1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. juri79

    juri79 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    buongiorno a tutti, sono nuovo del forum.
    con mia moglie siamo in regime di separazione dei beni e abbiamo acquistato una casa con le agevolazioni prima casa nel 2014. La casa è stata cointestata al 50% ciascuno ed il relativo mutuo cointestato.
    il valore catastale di questa casetta è di 40.500 euro totali. il mutuo è ancora attivo.

    In questi giorni, abbiamo acquistato un'altra casa tramite agevolazioni prima casa nel comune vicino a quello attuale. La casa e il mutuo sono intestati a me al 100%. nell'atto ovviamente c'è scritto che entro un anno venderò l'altro immobile e trasferirò la residenza nella nuova casa.

    I miei dubbi sono legati a quanto sotto:
    - vorrei intestare a mia moglie il 50% della casetta dove lei rimarrà residente per non dover pagare l'imposta più onerosa come seconda casa. io sposterei la residenza nella nuova. questa casa andrebbe poi in affitto.
    - non vorrei fare donazione per i problemi che possono esserci per rivendere l'immobile.
    - essendo il valore catastale basso, posso fare atto di vendita a cifre basse (tipo 15 o 20000 euro) con passaggio di denaro?
    - posso eventualmente rinunciare alla mia parte di immobile per spendere ancora meno o si può fare solo se l'immobile viene ricevuto in eredità?

    Grazie a tutti per gli eventuali consigli
     
  2. Dimaraz

    Dimaraz Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Oltre che in separazione dei beni avete anche intenzione di separarvi (divorzio) ?

    Perché intestare alla moglie dichiarando che lei mantiene la residenza nella vecchia casa, quando in realtà si rasferisce nella niova con te , per risparmiare le tasse sulla seconda casa è elusione fiscale.
     
  3. juri79

    juri79 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Non non ci separiamo ne divorziamo. Penso che quanto affermi non sia corretto.
    A dirlo la Corte di Cassazione con la sentenza n. 13334 del 28 giugno 2016 che dice che due coniugi possono avere due prime case e residenze diverse.
    In rete mi sembra di aver trovato molte conferme sul fatto che la residenza in posti diversi di due coniugi non sia elusione.
     
  4. Dimaraz

    Dimaraz Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Pensare è lecito...ma che poi si abbia ragione è un'altro paio di maniche.

    Non basta leggere il titolo della massima espressa in una sentenza...ma devi leggere a fondo l'integrale per verificare che risponda esattamente al tuo caso (sperando di aver padronanza dei termini legali).

    5. Osserva la Corte che entrambi i motivi di ricorso debbono essere esaminati congiuntamente in quanto sottendono la medesima questione giuridica. Questo collegio ritiene di dover continuare a dar corso al più recente orientamento, secondo il quale, in tema di imposta di registro e di relativi benefici per l’acquisto della prima casa, il requisito della residenza va riferito alla famiglia, per cui ove l’immobile acquistato sia adibito a tale destinazione non rileva la diversa residenza di uno dei due coniugi che abbiano acquistato in regime di comunione, essendo essi tenuti non ad una comune sede anagrafica ma alla coabitazione (Sez. 5, Sentenza n. 25889 del 23/12/2015; Sez. 5, Sentenza n. 16355 del 28/06/2013; Sez. 5, Ordinanza n. 2109 del 28/01/2009).

    Quindi vero che se avete residenze separate in 2 comuni diversi potete beneficiare dell'agevolazione "prima casa" (diventando ciascuno unico proprietario di un immobile) ma poi, visto che ci sono anche altre tasse comunali, la residenza non deve essere "fittizia"...e avere residenze separate in 2 Comuni contigui suona fasullo.

    Tanti usano questo "trucchetto" per le seconde case in località di villeggiatura...ma stanno andando a caccia di tali "furboni".
     
    A Franci63 e alberto bianchi piace questo messaggio.
  5. juri79

    juri79 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    quindi se ho capito bene:
    Posso avere due residenze diverse per le agevolazioni prima casa ma in una delle due devo case pagare IMU e varie?
     
  6. juri79

    juri79 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    meglio quindi vendere il primo immobile?
     
  7. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Meglio, se la rendita, qualora affittato, non fosse conveniente. Se, considerando le necessarie manutenzioni periodiche, il saldo fosse alla pari, potresti tenerlo sperando in un futuro migliore. Mentre se fosse decisamente negativo ed il futuro fosse nebuloso, trovando un'occasione, potresti investire il capitale per renderlo più redditizio.
     
  8. moralista

    moralista Membro Assiduo

    Professionista
    quale e quando un futuro migliore? con l'andazzo che stiamo andando sarà sempre peggio, non sanno più dove raschiare per incamerare tributi, salvo le promesse dell'ultimo minuto precedente le elezioni, tutti riducono le tasse e danni contributi a
    j-osa fino al 4 marzo dopo memoria aiutami, perché le promesse sono tante e non posso ricordarmele tutte:sbuffo::rabbia:
     
  9. juri79

    juri79 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Relativamente a questa domanda sbaglio?
     
  10. moralista

    moralista Membro Assiduo

    Professionista
    se paghi l'IMU e varie non è più la prima casa
     
  11. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non hai capito ! Vuole la botte piena e la moglie ubriaca.
     
    A Franci63 piace questo elemento.
  12. juri79

    juri79 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Capito. Grazie ai commenti positivi e esplicativi. Non voglio botte piena e moglie ubriaca ma solo capire come muovermi al meglio e pagare il giusto ma il meno possibile. O a te che fai il moralista piace pagare le tasse?
    Vi saluto
     
  13. Dimaraz

    Dimaraz Membro Storico

    Proprietario di Casa
    "Mettere i carri davanti ai buoi" è un buon viatico per creare incomprensioni.

    Se non è "prima casa" di paga l' IMU (ed altre "amenità")...ma non ci si deve far sviare sul concetto "prima casa" che viene usato in modi diversi.

    Ci sono tanti piccoli particolari da appurare (vi sono distinzioni per certe categorie)...ma in linea generale 2 coniugi (in separazione dei beni) possono ottenere i benefici "prima casa" per l'acquisto su rispettivi immobili diversi.

    Uno dei 2 immobili potrà persino essere ceduto in locazione...ma in tal caso (mancanza della residenza) non si potrà godere di esenzione IMU e gli eventuali interessi passivi non saranno detraibili.
     
    A juri79 piace questo elemento.
  14. moralista

    moralista Membro Assiduo

    Professionista
    Gira e rigira si torna sempre allo stesso punto, se è già proprietaria di un 50% di una casa, come fa ad acquistare un'altra casa, e pensare che diventi prima casa, per l'acquisto di immobili diversi l'IMU si paga e non si può ottenere i benefici di prima casa
     
  15. juri79

    juri79 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Venderei a mia moglie il mio 50%
     
  16. moralista

    moralista Membro Assiduo

    Professionista
    Juri79, in risposta al tuo #12- ha nessuno piace pagare le tasse, ma se si vuole avere certi servizi, le tasse vanno pagate
     
  17. moralista

    moralista Membro Assiduo

    Professionista
    vendere il 50% alla moglie si può fare, ma per ottenere i benefici ci vuole la residenza (dimora) effettiva
     
  18. Dimaraz

    Dimaraz Membro Storico

    Proprietario di Casa

    Per il solo "acquisto" è possibile usufruire delle agevolazioni "prima casa" anchew se pi si andrà ad abitare in quella (sempre "prima casa") del coniuge.

    Come detto vi sono delle "particolarità" da verificare.
    I benefici spettano se:
    1-si risiede nello stesso Comune dove è ubicato l'immobile che sconta le agevolazioni
    2-se si sposta la residenza in altro Comune questo dovrà avvenire solo dopo almeno 3 anni.dall'acquisto (o da quando vi si era trasferita la residenza)
    3-i benefici spettano anche se , pur non essendo residenti o si provveda a trasferire residenza, l'acquirente svolga la propria attività nel comune di acquisto.
    4-altre particolarità per quanti lavorano all'estero o per gli "arruolati" nelle forze di polizia ed esercito.

    Quindi serve profonda valutazione..pena il rischio di restituzione dei benefici e sanzione pesante.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina