• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Pizzi

Membro Ordinario
#1
Buon giorno ho bisogno dell’aiuto di questa comunità per risolvere un problema:

Appartamento da affittare, inquilino trovato, contratto d’affitto già scritto con partenza dal 1 dicembre.


L’inquilino è straniero residente in Italia da 9 anni con regolare permesso di soggiorno, attualmente residente in un’altra città.


Per attivare le utenze (acqua, luce, gas) deve avere la residenza.

Per avere la residenza deve recarsi in Comune, essendo straniero mi riferisce che non può recarsi direttamente, ma gli è stato detto che deve prendere appuntamento tramite il sindacato e recarsi in Comune accompagnato dal sindacalista.


Al sindacato hanno bisogno di due settimane per prendere l’appuntamento ma si muovono solo se al momento della richiesta viene presentato il contratto firmato e registrato.


Quindi l’inquilino mi ha detto che non potrà entrare nell’appartamento prima del 20 dicembre non essendoci le utenze.


Dovendo quindi continuare a vivere nella sua casa attuale, pagando l’affitto chiede di cominciare a pagare l’affitto dall’effettivo giorno d’ingresso.


La mia domanda è la seguente : se io registro un contratto d’affitto dove c’è scritto che inizia il 1 di dicembre e l’inquilino comincia a pagarmi diciamo per comodità dal 1 di gennaio, posso in qualche modo dimostrare che a dicembre non ho incassato nulla o lo Stato mi tassa per quel mese non ricevuto?

Quali soluzioni ci possono essere?

Grazie per qualsiasi suggerimento.
 

uva

Membro Senior
#3
Quali soluzioni ci possono essere?
La soluzione consiste nello stipulare un contratto di locazione con decorrenza posticipata.

La data di stipula è quella in cui le parti sottoscrivono il contratto (ad esempio 1° dicembre 2018). Entro 30 giorni da questa data devi registrarlo all'Agenzia delle Entrate.
Siccome il sindacato chiede che l'inquilino presenti il contratto già registrato, provvedi velocemente nei primi giorni di dicembre. Se hai le credenziali di accesso e registri con Fisconline la ricevuta telematica ti arriva il giorno stesso.

Nel contratto scrivi che la decorrenza sarà dal 1° gennaio 2019, quindi non verrai tassato per la mensilità di dicembre non percepita.

Così già ad inizio dicembre l'inquilino può presentare un regolare contratto di locazione all'Anagrafe (per la residenza) e ai Fornitori di acqua-luce-gas.

Situazioni analoghe alla tua non sono poi così rare, ne abbiamo già parlato su questo Forum, ad esempio qui:
Periodo tra la stipula e la decorrenza di un contratto di locazione
 

Pizzi

Membro Ordinario
#4
La soluzione consiste nello stipulare un contratto di locazione con decorrenza posticipata.

La data di stipula è quella in cui le parti sottoscrivono il contratto (ad esempio 1° dicembre 2018). Entro 30 giorni da questa data devi registrarlo all'Agenzia delle Entrate.
Siccome il sindacato chiede che l'inquilino presenti il contratto già registrato, provvedi velocemente nei primi giorni di dicembre. Se hai le credenziali di accesso e registri con Fisconline la ricevuta telematica ti arriva il giorno stesso.

Nel contratto scrivi che la decorrenza sarà dal 1° gennaio 2019, quindi non verrai tassato per la mensilità di dicembre non percepita.

Così già ad inizio dicembre l'inquilino può presentare un regolare contratto di locazione all'Anagrafe (per la residenza) e ai Fornitori di acqua-luce-gas.

Situazioni analoghe alla tua non sono poi così rare, ne abbiamo già parlato su questo Forum, ad esempio qui:
Periodo tra la stipula e la decorrenza di un contratto di locazione
Grazie mille, risposta chiarissima. Mi scuso se ho riproposto un tema giá trattato ma non riuscivo a capire come adattare quella risposta al mio caso.
 
Piaciuto: uva

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve,dal 20 settembre 2017 sono venuto ad abitare con una famiglia a cui ho prestato la mia opera di badante per un loro cugino gravemente ammalato, che è deceduto dopo un mese,la famiglia di sua spontanea volontà mi fece la proposta di rimanere a vivere con loro fin quando non avrei trovato un'altra lavoro ma non mi avrebbero pagato per dare una mano in casa,mi dovevo accontentare di vitto e alloggio
moralista ha scritto sul profilo di luciano155.
ma non c'è neanche il profilo di luciano155
tanti auguri a tutti buone feste e tante belle cose lella
anche x marinarita grazie della comprensione ...comunque c'e' legge nuova x tutelare proprietari case ….noi alla fine da 1 giugno 2013 a 7 luglio 2017 mai pagato affitto 4 anni piu' spese tribunale avvocati tasse ...ecc. se pagava onestamente l'affitto tutti i mesi non sarebbe in questa situazione le lasciano meta' stipendio….tanti anni ...non so se ne valeva la pena non pagare l'affitto ….giustizia e' fatta
x uva ---finalmente finita con sentenza tribunale milano dato che la nostra inquilina aveva fatto 2 finanziarie …???? il 29 novmbre tribunale milano ci ha messo primi creditori sul quinto dello stipendio ...tutto specificato debiti avvocato 4 anni affitto mai pagato ….la tipa si e' presentata urlando ...la giudice ci ha inserito primi creditori prenderemo tutto da subito con quinto dello stipendo .finita bene kiss
Alto