1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Invito alla conciliazione, questo è quanto è giunto al nuovo amministratore che deve sostituire il vecchio con delibera effettuata in autoconvocazione a fine agosto con una maggioranza di 620 millesimi.
    Nell'invito è segnalato una violazione dell'art. 66 più una omessa convocazione.
    Le cose che chiedo sono:
    1° cosa mai in una autoconvocazione si può violare...
    2° una omessa convocazione o meglio una convocazione con un nome sbagliato ( non il cognome), perché questo è successo, può un giudice a fronte di una decisione di 620 milesi unanimi decidere di annullare l'elezione del nuovo amministratore?
    3° si è pensato di ratificare il tutto in modo che qualunque decisione futura possa scaturirne verrebbe comunque resa nulla dalla nuova delibera, giusto'
    4° ma come si svolge una conciliazione?
    5° Occorre obbligatoriamente un avvocato?
    Grazie
     
  2. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Interessante quesito che, anche se datato, riprendo data la generale utilita'.
    - l'autoconvocazione e' impugnabile e quindi da sottoporsi a preventiva mediazione, ogni qual volta non siano rispettate le condizioni ex art.66
    - unici legittimati i condomini
    - il cognome errato sara' rilevante in assenza dell'interessato all'assemblea
    - Nuova delibera di sanatoria e' possibile, ma significherebbe avvallo dell' errore commesso e in sede di conciliazione base per possibile soccombenza ( rispetto alla delibera iniziale impugnata)
    - l'avvocato e' obbligatorio in sede di mediazione
    - quanto alla mediazione e al procedimento relativo, con google si trovera' quanto di necessita'.
     
    Ultima modifica: 17 Aprile 2015
  3. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Grazie della risposta anche se datata e sempre utile per casi analoghi.
    Comunque per quello che può servire la conciliazione è avvenuta soltanto che i "dissenzienti 380 millesimi" hanno ampliato la discussione a tal punto che il nuovo amministratore, (che nel frattempo l'abbiamo rieletto, confermato, e lui accettato, questo in tre differenti riunioni) ha dovuto , insieme al conciliatore rimandare tutto ad un'altra data per aggiornarsi, ma nel frattempo i " dissenzienti" hanno opposto opposizione a tutte le altre ns. riunioni e delibere, tirando fuori cavilli insostenibili, tanto per dirne una, il proprietario di un appartamento per anni credevamo che era il marito poi abbiamo scoperto che è la moglie, e allora da anni abbiamo sempre sbagliato? no perché il marito ha una procura speciale irrevocabile cosa che nessuno sapeva, l'hanno fatto per risparmiare sull'IMU hanno due case ecc. insomma una baraonda di ricorsi.
    Attualmente? abbiamo due amministratori uno eletto da noi 620 millesimi l'altro che continua a sentirsi in carica e a mandare ingiunzioni di pagamento ecc. quando gli abbiamo già tolto il codice fiscale e il conto bancario da sotto le grinfie, come? andando in banca e all'intendenza di finanza mostrando la delibera e procedendo di prassi.
    Giusto per finire in bellezza il vecchi amministratore ha indetto per il 21/4/2015 una riunione assembleare con l'ordine del giorno approvazione del bilancio, nomina dell'amministratore e altre faccende, ora.....cosa fare andare li noi 620 millesimi e buttarlo per la quarta volta fuori ( metaforicamente ) ma facendo cosi avvalliamo che lui è ancora amministratore o non andarci non considerandolo? ma poi bisogna fare opposizione? insomma un guazzabuglio infinito.
    Buona Domenica
     
  4. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Potete non partecipare; imporante che il nuovo amministratore sia stato regolarmente eletto e che ciò sia stato debitamente comunicato a tutti i condòmini; lo stesso dicasi per i vostri fornitori e/o terzi con cui il Condominio intrattenga rapporti.
    Si potrebbe altresì agire preventivamente con diffida verso il professionista, affinchè non operi in nome e per conto del Condominio, ma a tal fine vi serve un legale.
     
  5. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    UUUHHH di legali quanto ne vuoi considera che abbiamo avuto ben 10 ingiunzioni di pagamento per le cifre dei lavori che non sono iniziati anche se nella riunione che lo destituiva in previsione avevamo scritto che lo si esonerava da riscuotere eventuali somme condominiali in sospeso, ma lui fregandosene ha mandato le ingiunzioni e pertanto abbiamo fatto ricorso.
    Comunque alla riunione siamo andati, non ci aspettava, tanto è vero che neanche le sedie attorno al tavolo aveva messo lui era sicuro che l'avremmo snobbato, poi quando è iniziata la riunione gli abbiamo levato subito il potere nel senso che abbiamo nominato presidente e segretario due di noi tra i 620 millesimi che l'abbiamo destituito ecc. poi abbiamo sovvertito l'ordine del giorno, nel senso che lui aveva messo per ultimo la conferma dell'amministratore non come si fa di solito dimissioni e nomina ecc. a questo punto apriti cielo, non si può fare, per cambiare l'amministratore ci vogliono...ci vogliono ... ci vogliono a momenti gli veniva un infarto... 1000 millesimi :risata::risata::risata: insomma non sapeva più cosa dire, gli altro 380 millesimi rossi di rabbia, questo non si può fare quest'altro neanche ma alla fine come hanno sempre fatto loro abbiamo scritto che si eleggeva il nuovo amministratore ( non lui ) a maggioranza, e che per i restanti punti dell'ordine del giorno si rimandava al nuovo amministratore e a data da decidersi. Abbiamo chiuso l'assemblea e firmato, ultimo colpo di coda i dissenzienti, 380 millesimi, hanno voluto che si scrivesse che la riunione loro la continuavano, a che prò, bho staremo a vedere se la legge gli da qualche motivo.
    Ciao buona serata scappo a casa
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  6. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Il Presidente dichiarando chiusa la discussione e sciolta l'assemblea, ha precluso qualsivoglia spazio di manovra alla minoranza.
    Ben fatto.
     
  7. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Si ma le teste non sono buone perché a una di loro la figlia ha preso la laurea ossia è avvocato e adesso crede che la legge la può gestire come vuole lei.
    Vedremo
     
  8. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Se ha preso la laurea come dice, non è avvocato ma Dott.ssa in legge: ne ha di strada ancora da fare.
    Se non sono stati commessi errori di forma tali da impugnare ed annullare la delibera, siete in una "botte di ferro"; in trenta gg. tutto sarà svelato.
     
  9. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    I trenta gg. sono passati e loro si sono opposti pertanto la cosa continuerà in tribunale, ti è sfuggito il fatto che loro si sono opposti alla 1° auto assemblea alla 2° e alla 3° poi a distanza di 7 mesi quando il nuovo amministratore è riuscito a toglierli il codice fiscale del condomino e il conto corrente, il vecchio amministratore, che con la prima auto convocazione l'abbiamo destituito con 620 millesimi, ha indetto una riunione come se fosse ancora lui l'amministratore fregandosene di quanto noi avevamo deliberato.
    In pratica abbiamo avuto 2 amministratori per 7 mesi, il nuovo e il vecchio che con la scusa che c'era un ricorso in tribunale lui non doveva cedere al nuovo amministratore.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina