• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Sissi54

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
A seguito controversie intercorse in fase di separazione e divorzio e per recuperare le somme sborsate per la rata di mutuo per l'appartamento diviso al 50% con il mio ex marito, è stato pignorata ed ipotecata la sua parte. La controversia si è conclusa ed il mio ex marito ha saldato il debito con me esistente. Adesso abbiamo venduto l'appartamento ma sono sorti problemi con il notaio per la registrazione del rogito in quanto risulta NON cancellata l'ipoteca giudiziale. Si deve obbligatoriamente fare tutta la trafila giudiziaria(che tra COVID e burocrazia sarà molto lunga) oppure è sufficiente che io dichiari con atto (privato o pubblico) che il debito è stato saldato?
Grazie e distinti saluti
Silvia Spagnolo
 

BeppeX88

Membro Attivo
Proprietario Casa
A seguito controversie intercorse in fase di separazione e divorzio e per recuperare le somme sborsate per la rata di mutuo per l'appartamento diviso al 50% con il mio ex marito, è stato pignorata ed ipotecata la sua parte. La controversia si è conclusa ed il mio ex marito ha saldato il debito con me esistente. Adesso abbiamo venduto l'appartamento ma sono sorti problemi con il notaio per la registrazione del rogito in quanto risulta NON cancellata l'ipoteca giudiziale. Si deve obbligatoriamente fare tutta la trafila giudiziaria(che tra COVID e burocrazia sarà molto lunga) oppure è sufficiente che io dichiari con atto (privato o pubblico) che il debito è stato saldato?
Grazie e distinti saluti
Silvia Spagnolo
La banca deve estinguere l'ipoteca, le tue dichiarazioni valgono 0. Per cui sentite la banca e chiedete la cancellazione dell'ipoteca
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Il notaio dovrebbe sapere che la cancellazione dell'ipoteca giudiziale si ottiene solamente con la trasmissione al Conservatore di un’ordinanza del Giudice. O di un atto pubblico o scrittura privata con sottoscrizione autenticata (quindi, con un atto sottoscritto dal creditore e dal notaio).
 

Miciogatto

Membro Attivo
Proprietario Casa
Se, come scrivi, hai iscritto ipoteca (evidentemente di tipo giudiziale) e poi hai anche pignorato il suo 50% di immobile.

Il creditore ipotecario sei tu. Se il debito è estinto sei tu che devi assentire di cancellazione l'ipoteca, il notaio sa come fare.

Se il pignoramento è ancora pendente e non è stato estinto dovrai nell'ordine:

- far estinguere il pignoramento in tribunale
- con provvedimento (definitivo) di estinzione alla mano far cancellare la trascrizione del pignoramento dai registi immobiliari.

Qui prima il tuo avvocato e poi il notaio sapranno come fare.
 

studiogiardina

Membro Attivo
Professionista
A seguito controversie intercorse in fase di separazione e divorzio e per recuperare le somme sborsate per la rata di mutuo per l'appartamento diviso al 50% con il mio ex marito, è stato pignorata ed ipotecata la sua parte. La controversia si è conclusa ed il mio ex marito ha saldato il debito con me esistente. Adesso abbiamo venduto l'appartamento ma sono sorti problemi con il notaio per la registrazione del rogito in quanto risulta NON cancellata l'ipoteca giudiziale. Si deve obbligatoriamente fare tutta la trafila giudiziaria(che tra COVID e burocrazia sarà molto lunga) oppure è sufficiente che io dichiari con atto (privato o pubblico) che il debito è stato saldato?
Grazie e distinti saluti
Silvia Spagnolo
Nella situazione descritta la cancellazione dell'ipoteca giudiziale in SUO favore non è un problema per la conclusione della compravendita, bensì solo un costo.
L'atto di assenso alla cancellazione della formalità è' un semplice adempimento che svolge il Notaio stesso, anche contestualmente al rogito.
 

Miciogatto

Membro Attivo
Proprietario Casa
Nella situazione descritta la cancellazione dell'ipoteca giudiziale in SUO favore non è un problema per la conclusione della compravendita, bensì solo un costo.
L'atto di assenso alla cancellazione della formalità è' un semplice adempimento che svolge il Notaio stesso, anche contestualmente al rogito.
Ti sfugge solo un piccolo dettaglio...
è stata pignorata ed ipotecata la sua parte
A meno di errata indicazione della postante (molti non addetti ai lavori confondo i termini) abbiamo l'incognita pignoramento: la procedura è estinta? Ci sono altri creditori intervenuti? O peggio, iscritti? Speriamo di no, ovviamente.

Attendiamo aggiornamenti da @Sissi54
 

studiogiardina

Membro Attivo
Professionista
La postante riferisce il problema sia la sola mancata cancellazione dell'ipoteca giudiziale "Adesso abbiamo venduto l'appartamento ma sono sorti problemi con il notaio per la registrazione del rogito in quanto risulta NON cancellata l'ipoteca giudiziale".
Per quanto riguarda il Pignoramento, per il quale riferisce essere lei stessa il creditore c.d. procedente, se non si fosse estinta la Procedura Esecutiva (anche per eventuale presenza di creditori intervenuti) il giudizio sarebbe proceduto determinando la vendita all'asta del bene, pertanto da quanto riportato parrebbe fosse estinta.
Peraltro nel relativo provvedimento il Giudice dell'Esecuzione solitamente ordina anche la cancellazione dell'ipoteca giudiziale del medesimo creditore procedente, pertanto muniti di copia conforme del provvedimento di estinzione con timbro di non opposizione del Cancelliere il Conservatore, tramite il Notaio, potrebbe cancellare anche quella.
Diversamente il Notaio può raccogliere, come già riportato anche da altri, l'assenso del creditore (la signora stessa) alla cancellazione della formalità.
 

Miciogatto

Membro Attivo
Proprietario Casa
"Adesso abbiamo venduto l'appartamento ma sono sorti problemi con il notaio per la registrazione del rogito in quanto risulta NON cancellata l'ipoteca giudiziale".
E' una fase un po' ambigua.
Io la interpreto come "promesso in vendita" ma non riusciamo a rogitare.
Ma sembra strano che il notaio non suggerisca semplicemente l'atto di assenso, la parte venditrice è anche il creditore.

E' anche vero che se il notaio cita solo l'ipoteca e non altro potrebbe anche essere tutto ok per il pignoramento.

Ma siccome né io né te abbiamo parlato con il notaio o letto la documentazione, fin qui sono tutte nostre supposizioni, basate sul post, senza conferme non lo sapremo mai.

Però son curioso di sapere...
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto