtroppo. Dalle relazioni che hanno fatto i tecnici da te interpellati dovrebbe emergere qual'è la causa. Le relazioni dei tuoi tecnici di parte le dovrai allegare al ricorso per ATP (il tuo avvocato comunque ti suggerirà la cosa migliore da fare). Prima ancora dell'atp lo stesso avvocato sicuramente proverà ad inviare una lettera chiedendo la risoluzione del problema.
     
  13. NovellaC

    NovellaC Nuovo Iscritto

    vediamo se così si vedono.. mi sento un'interdetta...
    non capisco...
    ad ogni modo sta sera appena arrivo a casa scrivo direttamente dalla mia posta privata all'immobiliare e vediamo se rispondono se fanno qualcosa o che.. dopo di che vedrò come agire e nel caso interpellare un avvocato..

    ma cavoli pure le spese legali devo pagare... nuuuuu :triste:

    vediamo se così si vedono.. mi sento un'interdetta...
    non capisco...
    ad ogni modo sta sera appena arrivo a casa scrivo direttamente dalla mia posta privata all'immobiliare e vediamo se rispondono se fanno qualcosa o che.. dopo di che vedrò come agire e nel caso interpellare un avvocato..

    ma cavoli pure le spese legali devo pagare... nuuuuu :triste:

    Aggiunto dopo 4 minuti :

    3.jpg 1.jpg 2.jpg

    ora si vedono?
     

    Files Allegati:

  14. salvo cervino

    salvo cervino Nuovo Iscritto

    Tu fai parte del condominio e se il condominio ha intrapreso un'azione legale avrà deliberato e quindi tu dovresti essere a conoscenza.
    Il CTU non emette sentenze è un ausilio del giudice dal punto di vista tecnico, se c'é una sentenza é del giudice o non c'é, perchè se c'è una sentenza del giudice per vizi di costruzione o di esecuzione o incuria o di diversa natura è tutto più semplice, ti risparmi un'azione cognitiva che è propedeutica per impiantare una causa che poi non è detto che si faccia ma si può portare in conciliazione, e mi pare che in questo stesso sito c'è un forum a tal proposito.

    Aggiunto dopo 31 minuti :

    Senza soldi non si canta messa, dicono qua dalle mie parti ma mi sembra che così è da qualsiasi parte,
     
  15. NovellaC

    NovellaC Nuovo Iscritto

    Allora
    per la prima parte evidentemente non avrai letto la parte precedente della discussione (richiesta di pareri) e quindi non mi dilungo oltre perchè già ampiamente descritto sopra
    per la seconda tua risposta chiedo venia se non son stata precisa quanto un avvocato, non lo sono. ma il concetto è che il ct ha depositato la sua perizia (relativa alle parti comuni) e IL GIUDICE ha dato suo parere come sopra già descritto
    INFINE per la terza simpaticissima risposta mi ricollego alla prima. Ovvero credo tu non abbia letto precedentemente. So benissimo e sottolineo benissimo anche io che senza soldi non fai nulla. Grazie era proprio il parere che mi serviva sai...
    ma qui ribadisco quanto già scritto primo. DATO CHE a mio dire il danno che sto subendo è 1 dovuto a errore progettuale 2 pessimi lavori di esecuzione 3 inerente a parte comune ... ecco che mi sorgeva spontanea la domanda se non fosse quindi possibile far rientrare la mia parte enlla causa condominiale.

    ti ho trovato scortese e maleducato, quando io stavo solo cercando dei pareri e non essere giudicata, da una persona tanto saccente.

    Scusami se ti davano tanto fastidio le mie richieste... potevi evitarti tali sgradevoli appunti per nulla utili tra l'altro.

    ma grazie lo stesso
     
  16. salvo cervino

    salvo cervino Nuovo Iscritto

    Ma dai era una battuta per sdrammatizzare ma lungi da me volerti offendere, magari mi dirai che era una battutaccia e te ne do atto. Vediamo se riesco a farmi perdonare: vedi se riesci a procurarti quanto ha scritto il CTU e se poi c'è un disposto del giudice. Tieni conto che quanto ti ho detto sulla conciliazione é una buona strada perchè i tempi sono velocissimi, le spese poche e se riesci a procurare quei documenti ed è come penso io non ti faranno andare neanche in conciliazione. Sono un po rompi lo so e me lo riconosco ma tutto sommato sono sempre disponibile nei confronti di tutti. Un caro saluto
    Salvo
     
  17. NovellaC

    NovellaC Nuovo Iscritto

    GRAZIEEE... certo che accetto il tuo modo di farti perdonare :) anzi... è che son così giù per questa cosa e sto affrontando tutto da sola dall'acquisto al mutuo alla gestione e ai problemi... insomma sono demoralizzata.
    allora tornando alla problematica... ecco ho tutto perchè fin da subito ho rotto per avere tutto per iscritto. Sicchè mi son fatta mandare la perizia anche del ctp e del ctu tutto quanto per mail e tutto depositato in tribunale
    pare che si siano già pronunciati e a seguito di ciò è stata indetta assemblea staordinaria il 14/7. a fronte di ciò è stato detto che si sarebbero dovuti incontrare (l'amministratore che è anche avv. e immobiliare e costrutt.) per trovare una soluzione transattiva. Ciò non è successo.
    Il giudice ha specificatamente dato delle indicazioni in merito ai lavori e ha specificatamente richiesto che si potesse trovare una soluzione transattiva fra le parti.
    E va bene per le parti comuni ma non per il mio terrazzo di 20 mq che totalmente un pasticcio di infiltrazioni. Ho già fatto fare una perizia dal mio geometra e se solo riuscissi a caricare le foto capiresti il danno e la mia demoralizzazione...
    ci riprovo dal mac di casa a caricarli.. vediamo se riesco... 001.jpg 002.jpg Immagine 017.jpg

    Aggiunto dopo 1 :

    GRAZIEEE... certo che accetto il tuo modo di farti perdonare :) anzi... è che son così giù per questa cosa e sto affrontando tutto da sola dall'acquisto al mutuo alla gestione e ai problemi... insomma sono demoralizzata.
    allora tornando alla problematica... ecco ho tutto perchè fin da subito ho rotto per avere tutto per iscritto. Sicchè mi son fatta mandare la perizia anche del ctp e del ctu tutto quanto per mail e tutto depositato in tribunale
    pare che si siano già pronunciati e a seguito di ciò è stata indetta assemblea staordinaria il 14/7. a fronte di ciò è stato detto che si sarebbero dovuti incontrare (l'amministratore che è anche avv. e immobiliare e costrutt.) per trovare una soluzione transattiva. Ciò non è successo.
    Il giudice ha specificatamente dato delle indicazioni in merito ai lavori e ha specificatamente richiesto che si potesse trovare una soluzione transattiva fra le parti.
    E va bene per le parti comuni ma non per il mio terrazzo di 20 mq che totalmente un pasticcio di infiltrazioni. Ho già fatto fare una perizia dal mio geometra e se solo riuscissi a caricare le foto capiresti il danno e la mia demoralizzazione...
    ci riprovo dal mac di casa a caricarli.. vediamo se riesco... 001.jpg 002.jpg Immagine 017.jpg

    Aggiunto dopo 31 minuti :

    IMG_1002.jpg
     
  18. Il medico della casa

    Il medico della casa Membro Attivo

    Ciao NovellaC, capisco il tuo stato d'animo ma ti invito ad un attimo di calma. In questo caso mi sembra di capire che tu sia la parte lesa e che la causa dei danni lamentati sia da attribuire a totale responsabilità del costruttore. La prima cosa da fare in assoluto è far fare una perizia di parte da un Tecnico abilitato (CTP), con questa perizia dovrai scrivere o far scrivere al costruttore indicando i danni lamentati e le tue richieste in merito, segnalando inoltre che nulla ricevendo entro tot giorni sarai costretta ad adire a vie giudiziarie. Normalmente ci si ferma qui, se proprio il costruttore non ne vuole sentire dovrai rivolgerti ad un Legale. Io su questi argomenti ho una certa esperienza e ti posso assicurare che molto molto spesso nè il costruttore, nè il CTP, e nè il CTU sanno cosa fare. Il Giudice, dovendo valutare documenti inattendibili, si trova spesso ad emettere una sentenza conseguente. Molto spesso sono stato chiamato come consulente dal proprietario contro il costruttore, che poi mi ha ringraziato dicendomi: "prima che arrivasse lei non sapevamo proprio cosa fare".
    Quindi primo passo: perizia con descrizione danni, secondo: inoltro al costruttore con diffida, terzo (improbabile): Avvocato.
    Ora è più semplice no?
    Ciao
     
    A NovellaC piace questo elemento.
  19. NovellaC

    NovellaC Nuovo Iscritto

    eh siii.
    i danni sono tutti di progettazione e costruzioni... in tutto e per tutto...

    diciamo che si così è decisamente più chiaro.. e avevo già intenzione di agire in tal senso.

    il fatto è che l'immobiliare a cui io scriverò ha avviato a sua volta causa legale all'impresa costruttrice alla quale avevano dato appalto.

    io però ho loro come riferimento son loro che devono rispondere a me.. perchè a loro io ho pagato il mio appartamento.

    Le infiltrazioni, il sollevamento delle piastrelle e tutto il resto di certo non l'ho causato io...

    Mi auguro che vogliano prendere atto di quanto andrò a richiedere ovvero che sistemino una volta per tutte il terrazzo che ad oggi non è utilizzabile (anche con 40 gradi è sempre e costantemente bagnato e sui bordi si continua a creare muffe e il rame sembra marcire).

    Ti ringrazio vivamente appena scriverò all'immobiliare... ti e vi aggiornerò in merito...

    grazie di cuore...
     
  20. Il medico della casa

    Il medico della casa Membro Attivo

    FONDAMENTALE:
    Nel documento (perizia) che farai produrre per l'inoltro alla controparte, fai evidenziare in maniera netta, ripetendolo più volte che:
    - i danni lamentati sono a carattere evolutivo progressivo, cioè peggiorano continuamente e causano ulteriori peggioramenti, quindi che la valutazione dei danni si riferisce alla data del documento, "fatta salva la facoltà dalla scrivente di richiedere ulteriori danni conseguenti a Vostri ritardi ed omissioni".
    - esiste la possibilità di pericolo per la pubblica incolumità, caduta di calcinacci, scivolamenti, distacchi ecc.
    "nulla ricevendo in merito entro tot saremo costretti nostro malgrado ad inviare copia della presente alla preposta Autorità Ispettiva al fine dell'accertamento delle responsabilità"
    - poi mandagli anche "ci riserviamo inoltre la facoltà di far valutare la corretta corrispondenza fra i materiali e le prestazioni oggetto di contratto e quelle consegnate, segnalandovi fin da ora che eventuali difformità sostanziali verranno opportunamente valutate dallo Studio Legale che ci difende e ci assiste, nelle opportune sedi Civili e Penali.
    Secondo me ti rispondono, no?
    Ciao, se hai bisogno dimmelo pure io queste cose le faccio mattina e sera.
     
    A NovellaC piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina