1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. GIOVANNA TANSU

    GIOVANNA TANSU Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    devo integrare una successione per inserire un pezzo di "cortile", così' definito nel testamento,
    antistante il fabbricato-ora accatastato C3 -da me ereditato, come nipote, da uno zio e confinante
    con il " cortile "della casa di abitazione dell'altro erede il fratello del defunto .
    La successione era stata presentata, tre anni fa, da questo zio, fratello del defunto, in virtu' di una procura generale da me mai vista e anche della fiducia da me accordata.
    questo zio ha provveduto inoltre al frazionamento di questi "cortili" che avevano mappali diversi e di cui
    abbiamo lo storico.
    Ora volendo procedere all'integrazione della successione per la parte che mi riguarda, l'Agenzia delle Entrate
    mi rifiuta la richiesta .Dicono che devo annullare il frazionamento perchè la procedura è fatta al contrario!!!
    Ma è possibile? Mio zio , finchè , non l'ho scoperto , non mi aveva informato della scelta di fare la successione
    senza questi "cortili". Non so come procedere
    grazie
     
  2. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    La dichiarazione di successione deve essere presentata da un erede per la quale non occorre alcuna procura. Ad essa devono essere indicati gli immobili di proprietà del de cuius o le quote di immobili ben definiti. Laddove la proprietà nella sia conformazione non fosse definita, occorre precedentemente regolarizzare l'individuazione dell'immobile nel catasto, eventualmente, con frazionamento, tipo mappale ed accatastamento. Se la dichiarazione è stata presentata in modo irregolare si deve intervenire per regolarizzare la situazione catastale e procedere alla dichiarazione di successione in rettifica. Ricordati che l'immobile deve essere regolare anche dal lato urbanistico.
     
  3. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    L'accatastamento è stato presentato dopo la successione testata?
     
  4. GIOVANNA TANSU

    GIOVANNA TANSU Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Grazie per la risposta
    Si l'accatastamento è stato fatto dopo la successione testata nella quale l'erede che l'ha
    presentata non aveva indicato , per sua scelta, questa porzione di terreno che andava, ed è stata, frazionata x 3 da poco tempo. Per avere la proprietà delle due quote del frazionamento che ci riguardano, io e mio fratello, che è BRUNO, volevamo o integrare la successione o presentare una dichiarazione di parte all'agenzia dell'entrate che però si rifiuta di procedere perchè ci impone di annullare il frazionamento (?) per "il fatto che la procedura è stata fatta al rovescio".
    Secondo lei Il rogito notarile sarebbe la via? O l'Agenzia delle Entrate non ci sta indicando la giusta via da seguire? Grazie
     
  5. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    La successione presentata all'agenzia delle entrate è quella testata o no?
     
  6. GIOVANNA TANSU

    GIOVANNA TANSU Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Si, ma nella successione testata non era stata inserito questo terreno ,
     
  7. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Se le tre porzioni erano indicate nel testamento dovete semplicemente integrare la successione indicando i destinatari e gli immobili secondo quanto in esso disposto. Mentre se la divisione è un accordo fra voi eredi dovete stipulare l'atto relativo dopo avere integrato la successione.
     
  8. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Dimenticavo di dire che il frazionamento non può essere annullato. Tuttalpiù potreste richiedere la fusione, che comporterà l'assegnazione di un nuovo numero. Non vedo la necessità di annullarlo visto che l'immobile, sia che sia contraddistinto da un numero di mappa o da tre, nel complesso, ha la stessa consistenza e valore da dichiarare nella successione.
     
  9. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Bruno e Giovanna, ma non potevate mettervi d'accordo per fare un solo intervento?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina