1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. asialuna

    asialuna Nuovo Iscritto

    Abbiamo un inqulino moroso. le utenze, oltre al riscaldamento sono a noi intestate, e pertanto le paghiamo noi, facendocele rimborsare dall'inquilino.
    Sono 6 mesi che non rimborsa quanto dovuto. Sarebbe legittimo staccare il riscaldamento e lasciare le utenze impagate, affinchè enel e gas vengano distaccati?
     
  2. ada1

    ada1 Nuovo Iscritto

    No, non puoi farlo fin quando il contratto di locazione è in corso di validità.
    Ma (a meno che un giurista non dia un avviso più dettagliato in merito) anche per il loro pagamenteo potrai agire per morosità per oneri accessori, penso , se il loro ammontare equivale a due mesi di canone.
     
  3. asialuna

    asialuna Nuovo Iscritto

    oltre al danno la beffa, quindi...
     
  4. ada1

    ada1 Nuovo Iscritto

    la beffa fino ad un certo punto poiché puoi farti rimborsare anche le spese per le utenze insieme ai canoni non versati.
    Certo è che il proprietario non è quasi mai in una situazione favorevole anche se lo sfratto per morosità è -se cosi' si puo' dire- la soluzione la più favorevole al proprietario perché, qualora lo sfratto fosse convalidato, l'inquilino sarà costretto nolente volente ad andarsene e ad andarsene abbastanza rapidamente rispetto allo sfratto per finita locazione.
     
    A melacor piace questo elemento.
  5. cichi

    cichi Membro Junior

    Non condivido: il locatario ha locato la casa, per cui se nel contratto non c'è scritto che sono incluse anche le utenze, credo sia legittimato a staccargli le utenze.
     
  6. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    quello che non capisco è perchè non si sia previsto che le utenze le pagasse direttamente l'inquilino ricevendo la sua bolletta. il problema non si sarebbe posto. comunque io non vedrei problemi se l'inquilino non paga perchè non ha soldi perchè dovrei averli io? cosa fa mi denuncia essendo moroso?
     
  7. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Una mensilità è sufficiente.

    No, perché poi rischi una causa da parte dell'inquilino e sarai sicuramente condannato al risarcimento dei danni. È una cosa molto ingenua da fare.
    Meglio chiedere la risoluzione del contratto per morosità.

    La cosa migliore è prevedere nel contratto la voltura delle utenze. Alla sottoscrizione del contratto, l'inquilino deve richiedere la voltura delle utenze e confermare la voltura sottoscrivendo i relativi contratti. A quel punto se non paga le utenze, non è più un problema del proprietario.
     
  8. ada1

    ada1 Nuovo Iscritto

    Grazie per la risposta tovrm, ma spiacente : per gli oneri accessori ci vogliono 2 mesi, è solo per il canone che un mese è sufficiente. Infatti :

    Legge 392/78 :
    "Art.5. (Inadempimento del conduttore). Salvo quanto previsto dall'articolo 55, il mancato pagamento del canone decorsi venti giorni dalla scadenza prevista, ovvero il mancato pagamento, nel termine previsto, degli oneri accessori quando l'importo non pagato superi quello di due mensilità del canone, costituisce motivo di risoluzione, ai sensi dell'articolo 1455 del codice civile.'

    Questo sicuramente perché il legislatore ha voluto riconoscere una maggiore valenza all'adempimento essenziale di un conduttore che è il pagamento del canone dovuto e non ha voluto mettere sullo stesso piano due inadempimenti ai quali riconosceva un grado di gravità diversa (ma questa è solo la mia interpretazione delle ragioni del legislatore per aver redatto quell'articolo 5)

    Domandavo un avviso più dettagliato non per quanto riguarda il periodo per poter agire per morosità ma per sapere con più certezza se -come lo credevo io e come le risposte sembrano confermare- il pagamento delle utenze fa anch'esso ben parte degli oneri accessori (ai quali si fanno generalmente risalire solo le spese condominiali di pertinenza del conduttore)




    No, in nessun caso : oltre che per la ragioni date da tovrm, al momento della locazione,il proprietario ha l'obbligo di consegnare al conduttore un immobile agibile anche per quanto riguarda le utenze che devono essere installate (non si vive più al lume di candela o senza acqua corrente o senza gas)

    Certamente la migliore soluzione è -come suggerito da Arianna e tovrm- di far mettere tutte le utenze a nome del conduttore
     
    A Marco Costa e Mannari Maria piace questo messaggio.
  9. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Touché :risata:

    Assolutamente sì
     
  10. melacor

    melacor Nuovo Iscritto

    Ci sono passato anche io.
    Ho risolto volturando le utenze all'inquilino moroso.
    Certo ho perso il diritto al rimborso, rimborso comunque quanto mai aleatorio vista la condizione di indigenza "ufficiale" dell'inquilino stesso.
    In bocca al lupo !
     
  11. asialuna

    asialuna Nuovo Iscritto

    hai ragione. farò anch'io lo stesso... quanto prima.
     
  12. antemecca

    antemecca Nuovo Iscritto

    buongiorno, ho una domanda.
    un inquilino non mi paga quanto dovuto per il suo consumo di acqua. il contratto di fornitura è intestato a me, anche se nel contratto, regolarmente registrato e rinnovato è ben specificato che le utenze, e si cita l'acqua sono a carico del conduttore, che deve provvedere alla stipula dei relativi contratti, facendosene carico.
    se chiedo il distacco dell'utenza comincerà almeno a pagare quanto dovuto. certo perderò l'arretrato. e dovrà sopportare le spese per il riallaccio, nonchè, credo per il contatore. c'è qualcuno che sa se posso farlo?
    preciso che non fare la voltura è una sua negligenza, e che già sono stati effettuati solleciti, verbali a che la situazione si risolva in positivo. grazie
     
  13. mmmm

    mmmm Nuovo Iscritto

    Lavoro in una società di gestione del servizio idrico integrato. Casi del genere ce ne sono molti in quanto tanti sono i proprietari che commettono l'errore di lasciare il contratto intestato a loro mentre deve essere intestato sempre all'utilizzatore del servizio. (per fiducia o perchè non c'è contratto).
    Molti casi si risolvono dopo che il propritario in qualità di intestatario del contratto ci presenta disdetta, noi quindi andiamo a sigillare il contatore avvertendo l'inquilino e dandogli tempo al massimo il giorno dopo per venire a fare il contratto. Vengono sempre. Certo è che quanto consumato fino a quel giorno lo pretendiamo dal proprietario in quanto titolare del contratto fino a quel giorno
     
  14. antemecca

    antemecca Nuovo Iscritto

    Grazie per la risposta. Al momento sta continuando a consumare acqua. La mia nuova domanda è: se faccio la disdetta al contratto di fornitura idrica, Acea Ato 2 in questa zona, e dal modello vedo che mi chiedono la lettura dei consumi, e la comunico insieme ai documenti richiesti, e se si prendono 10 giorni di tempo per intervenire sul contatore, tutto ciò che quello avrà intanto consumato dalla mia lettura, gli sarà addebitato?
    O viene messo sul mio conto, nonostante il ritardo della compagnia erogatrice nell'intervenire alla mia richiesta?
    A mio avviso dovrebbe essere ritenuta valida la mia lettura.

    Antonio
     
  15. mmmm

    mmmm Nuovo Iscritto

    Se tu presenti la disdetta la soc. di gestione non usa la lettura che indichi tu nel modulo ma quella che trovano al momento del sigillo del contatore. (questo quando chiudono il servizio e non subentra contestualmente l'inquilino e per la ns. carta dei servizi avviene entro 1g. lavorativo ). Altro caso invece è quando viene fatto un subentro contestuale allora usano la lettura che indichi nella tua disdetta che si presume presa di comune accordo con il subentrante. Il problema è la mancanza di volontà dell'inquilino a fare il contratto a suo nome, altrimenti ci sarebbe anche la possibilità di fare un subentro retroattivo con il quale la soc. di gestione ricalcola la fatturazione dalla data che viene indicata da entrambi e ciascuno paga il suo conto. Per come si è messa la situazione al fine di limitare il più possibile ulteriori costi, chiamerei la soc. Acea per capire in casi del genere come agiscono e procederei in ogni caso alla chiusura del servizio.
    Ti auguro di risolvere nel migliore dei modi ciao.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina