• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

VittorioPan

Nuovo Iscritto
Nella scrittura privata di compravendita é scritto che l'immissione in possesso ed il rogito devono avvenire inderogabilmente entro e non oltre il 31/01/2010. I lavori d'urbanizzazione (trattandosi di una costruzione su terreno proveniente da un P.D.L.) non sono ancora iniziati. Ho invitato la srl e per essa l'amministratore unico davanti al notaio per il rogito per il 12/04/2010 con deposito dei documenti occorrenti al notaio almeno dieci giorni prima, ma egli con altra racc.ta ha comunicato sia a me sia all'altro compratore che al notaio, che é impegnato per quella data e sarà sua cura andare dal notaio a depositare i documenti ed a comunicare la data del rogito. A tutt'oggi non solo non é andato dal notaio ma non ha neanche iniziato i lavori d'urbanizzazione che richiedono minimo 2/3 mesi di lavori ininterrotti. Posso chiedere direttamente la risoluzione della scrittura privata, avendolo io già invitato a fare il rogito, o debbo fargli unaltra messa in mora dandogli minimo 15 giorni per adempiere.
 

Ennio Alessandro Rossi

Membro dello Staff
Professionista
Consiglio procedere con un' ultima "diffida ad adempiere" impostata in questo modo:.
1. Descrizione dei fatti e degli articoli del contratto che danno il diritto alla prestazione evidenziando quanto era previsto contrattualemente e quanto verificatosi nei fatti
2. Si richiede: la esecuzione del rogito notarile di vendita presso il notaio xy in via...alle ore....del giorno (oltre 15 gg dalla raccomandata) ,
3. Concludere: "Se non adempirete alla esecuzione del contratto presso la sede del professionista sopracitato all'ora e nel giorno indicato, lo stesso si intendera' senz'altro risolto ai sensi dell'art. 1454 cc.".


Per Sua conoscenza allego testo dell' articolo dell'
Art. 1454---Diffida ad adempiere-Alla parte inadempiente l'altra può intimare per iscritto di adempiere in un congruo termine , con dichiarazione che, decorso inutilmente detto termine, il contratto s'intenderà senz'altro risolto--Il termine non può essere inferiore a quindici giorni, salvo diversa pattuizione delle parti o salvo che, per la natura del contratto o secondo gli usi, risulti congruo un termine minore---Decorso il termine senza che il contratto sia stato adempiuto, questo è risolto di diritto.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Principia ha scritto sul profilo di Gianco.
Giaco ho letto che sei professionista che lavoro fai? Potrei contattarti telefonicamente se sei in tecnico?
Buongiorno,

Chiedo a questo forum una delucidazione per un contratto di affitto casa.

Sto per affittare una casa dal 21 ottobre di quest' anno, ho optato per la cedolare secca, quando e come dovrei versare la tassa del 21% ? E poi come funzioneranno i vari versamenti per l'anno prossimo?

Vi ringrazio per la risposta
Alto