1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. circum stat

    circum stat Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Buongiorno a tutti... Volevo porre una domanda alla vostra attenzione, che fa capo penso a competenze di Diritto Privato. Se una Zia deceduta, negli ultimi anni di vita fa una donazione, senza atto notarile, di denaro con bonifico dove nella causale è stato scritto "Regalo x il compleanno" alla Nipotina gli altri eredi possono esigere la somma di denaro? Premetto che il conto è cointestato con un'altra zia ancora in vita che può supportare la tesi del regalo e la zia deceduta non ha fatto testamento.
     
  2. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Certo che lo può.
    Ad ogni modo gli eredi potrebbero intervenire:
    - sul 50% essendovi cointestazione (salvo non sia provato che il dono fu del superstite cointestatario)
    - solo se saranno lesi nella loro legittima di legittimari.
    Dubito assai che una donazione di modico valore sbbia leso la loro legittima.
    Ergo: stia sereno
     
  3. circum stat

    circum stat Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    È una somma discreta. Nel caso quindi che vorrebbero esigerla potrebbero anche se costituisce un regalo?
     
  4. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Somma discreta...?
    Mmmmm è da capire cosa intende per disvreta parametrandola alla capacità del donante... Per legge le donazioni non necessitano atto pubblico solo se di modico valore
    In caso contrario la donazione sarebbe nulla e gli eredi potrebbero pretendere la restituzione sul 50% a prescindere dalla lesione della loro legittima.
    Di che cifra parliamo in rapporto alke capacità della defunta?
     
  5. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Chi sono gli altri eredi? Quale rapporto di parentela con la defunta?
     
  6. circum stat

    circum stat Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Ci sono dei limiti a livello di cifra fissati dalla legge x quanto riguarda la donazione? A prescindere dalle possibilità xchè è ovvio che in base al conto la somma costituisce sempre una piccola parte essendo un regalo. Gli altri parenti oltre alla sorella co intestataria sono un fratello e altri nipoti figli di fratelli e sorelle defunte.
     
  7. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    La legge dice donazione di modico valore possono essere anche non per atto pubblico.
    Comprende.... ?
    Ok quanto agli eredi: alcun legittimario.
    Unica strada che potranno percorrere eventuali contestatori: invocare la nullità della donazione per difetto di forma (no atto pubblico), basterà ne dimostrino il superamento del modico valore.
    Esempio: zia dona a nipote 20.000,00 euro con una pensione minima... La vedrei non bene per la nipote.
    Onere della prova a carico di chi contesta e sarà il Giudice a stabilire se vi fosse o meno modico valore.
     
  8. gattaccia

    gattaccia Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    il modico valore va valutato in base al patrimonio del donante
    quindi se il donante è molto ricco, il "modico valore" può essere anche piuttosto consistente
     
  9. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    @circum stat. Se stai tu o la tua zia per farlo...è meglio desistere, come ti hanno spiegato i predecessori. La cosa migliore e più difficile da rosicchiare per gli eventuali coeredi irrispettosi di una liberalità affettiva è ricorrere al contante ...
    "a rate"...Solo così nel silenzio della COSA scompariranno dai paraggi di questo nucleo familiare allargato le due parole violentate dal legislatore: Regalo e Dono.
    E che Dio lo maledica insieme a chi lo fa continuamente come Quiproquo.
     
  10. gattaccia

    gattaccia Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    mi pare di ricordare che il Regalo sia quello fatto al re, per "dovere"
    invece il Dono è un atto di generosità
     
  11. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Può darsi e dirsi di tutto...con sconfinamenti da ambo le parti. quindi:
    Ti dono o ti regalo un libro...un cellulare...??? Risalire alla radice è roba
    per gli intellettuali di censo e di professione...Ma gli stessi ammettono che con il tempo il significato iniziale si trasforma fino a perderne l'essenza. Poi vi è prepotente la valenza giuridica dove solo il verbo Donare è regolamentato
    con gli aspetti disumani che ho più volte evidenziato. A maggior ragione se visto come atto di generosità come da te sottolineato. Nel comune parlare i due termini
    sono fortissimamente analoghi tanto da confonderli in identico significato...
    Solo FradJACOno però è in grado di discriminare fra...poesia...bacio...abbraccio...
    pensiero...spartito musicale...raccolta di leggi...bicicletta...diamante...vacanza...
    abbonamento...o: ti dono o ti regalo un quiproquo...???
     
  12. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Come detto da @quiproquo
    Certo che se un topolino, giorno dopo giorno, rosicchiasse 100.,00 euro ed in cash li desse alla sua Cenerentola... fan 3.000,00 al mese e 36.000,00 all'anno
    Con pazienza e dedizione.....
     
  13. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ben detto Ollj...Concediamo al topolino un prelievo settimanale cumulativo di 3mila euro per 52 fanno 156mila euro...fin troppi anche per una "donazione"
    tacita...Al controllo post mortem qualcuno dirà che la decuius era dedita al gioco...
    La donataria a sua volta si guarderà bene da versare il "donatum" in banca o alla posta...Una bella coperta imbottita in fondo all'armadio di qua...un brutto quadro
    di là... un "pitale" imbrunito sotto al letto...una decina di libri stretti stretti e ben mescolati nella libreria...faranno di lei una cittadina strenua difenditrice delle
    leggi e in particolare quelle sulla Collazione-Donazione di cui racconterà in giro ogni bene possibile come fa...quiproquo!
     
  14. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Già: attenzione a come si riverserà il tutto.. attenti soprattutto a non creare un conto intestato a Cenerentola che non lavora e i cui genitori mai potrebbero assicurarle tal agiatezza...
     
  15. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ecco a cosa ci si costringe...Rendere illecito e disumano il più umano dei gesti...
    Come faccio a non odiare simile congegno e chi l'ha reso coatto??? E' possibile che non ci siano altri propisti e propiste che condividano l'indignazione verso simile crudeltà e che il lamento sia solo di Quiproquo???
     
  16. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Posso comprendere... Ma converrà con me che in assenza di tal principi si genererebbero brutte differenze tra fratelli, mogli ecc..
    Non sempre il de cuius è equilibrato.
    Personalmente preferisco il sistema occidentale a quelli anglisassone.
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  17. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ne abbiamo già parlato e constatammo come inconciliabili la mia posizione con la sua,Dimaraz,
    Todoscaballeros ( è sparito...) ad altri compreso chiaramente gli avvocati...Ma non mi tiro indietro
    e asserii che è la legge che fa litigare come abbiamo constatato continuamente sul nostro sito e non solo.
    Dal mio vissuto attingo numerosi casi di litigiosità che la legge da sola non può evitare...Ma non è questo il punto...Sostenni e ribadisco che la legge oltre ad intervenire pesantemente nella successione con o senza testamento colpisce con effetto retroattivo le scelte fatte in vita dal Decuius se difformi dai valori
    spartitori indicati dal codice civile. Serenamente dissi che vestendo i panni dei figli la legge è bella
    ( e meno male che c'è...la collazione..) nei panni del padre, nei quali mi trovo e mi ci ritrovo, N0!
    Decisamente No! da qui la inconciliabilità delle nostre posizioni...Sarà lei, se crede, a confermarmi
    se è ancora "figlio" e non ancora pienamente padre ( ???)...ma forse è anche inutile...perchè il confronto lo dovrei fare con un padre di almeno due figli/e intorno ai-70 anni...Nessuno dei propisti che si trovino in quell'età con più figli è mai intervenuto nel dibattito e quindi resto solo soletto a rimurginare sulla COSA...ma sempre pronto a mettere il dito sulla piaga ogni qualvolta che se ne
    presenti l'opportunità. Poi non voglio convincere nessuno..esprimo la mia
    sofferta e vissuta riflessione ben sapendo che non serve a nulla...La legge è quella
    e bisogna tenerne conto...Ma grazie a Dio, sia pure con tutti i pungoli ingrovigliati,
    la si può anche disattenderla...prima e durante la vita...dopo, gli eredi, se rispettosi
    dell'impostazione genitoriale ( paterna nel mio caso...) si adegueranno
    alle indicazioni ed eviteranno di dividersi e di finire davanti ai magistrati spesso
    di tutte le tre istanze. Specialmente quando il padre ha dato esempio di morigeratezza e di attaccamento estremo alla famiglia...fra cui la rinuncia personale sia del superfluo, sia del necessario secondario. Sarebbe bello leggere
    la COSA con altri propisti con le caratteristiche sopra indicate. Ma forse
    bisognerà aspettare ancora qualche lustro e nel frattempo miritiro e mi accompagno con
    FradJACOno alla sinistra del Padre...Cordialmente da qpq.
     
    Ultima modifica: 19 Febbraio 2016
  18. rita dedè

    rita dedè Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Collazione e riduzione della donazione sono leggi democratiche,devono esistere!
     
  19. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Mediamente tutte le leggi sono democratiche...quando sono l'espressione di un parlamento democraticamente eletto...Una volta approvate dalla maggioranza,
    sottoscritte e promulgate dal capo dello Stato diventano leggi con annessi diritti e doveri. Non l'ho mai messo in dubbio...Ed è un fatto su cui siamo tutti d'accordo.
    Un'altra cosa è la critica parziale o totale espressa in tutti modi lecitamente possibili...Tutti i santi giorni leggiamo di leggi che non vanno...che non hanno risolto i problemi e a volte aggravati e quindi sottoposte a critiche anche feroci.
    Quindi, ti chiedo: ho il diritto di esprimere la mia opinione che è poi una riflessione almeno di una ventina d'anni??? Tu hai già espresso più di una volta il tuo disaccordo su questa mia visione...Ti ho forse criticato??? Ho criticato gli altri
    partecipanti che come te non erano d'accordo??? Mai fatto e mai pensato...
    Sono, penso e mi comporto da democratico...rispettando uno dei fondamenti che
    dice: "Non sono d'accordo con te ma non ti impedirò mai di esprimerti pienamente".
    Questa è una delle regole basilari della democrazia che porta poi al confronto
    creativo. Poi si deve avere coscienza della propria limitatezza e affrontare i
    problemi con umiltà fino a sperare di poter cambiare opinione a fronte di
    argomenti insuperabili della controparte. Io, vorrei fare un dibattito con giuristi
    non di primo pelo proprio per sviscerare la Ratio di alcune leggi che, come queste
    due (Collazione-Donazione), mi appaiono discutibili sin da quando erano nate.
    Speravo di trovarli su Propit...Ma se ci sono hanno preferito non intervenire e
    quindi resto a rodermi con i miei dubbi che non sono certezze...Non ho altro da
    aggiungere...spero solo di insinuare un piccolo dubbio in altri Propisti che pur leggendo non intervengono al fine di stimolarli a postare un parere ben
    articolato...Grazie per l'attenzione. Quiproquo.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina