• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

sverza

Membro Attivo
Proprietario Casa
Gentili esperti buongiorno,

scusate se questa può non essere la sezione corretta.
Condominio con amministratore, ultimo verbale di assemblea in cui sono stati pianificati e messi a budget alcuni lavori di manutenzione ordinaria ed è stato messo nero su bianco che qualsiasi lavoro/manutenzione su parti comuni non deve essere portato avanti dai condomini.
Nonstante tutto un condomino continua ad operare nelle parti comuni (esegue a modo suo i lavori approvati in assemblea).
I richiami che l'amministratore dice di aver eseguito non hanno alcun effetto ovvero il condomino continua le sue opere.
Rate approvate in assemblea (comprensive dei lavori discussi) versate secondo scadenzario
In una situazione come questa come ci si potrebbe comportare nei confronti di entrambi?

Grazie
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Nessuna retribuzione.
Eh, e se si fa male? Anche questo è argomento di discussione
Ogni proprietario ha diritto di intervenire sulle parti di cui è comproprietario...quindi anche le parti comuni condominiali.
Se prende l'iniziativa da solo (nessuna delibera di incarico e nessun pagamento) in caso di suo infortunio nessuno potrà accusare il Condominio.

Ovviamente non può intervenire per riparazioni per le quali serva "abilitazione".

Se proprio volete "bloccarlo" dovrete intimargli in modo perentorio la cosa...oppure potreste trovargli qualche incarico tranquillo che lo tenga occupato.
 

sverza

Membro Attivo
Proprietario Casa
Grazie per gli interventi.
Ho dovuto e devo descrivere la cosa un po' alla leggera senza entrare nei particolari (capisco che per interventi mirati dovrei entrare nel dettaglio ma... non vorrei espormi troppo)
Ma giusto per dare un'idea...

Ogni proprietario ha diritto di intervenire sulle parti di cui è comproprietario...quindi anche le parti comuni condominiali.
...
Ovviamente non può intervenire per riparazioni per le quali serva "abilitazione".
Anche sul tetto?

Anche parziale estirpazione di erbacce tra muretto di contenimento e viale condominiale con applicazione di cemento nelle "congiunzioni" tra muretto e vialetto, solo per metà vialetto (che forse il cemento potrebbe avere la sua utilità ma a livello di effetto visivo lascia molto a desiderare)?

Ce ne sarebbero altri del genere, lavorio visibili e lasciati a metà...

E, in una situazione come questa, che "poteri"/quanto peso potrebbe avere l'intervento dell'amministratore? Cioè, fino a dove potrebbe spingersi
Vorrei anche capire se abbiamo anche a che fare con amministratore negligente
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Le richieste non devono essere pubblicate nel box. Questo box può essere utilizzato per indicare una frase di accompagnamento ai messaggi.
buonasera..allo stato attuale abito con mia madre ..sono disoccuppata.
Quando mia madre sarà defunta questa casa dovrò dividerla con mio fratello.
Mio fratello percepisce una pensione di invalidità e ha un amministratore di sostegno.
Nel corso di questi anni mia madre ha accumulato debiti e quindi in caso di successione si ripercuoterà sugli eredi.
io posso decidere di pensarci se accettare l'eredità?quanto tempo?
Alto