1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Pippo Latorre

    Pippo Latorre Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Il 17-06-2011 è stato sottoscritto un contratto di fitto concordato per un appartamento da utilizzare dal 1° luglio c.m.
    E' stato dato un assegno, posdatato al 1° Luglio data di effettivo inizio locazione, di due mensilità il cui importo a valere come caparra che dal 1° Luglio è diventato deposito cauzionale. Di detto importo ho accusato ricevuta con le specifiche di cui sopra.
    Dietro mia insistenza, 1l 27-6-2011 detto assegno, previa consegna di quello posdatato, mi è stato trasformato in un assegno libero che, oltre all'mporto del deposito cauzionale, comprendeva anche l'importo del fitto di Luglio. (in somma tre mensilità). Ho rilasciato ricevuta della mensilità di Luglio.
    Il 4-7-2011 porto l'assegno all'incasso e registro normalmente il contratto.
    L'assegno è risultato insolvibile per mancanza di fondi.
    Dopo lunghe vicissitudini, che sarebbe inutile e lungo da descrivere, fatte di bugie e rinvii, a tutt'oggi non sono riuscito ad avere un centesimo.
    L'ultima scusa: mi ha detto che ieri ha spedito l'assegno circolare con raccomandato a.r.
    Temo che anche questa sia una bufala.
    Che fare? qualcuno mi può consigliare? Ho la sensazione che voglia far passare questo mese. C'è qualche clausola che mi potrebbe penalizzare se non agissi nel primo mese? Domani sarebbe l'ultimo giorno utile del mese||!

    Grazie a tutti. Pippo
     
  2. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Dalla L. 392/78 :
    Art.5. (Inadempimento del conduttore). Salvo quanto previsto dall'articolo 55, il mancato pagamento del canone decorsi venti giorni dalla scadenza prevista, ovvero il mancato pagamento, nel termine previsto, degli oneri accessori quando l'importo non pagato superi quello di due mensilità del canone, costituisce motivo di risoluzione, ai sensi dell'articolo 1455 del codice civile.
    +
    Informazioni utili sugli assegni bancari :
    Saperne di più - PattiChiari
    +
    L’assegno postdatato: validità e regolarizzazione fiscale
    :daccordo:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina