1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. sasisilu

    sasisilu Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Buon giorno a tutti. Vi espongo il mio dubbio.
    Sono sposata in separazione di beni. Mio marito possiede unicamente l'usufrutto di un appartamento la cui nuda proprietà è intestata ai due figli avuti dal precedente matrimonio. Personalmente sono proprietaria di alcuni beni immobili acquistati prima del matrimonio. E' mia intenzione, alla mia morte, lasciare a mio marito solo l'usufrutto di ciò che possiedo e la nuda proprietà a un'associazione benefica. Dato che la legittima spettante al coniuge è del 50% , il mio testamento è impugnabile? Faccio presente che mio marito è d'accordo e che non abbiamo figli.
    Grazie e buona giornata a tutti:fiore:
     
  2. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    Suo marito abita in una di queste case ?
     
    A piace questo elemento.
  3. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Se il valore "venale" dell' usufrutto è equiparabile al valore della nuda proprietà è fattibile.
    In caso contrario non si rispetterebbe la "legittima" del 50 %.
    In ogni caso tutto è "impugnabile".....
    Un aiuto per la valutazione dell' usufrutto :
    http://www.tutelati.it/usufrutto_val.htm
    :daccordo:
     
    A piace questo elemento.
  4. sasisilu

    sasisilu Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    1) Si, mio marito abita in una delle mie case
    2)Non credo che il valore "venale" dell'usufrutto possa essere equiparato al valore delle mie proprietà che si dovrebbe aggirare intorno al milione e mezzo di euro.

    Quale escamotage per ottenere lo scopo? Devo divorziare prima che sia tardi?.........:confuso:

    Grazie
     
  5. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    1-Il marito ha diritto ( a mio avviso inderogabile ) di abitazione ex art.540, 2 comma del codice civlie sulla casa coniugale . Pertanto in caso dovrà essere Lui a rinunciarvi in sede successoria
    2-A mio pare il suo problema è superabile conferendo i suoi beni in un "TRUST" istituto di tipo anglosassone recepito e compatibile con la nostra legislazione da non molto tempo : è un istituto complesso che lo scrivente ben conosce ma che essendo articolato e complesso da spiegare non è possibile sviluppare esaustivamente la problematica in questa sede o
     
    A e clara sutto piace questo messaggio.
  6. sasisilu

    sasisilu Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    :disappunto:...la cosa più semplice credo sia il divorzio perchè nè io nè mio marito desideriamo che i figli del primo matrimonio possano impugnare il mio testamento.:triste:
     
  7. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    E anticipare la donazione trattenendo per te e tuo marito l' usufrutto ?
    Mi sembra eccessivo divorziare, specie se siete ancora affettivamente legati, per conseguire quella finalità...
    :daccordo:
     
    A e clara sutto piace questo messaggio.
  8. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    E' anche una strada percorribile magari valutando anche di riservare il diritto di accrescimento dell'usufrutto al coniuge superstite . I figli del marito infatti non potrebbe tentare "azioni di riduzione o restituzione" in quanto non hanno alcun diritto testamentario sui beni della signora.

    Rimango comunque dell'idea che il TRUST sia il sistema piu' adatto; infatti nei casi del genere ( intendo: quando i beneficiari sono associazioni) si usa questo istituto perchè consente di intervenire sulla gestione attuale e futura dei beni immobili contenuti nel trust indicando chiaramente gli obbiettivi, limitando i poteri dei gestori e beneficiari, sia per indirizzarne lo scopo sia al fine di evitare l'utilizzo arbitrario e la distrazione tali beni per scopi piu' o meno leciti quando pervenissero in piena proprietà all'ente di beneficenza
     
    A piace questo elemento.
  9. sasisilu

    sasisilu Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Scusate il ritardo con cui vi rispondo e ringrazio, ma ero fuori sede.
    I vostri pareri mi sono stati preziosi ma "credo" di avere un problema........
    Ambedue le soluzioni prospettate hanno senz'altro un costo e sia mio marito che io non abbiamo una gran liquidità dato che alcuni immobili sono sfitti.
    Quale delle due soluzioni (donazione in vita o TRUST) è la più economica?
    Scusate la mia insistenza, ma il tempo stringe: io ho un cancro e mio marito è infartuato....Sarà una bella gara a chi muore prima e vorremmo che la nostra morte rappresenti un aiuto a chi continua a vivere e soffrire.:fiore:
     
  10. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Certamente la donazione il cui costo (notarile) potrebbe essere sopportato dall' ente ricevente.
     
    A piace questo elemento.
  11. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    concordo con l'ottimo Maidealista
     
    A piace questo elemento.
  12. sasisilu

    sasisilu Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Eccomi a voi per comunicarvi come è andata a finire la storia.
    Mi sono recata da un notaio che mi ha dato un'altra soluzione.
    Lasciare a mio marito solo l'usufrutto e la nuda proprietà all'associazione benefica.
    Nel caso l'usufrutto non rispetti la leggittima del 50%, è sufficiente che il "vedovo" subito dopo la mia morte faccia atto di accettazione della mia volontà testamentaria e il testamento non sarà più impugnabile da chicchessia!

    Un'altra notizia che mi ha sorpreso è che nell'ipotesi mio marito mi premorisse, i figli del suo primo matrimonio entrerebbero in successione al posto di mio marito!!!!???
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina