1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. effemme8

    effemme8 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    per richiesta di parte del condomini di :
    • lasciare inalterato l'utilizzo delle terrazze condominiali, ma concedere l'utilizzo gratuito della parte "sopra" lavatoi/ascensori (ad oltre 3 metri di altezza, raggiungibili solamente con scale) per installazione impianto-fotovoltaico a costo zero (comodato uso gratuito 20nnale )

    necessita, oltre ai 1000/1000 anche rogito notarile (non si può effettuare con delega) oppure scrittura privata registrata ...oppure è sufficiente verbale di AssembleaCondomini (1000/1000) con delega all'amministrazione (o persona fidata) per effettuare la registrazione di quanto necessita ?
     
  2. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non si capisce .... chi è che deve installare l'impianto fotovoltaico ? Un condomino solo oppure più condomini, oppure tutti i condomini ?
     
  3. effemme8

    effemme8 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    è per "ridurre" i costi condominiali dell'energia elettrica (scale/ascensore/...)
     
  4. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Se il tetto di cui parli è già proprietà comune indivisa condominiale e funge da copertura ad un'analoga proprietà comune condominiale, ritengo che l'installazione del fotovoltaico costituisca solo un'innovazione, ovvero una di quelle modifiche materiali o funzionali dirette al miglioramento, uso più comodo o al maggior rendimento delle parti comuni (tra le tante: Cass. 23 ottobre 1999, n. 11936; Cass. 29 ottobre 1998, n. 1389).
    Tale innovazione è pertanto approvabile in assemblea con la maggioranza prevista dall'art. 1136 C.C., ovvero con un numero di voti che rappresenti la maggioranza dei partecipanti al condominio e i due terzi del valore dell’edificio.
    Essendo gratis non rappresenta nemmeno un'innovazione gravosa e credo nemmeno voluttuaria.
    Unico ostacolo potrebbe essere rappresentato dall'art. 1120 c.c. che al secondo comma specifica che sono vietate le innovazioni che possano recare pregiudizio alla stabilita o alla sicurezza del fabbricato, che ne alterino il decoro architettonico o che rendano talune parti comuni dell’edificio inservibili all’uso o al godimento anche di un solo condomino.
    Su quest'ultimo punto non mi preoccuperei, sul decoro e sulla stabilità dell'impianto magari ci sarebbe da esaminare in dettaglio il progetto.
     
  5. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    Bene, quindi installazione ad uso condominiale.
    Per l'installazione ad uso condominiale bisogna far riferimento alla legge 99/09, secondo la quale per l'approvazione in assemblea di interventi diretti al risparmio energetico quali appunto i pannelli fotovoltaici, non è più necessaria la maggioranza di TUTTE le quote millesimali, bensì la maggioranza semplice delle quote millesimali rappresentate dagli intervenuti in assemblea. In altre parole, non contano i condòmini favorevoli all'intervento, bensì SOLO i loro millesimi: devono essere più di quelli dei condòmini che votano contro, sommati con eventuali astenuti.
    Risparmio energetico in condominio, basta la maggioranza ridotta - Il Sole 24 ORE
     
  6. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    chiedo scusa...ma ANNULLO questo messaggio (non conosco la funzione per cancellarlo...:confuso:)
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina