1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. uva

    uva Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Verso inizio luglio l'Agenzia delle Entrate mi ha notificato tre avvisi di liquidazione per imposta di registro che non ho pagato negli anni 2015 - 2016 e 2017.
    Si riferiscono ad un contratto di locazione 4 + 4 in essere da circa 10 anni, che avevo prorogato ad agosto 2015 optando per la cedolare secca (negli anni precedenti era in regime ordinario e versavo regolarmente l'imposta di registro).

    Quindi dal 2015 in poi l'imposta di registro non è dovuta.
    Ho presentato istanza di autotutela all'Agenzia delle Entrate dove avevo registrato il contratto. Allegando la documentazione in fotocopia: ricevuta della presentazione proroga con relativo mod. RLI, nel quale avevo compilato il quadro D per esercitare l'opzione; raccomandata inviata preventivamente al conduttore per informarlo dell'opzione e sospensione aumento canone a qualsiasi titolo.

    Dopo una decina di giorni ho letto sul Sole che la richiesta di riesame degli avvisi di liquidazione relativi a contratti di locazione si può fare online col servizio Civis, e l'ho fatta (anche perché l'Ufficio Agenzia delle Entrate dove avevo presentato la pratica cartacea non mi ha risposto).

    In sostanza ho presentato due pratiche per gli stessi avvisi di liquidazione: quella cartacea più completa con gli allegati; quella online più semplificata, ma penso sufficiente a chiarire la situazione.

    Ora ho il dubbio di aver sbagliato: temo che la pratica online renda inefficace quella cartacea, e alla fine nessuno mi risponda.
    Che ve ne pare? Grazie.
     
  2. basty

    basty Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Questo da te ... non me lo aspettavo :maligno:
    ... a ecco! Mi pareva.. :innocente:
    Questo rischio ... mettilo sempre in conto ..:rabbia:

    A parte gli scherzi: sii fiduciosa, la macchina (assomiglia più ad un trattore) è lenta ma prima o poi avrai soddisfazione: l'importante tu non debba chiedere un rimborso. Perche lì, aspetti, aspetti, speri, aspetti....
     
    A uva piace questo elemento.
  3. uva

    uva Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Sì, certo, ma...meglio prima che poi!

    Sugli avvisi dell'Agenzia delle Entrate c'è scritto che "la domanda di autotutela non sospende il termine per presentare ricorso al Giudice tributario".
    (Eventuale) ricorso che deve essere presentato entro 60 giorni dalla data di notifica.
    Per fortuna "il conteggio dei giorni è sospeso nel periodo che va dal 1° al 31 agosto".

    Quindi penso che una risposta all'istanza di autotutela sia comunque dovuta entro il termine per la presentazione del ricorso, altrimenti il contribuente non sa cosa fare.

    Io aspetto ancora qualche settimana, e se non ricevo nulla entro fine agosto torno all'Ufficio dell'Agenzia delle Entrate dove ho presentato la pratica cartacea a chiedere spiegazioni.

    Tra l'altro il mio inquilino, a cui ho subito comunicato il fatto, non ha ricevuto alcuna notifica. Il che mi pare strano: avevo letto da qualche parte che in caso di mancato pagamento dell'imposta di registro l'Agenzia delle Entrate si rivolge ad entrambi (locatore e conduttore) che sono obbligati in solido.
     
  4. basty

    basty Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Logico lo sarebbe. Ma sicuri che valga la logica?
    Appunto....
    .... ma pretendi pure la loro coerenza? Va be' che fa caldo ...
     
  5. uva

    uva Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Proprio oggi ho avuto soddisfazione, e in tempi più veloci di quanto mi aspettavo!
    Mi ha telefonato un funzionario dell'Agenzia delle Entrate, che si occupa delle pratiche presentate tramite Civis, dicendomi che ho ragione e provvede a correggere il loro errore.

    Però non mi convince quello che ha detto essere il motivo del loro errore.
    Secondo lui quando ho presentato il mod. RLI per la proroga quadriennale del contratto di locazione e contestuale opzione per la cedolare secca, ho fatto bene a compilare il quadro D.
    Ma avrei dovuto pure compilare il quadro C con i dati catastali dell'immobile.
    Gli ho risposto che non ho compilato il quadro C perché i dati catastali erano già stati comunicati all'Agenzia delle Entrate al momento della registrazione del contratto nel 2007. E nelle proroghe quadriennali successive (regolarmente comunicate negli anni 2011 e 2015) non li ho più scritti nel quadro C perché non sono cambiati.

    In sostanza il funzionario sostiene che quando si presenta una proroga col mod. RLI bisogna sempre (ri)comunicare i dati catastali dell'immobile.

    A me pare inutile. Perché, se non variati, sono informazioni già note all'Agenzia delle Entrate.
    Però vedrò di adeguarmi a quanto richiesto, per evitare altre loro notifiche prive di fondamento. E conseguenti perdite di tempo per farle annullare.
     
  6. basty

    basty Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Quando è doveroso riconoscere il buon servizio della Agenzia delle Entrate è giusto farlo.

    Il mese scorso io ho sbagliato a digitare la data di decorrenza di un contratto in cedolare: invece del 01/08 ho scritto 01/07: come sapete non è prevista una procedura di correzione dei RLI telematici trasmessi.

    Non ho trovato di meglio che trasmettere immediatamente la disdetta e reinvio di un nuovo RLI: ho poi segnalato l'errore via mail all'ufficio interessato dell'agenzia (in una precedente occasione avevo avuto l'email nominativa della addetta alle registrazioni).

    Pochi giorno dopo, sempre via email ho ricevuto conferma che la prima registrazione era stata annullata, con la precisazione che veniva annullato anche l'effetto sulla IRPEF (o cedolare) da me dimenticato, relativo al mese di luglio .

    Nel rispondere ringraziando per la sollecitudine, ho fatto presente che vantavo ancora un credito per un paio di imposte di registro non dovute erroneamente versate nel 2015-16. Pochi giorni fa, a distanza di una settimana una dall'altra, ho ricevuto l'accredito in banca.

    In tutte le cose, dipende sempre dalle persone, dalla loro professionalità, cortesia e correttezza: sarò stato fortunato, ma mi pare di osservare , oltre al cambio generazionale, anche una diversa mentalità negli uffici preposti.
    Spero che il tempo non guasti questa sorta di primavera.
     
    A uva piace questo elemento.
  7. uva

    uva Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Concordo.
    E aggiungo che importante per il contribuente poter interloquire sempre con lo stesso funzionario.
    Perché se la pratica inizia a "vagare" nei meandri dell'Agenzia delle Entrate da una scrivania all'altra, i tempi si allungano. E le opinioni dei vari funzionari non sempre coincidono...
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina

  1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies.
    Chiudi