1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    In locale al piano terra di un condominio, si rende necessaria l'istallazione di una cappa aspirante per la cucina. Il locale ha un cavedio dove esiste una cappa aspirante d'acciaio di diametro 20 cm coibentata che sembra essere stata messa sin dall'origine per l'uso di cappa aspirante fumi, nel 2005 quando tutto il condominio fu oggetto di lavori di radicale ristrutturazione.
    Nel momento in cui si pensava di utilizzarla, ci si rende conto che un condomino del piano I° ha inserito lo scarico dei gas della sua caldaia. Ora, salvo rivendicare l'uso della cappa, in caso di decisione condominiale per erigere una nuova cappa, che maggioranza condominiale si richiede?
     
  2. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    A mio giudizio, prima di domandarsi che maggioranza richiede l' erezione di una nuova cappa è necessario capire se questo lavoro interessa tutti i condòmini.

    E' possibile che alcuni possano rifiutarsi di partecipare ad una spesa per un servizio a cui non hanno mai partecipato.

    In caso la questione derivasse in una causa legale, credo che l' esito sarebbe incerto.

    Forse ti potrebbe interessare questa sentenza:

    Non occorre il consenso del condominio per la realizzazione delle opere
    Il singolo condòmino ha titolo per realizzare delle opere anche in contrasto alla volontà del condominio.
    Conseguentemente è legittimo il rilascio del permesso di costruire per un’opera a servizio della sua abitazione e sita sul muro perimetrale.
    E′ legittima la realizzazione di una canna fumaria diretta ad evitare la diffusione dei funi.
    Consiglio di Stato - sez. V - 3 gennaio 2006, n. 11
     
  3. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    MI sono espresso malamente, lavori a mio carico, con che maggioranza vengono concessi.
    Grazie
     
  4. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Mai viste cappe aspiranti di diametro 20 cm.
    Ad ogni il condòmino che ha fatto l'allaccio abusivo deve essere invitato a ripristinare la situazione, a sue spese. Motivo: sicurezza degli impianti.
     
  5. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    come jac0 anch'io credo che in primis il problema riguardi la sicurezza: Se la canna era posta in origine al solo servizio del locale, il condomino che vi si è allacciato con lo SCARICO DEL GAS (ho capito bene!!?) ha compiuto un grave abuso ed a messo a repentaglio la sicurezza del locale al piano terra. Infatti, non tutti i gas, combusti ed incombusti, prendono "le vie del cielo" per andarsene. Ci sono gas, come l'anidride carbonica che sono più pesanti dell'aria e quindi scendono saturando magari i locali e causando gravi incidenti.
     
  6. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Risposta x Giacomelli, come è possibile in una canna aspirante anche se di 20 cm. inserire la scarico del gas, l'idoneità di detta canna è incerta, un conto aspirare le esalazione della cucina un conto quelle del gas, probabilmente qualcosa non torna fammi sapere con più chiarimenti ciao adimecasa:-o
     
  7. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Grazie, ma devo farvi mettere a fuoco la vicenda, meglio. La cappa esiste da quando sono stati fatti i lavori di ristrutturazione. Il locale, un sosuschi, non mai usato la cappa, non si era ancora collegato. Ora che pensa di offrire anche cibi cotti nel fare l'allaccio ci si è resi conto che un condomino, o il "tecnico" per lui ha collegato la caldaietta. Ora sono ricorso ai vostri contributi, perchè, prima di andare a contestare, vorrei capire se rimane palese che una canna d'acciaio coibentata da diametro 20, che parte da una mia proprietà e che ha il colagrassi (sifone in rame con filtro) che scaricano da me, possa essere scambiata per un opera condominiale e attaccarsi con una caldaia.
     
  8. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Risposta x giacomelli se la caldaia è di prprietà chi ne ha avuto l'uso abusivo chicchessia l'abbia fatto deve ripristinare il tutto, ed è vietato scaricare i fumi della cal:shock:daietta in quelli della canna fumaria ?????ciao adimecasa
     
  9. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    In effetti in un locale con caldaia si praticano due fori diam. 20 cm che mettono il locale in comunicazione con l'esterno: uno in alto per i gas leggeri, uno in basso per i gas pesanti (leggeri e pesanti rispetto all'aria).
    Va poi detto, trattandosi di un sosushi e comunque di un locale commerciale, che è ben guardare anche in basso: se non c'è il separatore di grassi e se il pozzetto delle acque piovane non è distinto da quello degli scarichi delle cucine sono guai seri (almeno in futuro). E poi spurghi continui: chi paga (senza comunque risolvere il problema)?
     
  10. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Risposta x Giacomelli se la canna fumaria che vuoi fare a spese tue la puoi fare con l'art.1102 c.c. purchè non ne alteri la destinazione, ora con un tecnico qualificato fai le prove fumi e se tutto è regolare anche nel cavedio (atrio) senza nessuna maggioranza basta avvisare l'amministratore se c'è ciao adimecasa:daccordo:
     
    A Adriano Giacomelli e jac0 piace questo messaggio.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina