1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Sean

    Sean Membro Junior

    Salve, siamo 5 fratelli ed abbiamo ricevuto 8 anni fa dai nostro padre defunto 1 appartamento ciascuno. Non abbiamo ad oggi ancora fatto la divisione dal notaio perchè 2 di noi non sono soddisfatti dell appartamento che gli spetta. Ora che finalmente abbiamo raggiunto un accordo abbiamo scoperto che uno di noi ha contratto un grosso debito con l equitalia e quest ultima ha messo un ipoteca su 1/5 di tutta la proprietà ad oggi indivisa. Il notaio ci dice che se non saldiamo il debito e cancelliamo l ipoteca non possiamo fare la divisione. Come possiamo risolvere la situazione? Nostro fratello non ha disponibilità economica per saldare e nessuno di noi può aiutarlo, anzi 3 di noi vorrebbero intestarsi il proprio appartamento per poi venderlo subito, dato che tutti navighiamo in brutte acque. Penso che all Equitalia convenga che nostro fratello si intesti il proprio bene per poi metterlo all asta, invece mettono l ipoteca su 1/5 e anche se mettessero all asta il quinto, chi acqisterebbe 1/5 di 5 appartamenti diversi? Mi sa di assurdo. Possibile che l equitalia o chi per lei non dia la possibilità di eseguire la divisione e successivamente poter facilmente mettere all asta l appartamento di nostro fratello? Se ha commesso degli errori, è giusto che sia lui a pagare, invece cosi mi sembra che i perseguitati da equitalia siamo tutti e 5. Consigliatemi, vi prego
     
  2. AlbertoF

    AlbertoF Ospite

    Il consiglio giusto lo ha già fornito il notaio.
    La situazione deve essere fotografata allo stato attuale: proprietà indivisa con una ipoteca di 1/5 sull'intera proprietà .
    L situazione potrebbe essere risolta vendendo tutta la proprietà come ora si trova e con la caparra estinguere l'ipoteca.
    Ciao
     
  3. Sean

    Sean Membro Junior

    Non la trovo normale la tua risposta. Perchè devo essere costretto a vendere tutta la proprietà( e la casa che ho ereditato io voglio tenermela per viverci). Vendere oggi significherebbe svendere 5 appartamenti, vista la situazione italiana, e perchè quindi dovrei svendere tutto per pagare un debito che uno solo ha contratto? La legge deve colpire una persona per recuperare i suoi soldi, non colpire altre 4 persone oneste. Questa ipoteca fu notificata a mio fratello ben 3 anni fa e non ha mai informato della situazione noi 4, solo ora che il notaio stava per farci dividere tutto ha scoperto questa ipoteca gravante. Non voglio essere costretto a vendere, e naturalmente non possiamo pagare noi il suo debito, quindi se esiste giustizia lo Stato deve permettere la divisione e mettere le mani sul bene che a lui sarà assegnato. Inoltre, che accadrebbe se restassimo con la proprietà indivisa? 2 fratelli la propria abitazione assegnata la tengono fittata da 4 anni, mentre io che ci vivo nella mia domani rischierei lo sfratto magari? Non pagando oggi il debito aumenterebbe giorno dopo giorno, e magari un giorno raggiungerebbe il valore complessivo dei 5 beni, per la gioia dell equitalia. Quindi o la tua risposta non è coerente, o lo Stato stesso va denunciato perchè grava di ipoteca 4 persone oneste invece di 1 sola disonesta.
     
  4. erwan

    erwan Membro Attivo

    Articolo 2825 - Ipoteca su beni indivisi

    L'ipoteca costituita sulla propria quota da uno dei partecipanti alla comunione produce effetto rispetto a quei beni o a quella porzione di beni che a lui verranno assegnati nella divisione.

    Se nella divisione sono assegnati a un partecipante beni diversi da quello da lui ipotecato, l'ipoteca si trasferisce su questi altri beni, col grado derivante dall'originaria iscrizione e nei limiti del valore del bene in precedenza ipotecato, quale risulta dalla divisione, purché l'ipoteca sia nuovamente iscritta con l'indicazione di detto valore entro novanta giorni dalla trascrizione della divisione medesima.

    Il trasferimento però non pregiudica le ipoteche iscritte contro tutti i partecipanti, né l'ipoteca legale spettante ai condividenti per i conguagli.

    I creditori ipotecari e i cessionari di un partecipante, al quale siano stati assegnati beni diversi da quelli ipotecati o ceduti, possono far valere le loro ragioni anche sulle somme a lui dovute per conguagli o, qualora sia stata attribuita una somma di danaro in luogo di beni in natura, possono far valere le loro ragioni su tale somma, con prelazione determinata dalla data di iscrizione o di trascrizione dei titoli rispettivi, nel limite però del valore dei beni precedentemente ipotecati o ceduti.

    I debitori delle somme sono tuttavia liberati quando le abbiano pagate al condividente dopo trenta giorni da che la divisione é stata notificata ai creditori ipotecari o ai cessionari senza che da costoro sia stata fatta opposizione.
     
    A pao1955 piace questo elemento.
  5. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Io farei così. venderei l'appartamento assegnato al fratello debitore estinguendo l'ipoteca con parte del ricavato della vendita e poi procederei assegnando agli altri il loro appartamento. in pratica il notaio potrebbe fare una cosa del genere: posti 5 fratelli A, B, C, D, E si vende la casa che nel piano di divisione sarebbe stata di A creditore, il ricavato va diviso per i 5 proprietari. a questo punto B e gli altri prestano la loro quota ad A che estingue l'ipotaca e trattiene il resto. poi il notaio assegna a ciascuno degli altri il proprio appartamento dicendo che A è stato soddisfatto nei suoi diritti dall'estinzione del debito contratto all'estinzione dell'ipoteca. Non sono un notaio ma proverei a chiedere. secondo me è fattibile.
     
  6. Soluzionealdebito

    Soluzionealdebito Membro Junior

    Potresti provare a trovare un accordo con Equitalia per spostare l'ipoteca su un singolo appartamento, non è facile ed è a loro discrezione. Per fare questo probabilmente è meglio farsi assistere da un legale. Se te lo permettono potete procedere alla divisione. Di seguito una citazione:
    "Il principio di specialità esplica la sua rilevanza anche sotto un profilo temporale; nel senso, cioè, che non è consentito alle parti, a fronte di una ipoteca su di un bene determinato sostituire, per qualsiasi motivo, il bene stesso. Le parti potranno eventualmente, di comune accordo, estinguere una ipoteca per accenderne un’altra con oggetto diverso e con iscrizione che, ovviamente, prenderà data ex nunc."
    Facci sapere.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina