1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Mia cognata da oltre dieci anni ha affittato un piccolo negozio dove si sono succeduti 5 conduttori i quali a turno hanno lasciato debiti per insolvenza canoni e spese per oltre 40mila euro. Su cui ha debitamente
    pagato le imposte senza recuperarle come tutti sappiamo. Non vi è stato mai il ricorso alla magistratura...solo consulenze legali occasionali. Ora, quando si libererà dall'ultimo occupante che ha già cumulato circa 10mila euro di debito abbiamo pensato di metterlo in vendita con un cartello:

    VENDESI....AFFARONE... PREZZO SOTTO CATASTO.

    Prima invierò un "interpello" all'ADE dove oltre alla doverosa premessa sulla fallimentare resa dei contratti la domanda sarà: " ...Omissis...Vista l'impossibilità di continuare a riproporlo come affitto chiediamo a codesta Direzione il permesso di proporre la vendita al di sotto del valore catastale...(segue
    indicazione con una percentuale di massima approssimativa in detrazione...fino al 30% in meno...)".

    Voi tutti amici di Propit cosa ne dite??? Secondo voi cosa potrà mai rispondere il "vampiro"???
    La COSA mi è venuta in mente dopo aver sentito dire,ieri sera, da una ministra (gruppo Alfano) che l'enorme quantità di cartelli "Vendesi...Vendesi..." in tutte le città del bel paese presto si trasformeranno
    in: "Regalasi...Regalasi..."...Col mio animo di vecchio intermediario mi sono detto: ci sarà una via di mezzo??? Ed ho partorito il "rospo" di cui sopra. Anche perchè, pur regalata, per il Vampiro la COSA
    rientrerebbe nell'ambito della Donazione e ben sapete la tassazione conseguente...Che poi per finire in
    bellezza...a tarallucci e vino...farà puntualmente capolino la maledetta "COLLAZIONE" per cui anche
    l'eventuale donatario avrà serie perplessità ad accettare il "regalino"...Uno dei tanti esempi del groviglio
    legislativo. E qui chiudo rinnovando gli auguri per le prossime feste delle mamme, nonne, padri e patrigni bisessuali o meno, zii e zie, nuore e cognati, fratelli e sorelle anche di doppio e triplo letto, delle
    tate. badanti, maestri e maestre elementari ecc...Ho dimenticato qualcuno??? Ma sì!!! Quello del ritorno
    di @yerrj48 e...prossimamente quello di @arciera e FradJACOno...Date le circostanze, gradirò un mesto,mezzo sorriso. E grazie per l'attenzione. Quiproquo.
     
    A Gianco e rita dedè piace questo messaggio.
  2. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Maestro,
    non c'è bisogno di presentare un Interpello all'Ade. Tu puoi vendere al prezzo che vuoi, tanto le imposte, oltre ad essere pagate dall'acquirente, hanno come imponibile, se il prezzo di cessione reale è inferiore, è dato dalla rendita catastale moltiplicata per il coefficiente previsto dalla Legge per tipologia di immobile. Cosa importantissima è che il venditore dichiari al Notaio, e dimostri unitamente all'acquirente che il prezzo pattuito è reale e corrisponde alla transazione finanziaria avvenuta con ...(Bonifico, assegno bancario ,Nr...., etc....)..
     
    A quiproquo piace questo elemento.
  3. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Solamente se si tratta di compravendita (tra privati) di immobili a uso abitativo e relative pertinenze, e se la tassazione sulla base del valore catastale sia richiesta dalla parte acquirente.
    Ma la disciplina di cui sopra è inapplicabile nella fattispecie prospettata (immobile a uso diverso da quello abitativo). Le imposte non saranno quindi calcolate sul valore catastale, ma sul valore del bene compravenduto.
    È il caso di ricordare che ex art. 57 del TUR (D.P.R. n. 131/1986) le parti contraenti sono solidalmente obbligate al pagamento dell'imposta di registro.
     
    A sergio gattinara e alberto bianchi piace questo messaggio.
  4. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Non le risponderà per nulla.
    Tal silenzio non varrà quale assenso alla soluzione da lei (eventualmente) prospettata.
    Funzione dell'interpello: conseguire chiarimenti sull'interpretazione di una norma (obiettivamente incerta) relativa ai tributi.
     
  5. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    L'Agenzia delle entrate fornisce comunque una risposta.
    Se l'istanza di interpello fosse inammissibile in via assoluta, la risposta al contribuente evidenzierebbe solo le cause di inammissibilità. Se l'istanza di interpello fosse inammissibile in via relativa, la risposta al contribuente sarebbe data a titolo di consulenza giuridica.
     
    A quiproquo piace questo elemento.
  6. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    ADE può benissimo non rispondere.

    Assolutamente no; la prassi amministrativa prevede ben altro:
    "In mancanza dei requisiti necessari all'ammissibilità dell'istanza, l'Agenzia non può formulare il proprio parere.
    Sono considerate inammissibili le istanze.... di interpello ordinario presentate in mancanza di condizioni obiettive di incertezza....
    "
     
  7. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Ribadisco tutto quanto avevo prima scritto.
     
    A quiproquo piace questo elemento.
  8. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Per adesso ringrazio vivamente tutti gli intervenuti. Resto perplesso per il fatto che una vendita al di sotto del valore catastale ( o pari) può ben nascondere un prezzo più alto...Mi risulta che nei decenni precedenti era una pratica diffusissima...E' vero che le tasse e le imposte le paga l'acquirente...ed è per questo che lo stesso,
    in fase di trattativa o di preliminare, può avere interesse ad esporre
    sul rogito un prezzo più basso..e quando il fisco ritiene il prezzo
    rogitato non congruo può intervenire in rettifica con quel che ne consegue. Non ho competenza sull'eventuale risposta dell'ADE...
    Ma a lume di naso credo che la farà...la stessa inusualità della domanda dovrebbe "stuzzicarla"...e farle prendere posizione...
    Se riusciremo a liberare l'immobile la farò e vi terrò debitamente
    informati sull'
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  9. rita dedè

    rita dedè Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Scusate l intrusione, cioè @quiproquo,fammi per favore capire!la agenzia delle entrate( il fisco?) ha il potere di indagarmi!! (Evasione fiscale)Se io decido di vendere un immobile a prezzo stracciato, per potermene sbarazzare, velocemente, durante la indagine se appura che non c'è reato di evasione fiscale poi dopo mi lascia in pace ?giusto? Oppure punisce al compratore? Che avendo comperato a prezzo stracciato, avrebbe risparmiato sulle imposte giusto?
     
  10. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista

    Files Allegati:

    A Elisabetta48 e rita dedè piace questo messaggio.
  11. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ti ringrazio dell'intervento. Posso solo dirti che il Fisco deve controllare tutte le transazioni specie nel campo immobiliare e dei terreni...Ha cinque(???) anni di tempo per farlo...Nessuna transazione è indenne dal sospetto di "infedeltà"...L'unico strumento che ha il fisco per intervenire o "meno" è la congruità
    del prezzo esposto sul rogito. Di solito quando il prezzo esposto coincide col valore catastale tace...e come dice Albertone "è" nella legge o nella prassi. Quando vigeva l'INVIM anche il venditore pagava l'imposta sul valore aggiunto (differenza fra il prezzo iniziale d'acquisto con quello di vendita) e quindi vi era un reciproco interesse all'infedeltà...E come spesso avviene nella relazione fra uomo donna anche in quel contesto l'attrazione
    a lei correlata diventa irresistibile...e irrinunciabile...come tutti i
    tradimenti. Gli agenti immobiliari presenti su Propit ti potranno confermare quante volte delle intermediazioni effettuate hanno
    potuto constatare l'irrisorietà del prezzo iniziale...Chiudo e ti saluto
    cordialmente. Quiproquo.
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  12. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Grazie Daniele per gli allegati. Utilissimi. Mi sembra che siano impostati solo sugli immobili abitativi. E non su quelli commerciali. E nulla ci dicono sulle modalità dell'INTERPELLO fiscale che era l'oggetto della mia discussione. A tal proposito vorrei
    aggiungere per @Ollj che tempo addietro avevo postato il mio primo ed unico interpello sulla Rinunzia dell'usufrutto...ebbene, nonostante avessi omesso di firmarlo ( per l'emozione... ) l'Agenzia mi rispose nel giro di dieci giorni. Se io oltre al permesso
    di vendere al di sotto del valore catastale chiudo l'interpello con:

    "Il mancato riscontro entro 60 giorni sarà considerato come consenso tacito dell'autorizzazione richiesta..."

    ...come farà il Vampiro a non rispondere??? Grazie per l'attenzione.
    Quiproquo.
     
    A Daniele 78 piace questo elemento.
  13. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Basta chiedere, volevi l'interpello e sapere come funziona??? Ti rimando a questa utile pagina dell'ADE che ti spiega come si fa: Agenzia delle Entrate - Documentazione - Interpello . Prova a darci un'occhiata!! In fondo alla pagina hai un bel pò di normativa in PDF, ti consiglio di prenderti una giornata almeno per leggerti tutto bene bene e un'altra almeno per farci un bel ragionamento su. Se non ne vieni a capo, un CAF, o un commercialista potrebbero far luce definitivamente.

    Comunque avessi qualunque richiesta di cui non sai come uscire digita il nome (di ciò che stai cercando) all'interno del motore di ricerca (tipo google) e ti verranno fuori un pò di risultati...di solito nella prima pagina ci stanno quelli più richiesti...l'ADE la trovi sempre prima di tutto, quindi non sbagli. Ciao buona giornata.
     
    Ultima modifica: 9 Aprile 2015
    A sergio gattinara piace questo elemento.
  14. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Io, per abitudine, davanti ad un valore, apparentemente non congruo, allego all'atto una perizia di stima giurata. Perché possa essere contestata occorre un evidente errore di valutazione o un disegno di evasione fiscale. La perizia costa dai 500 ai 1000 € circa ed è in funzione del valore stimato. Comunque, a conti fatti, è sempre un risparmio.
     
  15. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Se Lei per Risposta intende una missiva fisica di ADE è una cosa, ma non credo che Lei questo voglia ottenere (tanto varrebbe chiamare il call center); se invece ritiene d'aver attivato la procedura dell'Interpello al fine d'ottenere un parere dell'Amministrazione e soprattutto con la possibilità di configurare il silenzio/assenso (il suo riferimento errato ai 60 gg) aspetteterà inutilmente;. ADE formula il proprio parere solo in presenza di condizioni ben tipicizzate. Quanto al suo inciso conclusivo: del tutto irrilevante.

    Riepilogando, non si instaurerà alcuna procedura d'interpello e non si otterrà alcun parere causa:
    - mancanza di condizioni obiettive di incertezza
    - assenza di soluzione interpretativa proposta dal contribuente
    Ciò libera ADE da qualsivoglia incombenza ed impedisce, al decorso del tempo (120 giorni), di costituire un risultato circa il silenzio/assenso (non avendo prospettato alcun conflitto interpretativo tra norme, nè proprosto la soluzione normativa da applicarsi al suo caso concreto).
     
  16. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Gianco una perizia giurata e asseverata, non fa altro che indicare il valore dell'immobile, ma non il valore della transazione che è avvenuta sottocosto, pertanto ADE potrebbbe richiedere una integrazione dei valori
     
    A quiproquo piace questo elemento.
  17. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Anche la rinunzia all'usufrutto dell'alloggio dove la mia prima figlia, nuda proprietaria, vive da dal primo momento dell'acquisto
    (oltre vent'anni) non aveva nessun riferimento normativo nè di dottrina, nè di prassi giurisprudenziale...Ciò nonostante, la Direzione Generale dell'ADE (distretto di Torino) mi ha risposto
    educatamente ed esaurientemente (negativa al quesito...). E ne avevo data conoscenza sul nostro sito di Propit. Io, chiaramente, non posso entrare sul lato formale della norma, tanto che l'ho
    richiesta a Propit. Ora sulla base della diversità espresse fra lei Avvocato Ollj e Mister Nemesis, il mio imbarazzo cresce e nel contempo mi tolgo la soddisfazione di ripetere che il nostro
    legislatore è impregnato di schizzofrenia degenerativa. Comunque vada a finire desidero ringraziarla per il dotto intervento. qpq.
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  18. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    ADE le ha risposto per pura cortesia ed educazione, ma questo e' altra cosa.
    Cordialita'.
    P.s. non sono avvocato.
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  19. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Grazie mille Daniele per il nuovo riscontro. Tutto
    sommato, visto anche la disparità opinionale fra @Ollj e @Nemesis
    a me la parte squisitamente dottrinale può interessare solo per
    corredo culturale...Perchè se anche avesse ragione Ollj, io
    l'interpello,quando sarà il momento, lo farò checchè ne dicano
    ancora i tuoi utilissimi allegati che per ora non ho il tempo di
    leggere...Avevo letto quelli precedenti. Se lo farò, ritornerò sul tema
    come spesso sono solito fare. Per ora cordiali saluti a te e a @Gianco. Quiproquo.
     
    A rita dedè e Daniele 78 piace questo messaggio.
  20. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Grazie. Io una risposta desidero, qualunque sia la forma. Se la risposta negativa al quesito di rinunziare all'usufrutto senza
    il ricorso al notaio come da sentenza di Cassazione...omissis...
    fosse stata positiva adesso io non sarei più usufruttuario (passivo sotto tutti i sensi...) della casa abitata dalla mia prima figlia nuda proprietaria della stessa. Per completezza, l'interpello fu depositato
    da me a mano...l'addetto mi fece riempire un modulo rilasciandomene una copia. La risposta dopo una decina di giorni
    mi pervenne con raccomandata A.R. In premessa fu evidenziata
    la mancanza della firma (la mia)...sufficiente per non rispondere...
    Ma loro, magnanimi come si addice ad un vero sovrano, mi elargirono la rispostaccia...Complimenti per la sua dimestichezza
    con la "materia" visto che asserisce di non essere un giurista.qpq.
    P.S. Che nessuno mi corregga con la differenza fra avvocato e giurista...altrimenti faccio intervenire FradJACOno...col suo
    cilindro...
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina