1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    La scrittura privata non è sufficiente a garantire il fiduciante ; in tale negozio fiduciario il diritto a riottenere l'immobile è soggetto a prescrizione decennale. La sentenza sotto commentata riferisce di una signora (fiduciante) che acquistò una casa e la intestò ad una amica intima (fiduciaria ) facendole contestualmente firmare una scrittura privata in cui detta amica riconosceva di non essere la vera proprietaria, ed impegnandosi a cedere a terzi o restituire l'appartamento su semplice richiesta della reale proprietaria ( la signora fiduciante). Quest’ ultima, trascorsi più di dieci anni, avanzò le sue pretese ma la fiduciaria negò l’adempimento , motivando tale diniego con l’intervenuta prescrizione che rendeva i diritti della scrittura privata non più esigibili da parte della fiduciante.

    Trascorsi dieci anni senza che la fiduciante richieda la restituzione, oppure il pagamento dell'affitto né tantomeno proceda alla messa in mora, perde ogni potere sulla cosa. Come conseguenza la fiduciaria (che nel caso in specie nel frattempo aveva occupato l'appartamento senza pagare mai un euro) potrà rifiutarsi di adempiere all’impegno assunto e trattenere per sé l’immobile .

    È quanto emerge dalla sentenza 3648/11, emessa dalla decima sezione civile del Tribunale di Roma. A parere dei Giudici Capitolini la contro dichiarazione firmata dalla sola fiduciaria, è un atto unilaterale e non un contratto fra due soggetti tal che, trascorsi più di 10 anni ed intervenuta la prescrizione , và data ragione alla fiduciaria che ha trattenuto l’immobile per sé reclamando la validità della compravendita e l’inefficacia della scrittura privata.

    La vicenda, spiegano i giudici, si inquadra nella fattispecie del negozio fiduciario che si realizza attraverso il collegamento di due negozi ben distinti: il primo ,esterno, che ha efficacia verso i terzi (vale a dire la compravendita dell’ immobile e la sua trascrizione in Conservatoria ); il secondo "interno" diretto a modificare l'esito del primo attraverso una scrittura privata che impone al fiduciario di ritrasferire il bene al fiduciante (o a un terzo da questi designato). Secondo i Giudici , nel caso, l'azione di simulazione data dal secondo atto (autonomo rispetto al primo) è ormai prescritta essendo trascorsi pu’ di dieci anni senza che nel frattempo sia stato proposto alcun atto interruttivo.

    Dunque nel caso esaminato, risultato vano il tentativo di chiedere la condanna dell'ex amica all'esecuzione specifica di concludere il contratto (che come visto tale non è ) e al versamento dei canoni di locazione mai pagati, la fiduciante dovrà rassegnarsi a perdere tutto . Passati dieci anni dalla compravendita, il suo diritto a ottenere l'adempimento di quanto previsto dalla scrittura privata risulta prescritto e pertanto non più esigibile , mentre il diritto di proprietà dell'immobile (quello purtroppo imprescrittibile) si è ormai consolidato e costituito in capo alla fiduciaria.
     
  2. Cinzia Arcidiacono

    Cinzia Arcidiacono Nuovo Iscritto

    Nel caso di specie, considerato che il "falso" acquirente ha avuto il possesso del bene per oltre dieci anni, mi pare che la sentenza si inquadri esattamente anche nel diverso istituto di cui all'art. 1159 c.c.
     
  3. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    Art. 1159.Usucapione decennale.Colui che acquista in buona fede da chi non è proprietario un immobile, in forza di un titolo che sia idoneo a trasferire la proprietà e che sia stato debitamente trascritto, ne compie l'usucapione in suo favore col decorso di dieci anni dalla data della trascrizione.La stessa disposizione si applica nel caso di acquisto degli altri diritti reali di godimento sopra un immobile._______________Cfr. Corte di Cassazione, sez. II civile, sentenza 5 maggio 2009, n. 10356 e Cassazione Civile, sez. II, sentenza 27 luglio 2009, n. 17462 in .
     
  4. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Assiduo

    Professionista
    Interessante decisione dei giudici del "nostro" Tribunale...peraltro in linea con vari precedenti.
    Quando si organizzano le "furbate" con i prestanomi, occorre non solo costruirle bene ma anche preoccuparsi della manutenzione dell'edificio per almeno dieci anni...eseguendo le opere di intervento prima della scadenza del decennio.:risata: Avv. Luigi De Valeri
     
  5. giuseppeber

    giuseppeber Nuovo Iscritto

    Non mi pare un vero contratto fiduciario, ma piuttosto una vera vendita. Secondo me il vero contratto fiduciario non genera il trasferimento di proprietà, ma solo l'occultamento del nome del vero proprietario de bene. Di solito si usa per quote di srl (intestatarie di immobili) con intestazione fiduciaria per nascondere i nomi dei veri proprietari (in modo lecito), senza la spesa del passaggio di proprietà, ma con i costi della gestione fiduciaria.Giuseppeber
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina