1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. nanahachiko

    nanahachiko Nuovo Iscritto

    Salve a tutti, mi sono appena iscritta nel forum e avrei bisogno di un vostro parare, perché purtroppo, come molti di voi, ho a che fare con inquilini morosi. Vi spiego il più brevemente possibile.
    Mio padre il primo ottobre 2011 ha stipulato un contratto di locazione d'affitto tramite l'agenzia immobiliare fino alla fine di maggio 2012.
    L'inquilino dall'inizio di gennaio ha smesso di pagare sia le utenze che l'affitto, praticamente quasi da subito. Mio padre non ha fatto le volture, perché l'affitto era solo di qualche mese, ma siamo stati costretti a cessare sia la fornitura di luce che gas per morosità. Ci siamo accorti che l'inquilino ha fatto un altro contratto della luce senza chiedere il permesso e da quanto mi sono informata, per fare un altro contratto dopo la cessazione, il nuovo cliente ha bisogno anche del codice cliente del vecchio intestatario. Quindi mi domando e dico come abbia fatto a dare il codice cliente di mio padre della bolletta se non glielo ha mai detto? Il nostro piano era quello di farlo sgombrare al più presto dopo la cessazione dell'utenze, ma purtroppo resiste ancora nell'immobile anche dopo che ha ricevuto la raccomandata dal nostro avvocato.
    Anzi è arrivato addirittura a minacciare e a dire all'avvocato che non ha soldi e non sa dove andare (sono tutte scuse per me, a questo punto è chiaro come il sole che è un maledetto approfittatore..)..E' la prima volta che abbiamo a che fare con gente simile, in passato non avevamo mai avuto problemi d'affitto..Ormai siamo arrivati alla conclusione di disdire anche l'acqua sperando a questo punto che se ne vada prima di procedere per lo sfratto..L'acqua può riallacciarla per conto suo come la luce?
     
  2. Prima di tutto bisogna sapere che tipo di contratto hai fatto e se lo hai registrato!
     
  3. ccc1956

    ccc1956 Nuovo Iscritto

    da quel che so io se ha in mano un contratto di affitto, lo puo' fare.
    il contatore e' di proprieta' del proprietario ma le bollette vengono intestate al locatario.
    io ho dei negozi con i vari contatori regolarmente pagati da me per l'installazione ma i locatori sono andati
    all'enel e hanno fatto il contratto enel a nome loro.
    idem l'acqua.
    ma hanno un contratto di affitto regolarmente registrato a loro nome.
     
  4. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Purtroppo per te, se l'inquilino ha un regolare contratto d'affitto, e luce e gas sono state staccate, può richiedere delle nuove utenze per le forniture intestandole a suo nome, le aziende di fornitura di luce e gas chiedono il contratto di locazione senza alcun bisogno di assenso da parte del proprietario, quando si fa subentro bastano i dati del nuovo intestatario. Piccolo contentino, almeno il consumo futuro (sino a quando non riuscirai a "cacciarlo") di luce e gas nel caso in cui non pagasse, le aziende andrebbero a cercare lui.
    E reintesterai a nome tuo o del nuovo inquilino le utenze.
    Saluti
    JERRY48
     
  5. nanahachiko

    nanahachiko Nuovo Iscritto

    Non so esattamente che tipo di contratto abbia stipulato mio padre, penso sia di tipo transitorio perché era meno di un anno.
    Comunque vi ringrazio delle vostre risposte. Sì almeno abbiamo la consolazione che sulle utenze non ci rimetteremo dell'altro, meno male i miei sono stati solerti e non hanno aspettato chissà quanti mesi a fare la cessazione..
    L'avvocato ci ha proposto di fare un accordo con l'inquilino in modo da farlo sgombrare senza ricorrere allo sfratto dato che ci verrà a costare molto di più (oltre ai tempi piuttostto lunghi), speriamo "abbocchi" anche se dovremmo dargli tanti calci dove li sente meglio, ma purtroppo non si può fare ^_^'' Cerchiamo di dimostrarci persone migliori di questi maledetti truffatori, tanto poi alla fine loro non ne usciranno perdenti, non hanno nulla da perdere..penso ormai che 'sta gente sia abituata a passare da uno sfratto all'altro e se ne sbattono altamente..Alcuni amici e parenti ci hanno consigliato di fare la posta e buttare tutto fuori quando non ci sono, ma non è rischioso a procedere così?
     
  6. Si, hai ragione, hanno sempre ragione loro , però, mi raccomando, non seguire il consiglio dei tuoi amici, passeresti subito dalla parte del torto e commetteresti anche fatti gravi (violazione di domicilio e altro)!
     
  7. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Assiduo

    Professionista
    Bel consiglio ti hanno dato.:disappunto: chissà perchè ti viene il dubbio che è rischioso fare così. :risata:
    Il tuo avvocato forse ti ha spiegato che esiste il diritto e il Far West è passato da qualche anno ?
     
  8. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Il numero utente lo da il contatore dell'enel non c'è bisogno che lo comunichi tu.
     
  9. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Sicuramente farci giustizia da soli non ci farebbe onore (anche se vorremmo farlo) in fondo il diritto romano è nato qui ma i nostri legislatori e la nostra magistratura quanto ad "equità" (parola molto in voga oggi) riguardo i rapporti locativi evidentemente non la pensano così. Per loro le leggi per alcuni si applicano, per altri si interpretano.
     
    A ccc1956 piace questo elemento.
  10. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Il tuo avvocato ha ragione e ti ha consigliata con il buonsenso.
    Meglio una risoluzione consensuale e incentivata piuttosto che un contenzioso che può durare anni.
    Soprattutto se non hai copia del contratto che ha stipulato tuo padre. Infatti potrebbe essere stato ad uso transitorio ma "irregolare", ovvero senza i requisiti previsti dalla legge, e quindi automaticamente riconducibile "ex lege" ad un normale contratto 4 + 4 ad uso abitativo.
    Le aziende fornitrici di energia elettrica e gas stipulano il contratto con chiunque, con l'ENEL addirittura si può attivare la fornitura via Internet o telefono e poi loro mandano a casa il contratto che devi restituire compilato.
    Per l'acqua invece non è così.
    Il contratto di fornitura d'acqua viene sempre stipulato con il proprietario. Il problema è che se l'inquilino ha un contratto di locazione in mano tu non puoi togliergli un bene essenziale come l'acqua disdicendo la fornitura e facendo sigillare il contatore. Passeresti dalla parte del torto.
    Ragione in più per concordare il rilascio in via stragiudiziale.
     
  11. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Salve Mapeit, evidentemente non la pensano così tutte le aziende idriche. Qui a Velletri la società è ACEA ATO2 e il titolare della fornitura deve essere, fortunatamente, chi occupa l'immobile altrimenti il proprietario pagherebbe come utenza domestica non residente a meno che non si tratti di locazioni stagionali.
     
  12. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ogni ente ha le sue regole, nulla da meravigliarsi.
     
  13. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Anche da noi è così
    ABANOA (traduzione: acqua nuova, ma quanti cartoni d'acqua comprati al supermercato:soldi:) fa il contratto non con il proprietario, bensì con l'inquilino occupante l'immobile.
     
  14. nanahachiko

    nanahachiko Nuovo Iscritto

    Capisco, comunque questo inquilino risulta residente nello stesso comune in un'altra via. Mi sono informata con la società idrica della mia zona e hanno detto che si può fare la disdetta del contatore.
    Sì, penso che il contratto di locazione sia come hai detto tu, ad uso transitorio, ma "irregolare". Mio padre ha detto che lui non ha la copia del contratto d'affitto..ormai aspetteremo la fine del mese per vedere se collaborerà con l'avvocato con la "buona uscita", speriamo di solito vada a buon fine ^_^''
     
  15. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Te lo auguro, il rischio è tenerselo per otto anni a canone bassissimo.
     
  16. nanahachiko

    nanahachiko Nuovo Iscritto

    Nel caso non collaborasse con l'avvocato, quali sono in media i tempi dello sfratto, almeno un anno di solito?
    Oppure possono prolungarsi se la controparte non si presentasse in Tribunale con l'avvocato? Anche se i miei arriveranno a staccare il contatore dell'acqua, sinceramente non so se ce la farà a sussistere nell'immobile per altri mesi, in fondo l'acqua è un bene essenziale e non dovrebbe andare tanto avanti..già con la luce se ne era andato qualche giorno quando si staccò, ma non immaginavamo che potesse fare un altro contratto per conto suo..
     
  17. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    I tempi per fare lo sfratto per morosità sono lunghi ma, se hai un bravo avvocato, anche in meno di un anno dovrebbe riuscirci.
    Il problema è recuperare le somme dovute se l'inquilino non ha nulla alla luce del sole.
    Per l'acqua non è detto che lui non riesca a riallacciarla anche se gliela stacchi. Questi enti fanno un po' quello che vogliono.
     
  18. nanahachiko

    nanahachiko Nuovo Iscritto

    Infatti, sicuramente mio padre difficilmente recupererà le somme non versate, si sa alla fine a rimetterci è il proprietario che ha subito il danno, non colui che lo ha causato. Ma almeno abbiamo avuto la soddifazione di cessare le utenze e se vorrà riallacciarle dovrà pagarsele a spese sue..comunque mi sembra difficile che possa riallacciare l'acqua, mio padre farà esplicita richiesta al momento dello stacco del contatore che non debbano esserci altri allacciamenti non autorizzati. Con la luce ci hanno detto che dovevamo proprio portare via il contatore, ma lo avevamo in casa e non si poteva fare..Se insisterà a stare nel nostro immobile abusivamente (il contratto scade a fine mese, ma è da 5 mesi che non paga), non gli concederemo il lusso di starci con tutti i comodi a nostre spese..
     
  19. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Attenzione però !
    Per qualche giurista esperto staccare le utenze all'inquilino di propria iniziativa configura il reato penale previsto all'art. 392 c.p. "esercizio arbitrario delle proprie ragioni", soprattutto se attuato prima di aver dato il via formalmente alla procedura di sfratto.
    Infatti, dal punto di vista oggettivo, "il soggetto agente diviene reo per il fatto di aver sottratto alla competenza del giudice la valutazione del caso specifico distraendo su di sé il potere in questione ed esercitandolo in modo antigiuridico" (Cass., 14 luglio 1994, Massimino, C.E.D., Cass., n. 199373).
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina