1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. arfa

    arfa Nuovo Iscritto

    Salve, nel 1990 i genitori di mia moglie hanno acquistato (da privato) un appartamento che hanno intestato a lei ed alla sorella (entrambe per il 50%), utilizzandolo come abitazione per il nucleo familiare, e tutt'ora ci vivono i suoi genitori.
    Nel 2007 mia moglie ha acquistato un appartamento (nel comune in cui risediamo, diverso da quello in cui si trova l'immobile acquistato dai suoi genitori), usufruendo delle agevolazioni per l'acquisto della prima casa. Alcuni giorni fa, l'Ufficio delle entrate le ha chiesto la differenza del 6% sull'IVA già versata perché non avrebbe potuto usufruire di quella agevolata al 4%, in quanto già nel 1990 avrebbe usufruito delle agevolazioni per la prima casa.
    Ciò che Vi chiedo è se deve necessariamente pagare o se, considerando che l'immobile cointestato con la sorella, si trova in un comune diverso e che non ne può usufruire, inquanto ci vivono i genitori, possa comunque usufruire di tale agevolazione.
     
  2. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    Se il per il primo acquisto ha usufruito delle agevolazioni prima casa (IVA al 4% anzichè al 10%), non ne poteva riusufruire fino a che non lo avesse alienato. Quindi purtroppo mi sembra legittima la richiesta dell'agenzia dell'entrate.
     
  3. La pretesa dell'erario è fondata. Infatti sul rogito del secondo acquisto tua moglie ha dichiarato di non possedere in tutto il territorio nazionale alcun immobile, anche in quota, acquistato con le agevolazioni "prima casa"...e purtroppo invece ne aveva già usufruito in precedenza. Ciao, buona giornata.
     
  4. arfa

    arfa Nuovo Iscritto

    Il primo acquisto, quello effettuato dei genitori che hanno acquistato la loro abitazione intestandola alle figlie e non a loro, è avvenuto da privato e non da costruttore, pertanto, non hanno dovuto pagare l'IVA.
    Il fatto che la casa sia abitata dai genitori non vale niente?
    Eventualmente non si potrebbe convertire a seconda casa quella utilizzata dai genitori e non quella in cui abitiamo che stando a quanto richiesto dall'erario dovrebbe essere considerata seconda abitazione?
    Ciao.
     
  5. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    Quello che ti chiede il fisco, mi sembra che sia la restituzione dei benefici ottenuti su secondo acquisto
    Ai fini delle imposte in acquisto non vale niente.
    Credo che ad oggi non si possa fare più niente.
    Avrebbe dovuto tua moglie alienare la casa acquistata nel 1990, prima di procedere all'acquisto dell'attuale sulla quale l'Ade richiede il rimborso.
     
  6. Concordo pienamente con Jrogin.
     
  7. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    La norma sanzionatoria vale nella stessa misura anche se l'immobile è stato acquistato da privato
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina