1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. gattaccia

    gattaccia Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    buongiorno, pare che sia opportuno lavare internamente i termosifoni, per aumentarne il rendimento ed evitare altri problemi
    avete esperienza in merito? grazie
     
  2. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Aumentarne il rendimento???
    Salvo abbiate chili di melma la trovo una stupidaggine.
     
  3. gattaccia

    gattaccia Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    pare di sì, li chiamano fanghi, e in una ristrutturazione abbiamo ancora qualche termosifone di ghisa tutto lavorato che vorrei tenere, avranno più di 50 anni, boh?
    non so se qualcuno li ha mai fatti lavare internamente, comunque ci sarebbe una normativa da seguire
     
  4. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Il quesito mi ha fatto venire in mente l'olio diatermico, olio che mi sembra si usi nei caloriferi elettrici. Perché si usa in luogo dell'acqua? Ha un coefficiente di scambio termico maggiore? Grazie.
     
    Ultima modifica: 29 Gennaio 2016
    A gattaccia piace questo elemento.
  5. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Perchè ha un punto di ebollizione più altro e una "latenza" superiore.
     
  6. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    Chi il lavoro c'è la lo fa, chi non c'è la se lo inventa;)
     
  7. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    1. Latenza = calore specifico
    oppure
    latenza = coefficiente di adduzione?
    2. Può verificarsi che la temperatura del fluido operativo nell'allontanarsi dalla fonte di calore sia prossima a 100 °C?
    Grazie.
     
  8. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Impara l'arte e mettila da parte, pronta ad usarla al momento opportuno. Lo studiare cose che piacciono mantiene giovani.
     
  9. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Male non farebbe...ma la questione è capire se è realmente necessario e quale la spesa.

    Posso citarti quanto accadutomi nel "mio" impianto radiante.
    Nello "scambiatore" della caldaia (una specie di radiatore presente nella caldaia a condensazione dove l'acqua per il riscaldamento cede il calore a quella sanitaria senza mischiarsi) dopo nemmeno 1 anno dalla messa in esercizio si fermavano "scaglie" di impurità(natura sconosciuta)...risultato "docce scozzesi" e caldaia in blocco(ovviamente certe cose capitano sempre nei festivi...fortunatamente abbiamo la vasca e i fornelli funzionavano).
    Intervento del tecnico manutentore che sostituisce lo "scambiatore"e suggeriva la pulizia dell'intero impianto perchè a suo dire si erano formate alghe e previa analisi delle stesse...spesa 600/1000 Euro.
    L'impianto era stato comunque trattato fin dall posa con apositi prodotti antialga.

    Ho conservatoe pulito con acqua in pressione il vecchio pezzo e per 1 anno abbondante ho personalmente sostituito il pezzo alternando i 2.

    Ormai da anni non si verificano più i problemi.

    Ps.
    Nel topic sulla caldaia a condensazione avevo dimenticato di aggiungere la questione "alghe" fra i "contro" dell'impianto radiante.
     
  10. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    1-Intesa come mantenimento della temperatura raggiunta per maggior tempo.
    2-L'olio diatermico può esere usato a temperature ben superiori ai 100C°...altrmenti basterebbe l'acqua.
     
  11. gattaccia

    gattaccia Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    ecco, a leggere le pubblicità delle ditte l'antialghe potrebbe non bastare, poichè i fanghi a lungo andare potrebbero causare problemi all'impianto e comunque abbasserebbero il rendimento sino al 20% (sic!)
    comunque dalla mia esperienza una volta si è rotta la guarnizione in basso tra un elemento e l'altro di un vecchio termosifone di ghisa (in un altro appartamento), ed è uscito un nero impressionante, abbiamo cambiato il termo (era anche bruttino)
    invece i termo di cui parlavo prima sono belli, tutti lavorati e con le "zampe", tra l'altro la ghisa tiene molto di più il calore, vorrei proprio tenereli
     
  12. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Per via della relativamente grande capacità termica (prodotto tra massa e calore specifico).
     
  13. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    I "nero" è inevitabile...ma non mi affiderei ai "disinteressati" consigli dei venditori di turno...spesso "informati" solo su cosa e come vendere e non sulle reali leggi delal fisica.

    Se hai un impianto con radiatori e/o tubi in ferro (errato uso del sostantivo..errore fatale che costò un 4 a tutta la classe) o ghisa...pulire sostituendo l'acqua (quando non serve) è dannoso per la durata dell'impianto.

    Ossigeneresti il liquido con relativa oassidazione (ruggine) dei materiali con possibili rotture (buchi)
     
  14. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    nei vecchi impianti, nei quali girava molta acqua data anche dalle misure dei tubi, capitava che depositi di sabbia e fanghi si verificassero nelle parti basse dell'impianto, nei termosifoni meno in quanto il tubo di uscita della cicolazione è in basso, però una lavata ai termosifoni che intendi riciclare non farebbe male, non dovrebbe essere nemmeno un lavoro complesso
     
  15. happysmileone

    happysmileone Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    In altro post avevo chiesto senza risposta se qualcuno in occasione dell'installazione delle valvole termostati che in un impianto centralizzato avesse fatto o meno il lavaggio dell'impianto come consigliato da alcune ditte . Avete voi forse l'informazione richiesta? Sembrerebbe che in assenza di lavaggio le valvole si deteriorino subito .....
     
  16. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    di recente ho fatto mettere in un grande condominio con il riscaldamento centralizzato delle valvole con ripartitori di calore, ma nessun lavaggio è stato fatto all'interno ai termosifoni
     
    Ultima modifica: 30 Gennaio 2016
  17. gattaccia

    gattaccia Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    ecco infatti non ho capito ogni quanti anni sarebbe consigliato il lavaggio interno
     
  18. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    secondo me si deve distinguere tra impianti "moderni" cioè realizzati con tubo di rame di piccolo diametro, poca acqua che circola velocemente nei quali i depositi sono sicuramente un evento raro che si verifica quando l'acqua di carico contiene molta sabbia e invece impianti vecchi, realizzati in tubo di ferro con diametri piuttosto grossi, molta acqua che gira più lentamente, qui i depositi sono più probabili e frequenti. In qualunque caso provvederei all'installazione di un filtro dissabbiatore al contatore dell'acqua
     
    A gattaccia piace questo elemento.
  19. vlad

    vlad Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    il mio impianto risale al 67, quindi vecchio tipo con tubi esterni ai muri delle stanze e di diametro consistente. Ho aggiunto le valvole circa 10 anni fa. Mai avuto i problemi di cui parlate e mai fatto lavare alcunchè: ho solo sostituito 9 anni fa la caldaia, funzionante, con una più "risparmiosa".
     
  20. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    Ci sono impianti che funzionano da oltre 70anni e vanno benissimo, tutto dipenda da cose si immette nelle tubazioni
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina