1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. arturo75

    arturo75 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Salve a tutti,
    ho un "piccolo" problema:
    Tre anni fa ho ricevuto in donazione da mio padre la casa di mio nonno. Prima che mio padre e mio zio si dividessero i beni ereditati, su questa casa è stata scritta un'ipoteca parziale da parte di equitalia nei confronti di mio zio. Sul loro atto notarile in cui si sono divisi l'eredità c'è scritto che mio zio si sarebbe impegnato a togliere tale ipoteca entro 6 mesi.
    Subito dopo la loro divisione, ho avuto in donazione la casa in questione ed anche sul mio atto di donazione è stato riportato dal notaio l'impegno che mio si era assunto a togliere l'ipoteca entro 6 mesi.
    Oggi sono ormai passati 3 anni ma mio zio ancora l'ipoteca non l'ha tolta.
    Se fossi "obbligato", per una promessa a mio padre, a non fare scrivere da un avvocato a mio zio e tanto meno poi a fargli causa, c'è qualcosa che posso fare magari "di ufficio"? Qualcosa del tipo dire ad Equitalia il debito non è mio ma la casa adesso si, quindi sposta l'ipoteca su un bene del tuo debitore (anche se credo che abbia già tutto ipetecato)!
    E' possibile qualcosa del genere? Chi mi consiglia cosa posso fare?

    Grazie anticipatamente a tutti
     
  2. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Sull'atto c'e' scritto che cosa sarebbe successo se lo zio non avesse onorato l'impegno?
    Se c'e' scitto qualcosa lo zio va incontro a quello, ma se nulla c'e' scritto allora poco vale l'impegno anche se scritto su atto notarile.

    Nella divisione e' stato tenuto conto del valore dell'ipoteca?
    L'ipoteca e' sull'intero immobile o sulla quota di tuo zio (e' stata iscritta prima della morte del nonno o come si presuppone da quello che dici dopo?)?
    Quanto vale la casa, di quanto e' il debito e di quanto e' l'ipoteca?
    Considera i tre valori. Vale la pena intentare una causa contro un "nullatenente" (tutto ipotecato tu dici)?

    Sappi che la tua casa ha il valore al netto dell'ipoteca, quindi se decidessi di venderla il prezzo che potrai ricevere sara' il valore meno l'ipoteca.

    Hai intenzione di tenerla? Se si allora (dopo aver valutato i valori di prima) usala senza timore, se l'ipoteca e' sulla quota dello zio (cosi' dovrebbe essere) e si arrivasse che equitalia metta il bene all'asta chi mai acquisterebbe una quota di appartamento senza la certezza di acquistare l'altra?

    Chiedi il debito e prova a chiedere ad equitalia quanto vuole per chiudere il tutto.

    Luigi
     
  3. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    @arturo75 quello che tu prospetti e' impossibile. Ti è stato donato un immobile ipotecato parzialmente quando era in quota anche a tuo zio. Non ti resta che trattare con equitàlia e parlare pacatamente con tuo zio in attesa di tempi migliori. Perché mi sa che il fratello di tuo padre ne ha bisogno
     
  4. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Tieni presente che se la quota dell'immobile gravata da ipoteca dovesse essere venduta all'asta, tu avresti il diritto di prelazione. Sarebbe interessante sapere se per lo stesso debito è stata imposta l'ipoteca anche su altri immobili.
     
  5. arturo75

    arturo75 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Ciao a tutti e grazie per le risposte.
    Allora cominciamo per ordine:

    Sul mio atto notarile c'è scritto solo che mio zio si sarebbe impegnato a togliere l'ipoteca, ma non c'è scritto cosa sarebbe successo se non avesse onorato l'impegno.
    Sul "vale la pena intentare causa contro un nullatenente" vorrei fare 2 appunti, il primo è che non voglio (o meglio moralmente non posso) fare causa e il secondo (e così rispondo pure ad Arciera) è che so per certo che mio zio la liquidità per togliere l'ipoteca ce l'ha è solo che è un po allergico ai pagamenti (leggasi str...zo).
    Sulle altre domande sulle loro suddivisioni dei beni non so rispondervi perché mio padre per evitare che io faccia causa a mio zio mi dice di farmi i fatti miei.

    L'ipoteca comunque è solo su una parte dell'immobile ed è di poco superiore ai 20.000 euro su circa 80/90 mila del valore totale. E' più o meno su di un quarto dell'immobile credo, infatti è stata messa dopo che è morta mia nonna ma quando mio nonno era ancora vivo.

    La casa la devo tenere, ma volevo chiedere un mutuo per ristrutturazione ed ho paura che a causa dell'ipoteca me lo rifiutino, visto pure il periodo che già li concedono difficilmente.


    @Gianco Che differenza c'è, o in altre parole che cosa cambia a me, se per lo stesso debito ci sono altre ipoteche su altri immobili?[DOUBLEPOST=1406019453,1406019196][/DOUBLEPOST]Un'altra domanda per pura curiosità: se io parlassi direttamente con equitalia come suggerivano Arciera e 1giggi1 per togliere l'ipoteca e di conseguenza pagassi una cifra X ad equitalia. Che ne sarebbe del debito di mio zio? Sarebbe saldato per l'intero valore dell'ipoteca, per la differenza del valore dell'ipoteca meno quanto pago io, o rimarrebbe completamente in piedi?
     
  6. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Il valore dell'ipoteca e' marginale, meno del 25%, se per la banca tu sei un buon debitore non ci dovrebbero essere problemi.
    Se tuo zio e' solvibile (e non ha i soldi solo sotto il pavimento . . .) comunica all'AdE dove possono prelevare il credito. Per quanto riguarda tuo padre, questi sono fatti tuoi!!!!
    Luigi[DOUBLEPOST=1406020107,1406019849][/DOUBLEPOST]
    Se con equitalia fai una transazione a saldo e stralcio elimini il debito, nella stessa transazione, tra le varie cose chiedi che tolgano l'ipoteca (tale ipoteca comunque non potra' farsi valere perche' in equitalia il debito sara' estinto (a parte cartelle pazze ma quelle valgono per tutti anche se non ci sono debiti)).
    Luigi
     
  7. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Quando Equitalia accende un'ipoteca la iscrive su tutto il patrimonio del debitore, in modo da obbligarlo a saldare il debito prima che possa cedere qualche bene. Probabilmente il debito è estinto e la cancellazione non è stata effettuata perché all'ex debitore non gli interessa di farla cancellare, perché anche questa operazione ha un costo. Ti consiglierei di verificare da Equitalia.
     
    A rita dedè e arciera piace questo messaggio.
  8. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Sempre, sempre, pertinente.
    Allora, chiedi cosa può succedere se l'ipoteca è ancora in piedi, visto che sul rogito risultava l'impegno a levarla. Lo puoi obbligare per legge. Avvocati e scontri con lo zio. Non rimane altro che verificare come ha suggerito l'esimio Gianco e successivamente usare la tecnica del recupero crediti: telefonate accorate, piccate, familiari, tra uomini. Incontri programmati solo da parte tua, insomma, l'assillo. Ti è zio. Non c'è altro da fare.
     
  9. Avvocato Luigi Polidoro

    Avvocato Luigi Polidoro Membro Attivo

    Professionista
    Per rispondere alla domanda iniziale di arturo75, le soluzioni sono due:
    a) agire contro lo zio per ottenere la liberazione del bene (soluzione scartata a priori per i rapporti di parentela);
    b) attivarsi per ottenere la liberazione del bene a cura e spese di Arturo75.
    Tra l'altro, non ho capito se l'ipoteca è una mera formalità (cioè non è stata cancellata pur essendo stato estinto il debito verso Equitalia) oppure se lo zio è ancora debitore di Equitalia.
    Questa è la base per ogni successiva valutazione.
     
  10. arturo75

    arturo75 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Purtroppo no, il debito non è stato estinto ma è ancora attivo. In passato ho provato a telefonare in continuazione ma a parte che rispondeva ad una chiamata su 10, con la sua bella parlantina crede di poter prendere in giro chi vuole: ad ogni chiamata mi rispondeva che stava provvedendo a saldare il debito e che sarebbe stata questione di pochi giorni, poi alla successiva chiamata per chiedere come mai "stranamente" non è stata "questione di pochi giorni", lui diceva che c'erano stati problemi per colpa di equitalia, che c'era dietro una situazione ingarbugliata e delicata che non poteva dirmi per privacy, e che comunque si stava attivando per risolvere il tutto. Quindi a furia di sentirmi dire sempre le solite favolette ero arrivato al punto che alla successiva chiamata avrei parlato senza filtri e quindi guerra. Purtroppo però solo per rispetto di mio padre (visto che ormai di mio zio non ne ho più) preferisco evitare di telefonare per farmi prendere in giro e non poter rispondere come vorrei.
     
  11. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Ti consiglio di sentire Equitalia per affrontare il problema e trovare un soluzione. Se l'ipoteca è stata estesa a tutto il patrimonio di tuo zio, potresti trovare un compromesso a dei costi accettabili per risolvere il tuo problema.
     
  12. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    chi la dura la vince. dai retta a me: non farti coinvolgere ed anzi, divertiti a sentire oggi come se la girerà. non c'è altro sistema per recuperare il credito. Non Dargli Tregua.
     
    A rita dedè piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina