1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. key

    key Membro Attivo

    Professionista
    Nell'atto di richiesta presentato in tribunale per lo sfratto causa morosità,il locatore DEVE specificare la richiesta CONTESTUALE di risoluzione contratto o è implicita?

    Note:
    La notifica dell’intimazione con contestuale richiesta di convalida di sfratto contiene in sé implicitamente domanda di risoluzione del contratto di locazione per inadempimento. Da ciò consegue che, operando la c.d. “cristallizzazione”, a far data dalla notifica della domanda, l’adempimento tardivo non è più ammesso ex art. 1453 c.c. , salvo che il creditore rinunci ad avvalersi di tale effetto legale accettando il pagamento, purché esaustivo del credito originariamente inadempiuto e degli accessori di legge maturati.

    Trib. Modena, Giud. Dott. Farolfi A., 6 giugno 2003

    L. 27 luglio 1978, n. 392, quanto ai nuovi contratti, ha previsto la sanatoria della morosità per le sole locazioni ad uso di abitazione, cui si applica l'art. 5 della stessa legge, e tale sanatoria non è estensibile alle locazioni non abitative.
    * Cass. civ., Sezioni Unite,28 aprile 1999, n. 272, Soc. Micheletti c. Soc. Soiltecnica, in Arch. loc. e cond. 1999, 397.
     
  2. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    se presenti uno sfratto per morosità, questa è la causa e non altro
     
  3. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    La causa è determinata dall'inadempimento del conduttore (la morosità). L'effetto, se l'inadempimento "non ha scarsa importanza" (ex art. 1455 c.c.), è anche (e benissimo) la risoluzione del contratto. Se il conduttore paga il dovuto, non per questo viene sottratto al giudizio di risoluzione contrattuale. Il tardivo pagamento sana la morosità. Ma non cancella l'inadempimento. Impedisce quindi al giudice di convalidare lo sfratto, poiché non persiste la morosità. Ma non esonera il giudice stesso dal delibare in via ordinaria la domanda di risoluzione per inadempimento. Se dichiarerà la locazione risolta, condannerà il conduttore al rilascio dell'immobile.
     
    Ultima modifica: 6 Gennaio 2015
  4. key

    key Membro Attivo

    Professionista
    Grazie Nemesis
    Appunto e'utile nel presentare lo sfratto per morosita'chiedere esplicitamente la risoluzione del contratto,cosicche il giufice anche se il conduttore paga prima dell udienza di convalida e'tenuto ad esprimersi sulla risoluzione del contratto?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina