• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

streiolo22

Nuovo Iscritto
Conduttore
Buongiorno

Volevo chiedere un informazione,vivo in un appartamento con un contratto 3+2 con cedolare secca,a fine mese mi scade il contratto di locazione,il mio padrone di casa ha intenzione di rinnovare il contratto di locazione ma con un aumento mensile di 40€,volevo chiedere se a livello contrattuale è possibile oppure no?

Grazie
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Alla prima scadenza del contratto (al terzo anno), ove le parti non concordino sul rinnovo del medesimo, il contratto è prorogato di diritto per due anni (fatta salva la facoltà di disdetta da parte del locatore che intenda adibire l'immobile agli usi o effettuare sullo stesso le opere di cui all'art. 3 della legge n. 431/1998, ovvero vendere l'immobile alle condizioni e con le modalità di cui al medesimo art. 3).
 

streiolo22

Nuovo Iscritto
Conduttore
Grazie per la risposta,quindi il mio proprietario può aumentare il canone senza nessun preavviso dato che mi scade a fine mese e soltanto una settimana fa ho saputo dell'aumento?
Grazie
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
il mio proprietario può aumentare il canone senza nessun preavviso dato che mi scade a fine mese e soltanto una settimana fa ho saputo dell'aumento?
Se il contratto è alla prima scadenza (triennale), e il locatore non ti aveva comunicato, con preavviso di almeno sei mesi rispetto alla scadenza dei tre anni, che intende avvalersi della facoltà di diniego del rinnovo del contratto, il contratto è prorogato di diritto per due anni, alle medesime condizioni. Nessun aumento di canone è dovuto, senza il tuo consenso.
 

streiolo22

Nuovo Iscritto
Conduttore
Io sono 5 anni che sono affittuario,il contratto è un 3+2,questo è il primo rinnovo (5 anni)scusa se ti faccio queste domande ma non sono molto pratico
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
il contratto è un 3+2,questo è il primo rinnovo (5 anni)
No, non è il primo rinnovo, ma è (sarà) il secondo!
In ogni caso, alla scadenza del periodo di proroga biennale ciascuna delle parti ha diritto di attivare la procedura per il rinnovo a nuove condizioni o per la rinuncia al rinnovo del contratto comunicando la propria intenzione con lettera raccomandata da inviare all'altra parte almeno sei mesi prima della scadenza. In mancanza della comunicazione il contratto è rinnovato tacitamente alle medesime condizioni.
Puoi stare tranquillo per altri tre anni, pagando il medesimo canone.
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

streiolo22

Nuovo Iscritto
Conduttore
Quindi dato che non mi ha inviato nessuna raccomandata io posso contestare questa cosa giusto?eventualmente se mi avesse inviato una raccomandata 6 mesi fa poteva aumentare il canone giusto?
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
se mi avesse inviato una raccomandata 6 mesi fa poteva aumentare il canone giusto?
Se il proprietario ti avesse inviato la raccomandata 6 mesi prima della scadenza del quinto anno, avrebbe potuto comunicarti la sua intenzione di non rinnovare il contratto.
Se così fosse stato, il contratto sarebbe risolto (cioè finito) a fine ottobre.
Quindi dal 1° novembre avreste potuto stipulare un nuovo contratto di locazione.

Ma quando si stipula un contratto concordato (il 3 + 2 di cui stiamo parlando) il canone di locazione non si può stabilire liberamente tra le parti.
Deve essere calcolato in base ai parametri contenuti nell'Accordo Territoriale del Comune dove si trova l'immobile.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve, mio marito ed io siamo in separazione dei beni e risediamo nella casa di proprietà di mio marito. Abbiamo deciso di trasferirci in un'altra abitazione(situata nello stesso comune) per la quale io sola ho richiesto il mutuo, facendo mio marito da garante, e che verrà intestata a me. Quesito: ai fini fiscali, spostando la residenza di entrambi nella nuova casa in acquisto, la casa di mio marito come risulterà?
Ciao amici, pongo questo quesito:.
Siccome n° 5 condomini su un totale di 8, sono favorevoli che rappresentano 625 millesimi della scala, alla sostituzione del portoncino d'ingresso scala, quindi basta questa maggioranza o il consenso deve essere unanime? Spero di avere risposte a questo quesito al più presto.
Ciao Sammarco M.
Alto