1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. lara11

    lara11 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Salve abito in un condominio di 5 piani con dieci appartamenti. A dicembre2017 viene fatta riunione di condominio , bilancio e previsione per lavori da fare nel 2018.,si decide che verranno rifatti gli impianti di idraulica del condominio , in effetti molto vecchie usurati, e a questo punto si chiude riunione.
    Da due giorni è affisso un foglio sulla bacheca delle scale in qui cè cosi' scritto : a breve inizieranno i lavori di idraulica, si precisa che non cè obbligo di adesione, per sapere costi e altre informazioni rivolgersi : e cè la firma di due condomini....
    Quello che io e un altro condomino non capiamo è questo: di solito per questi lavori vengono chiamate ditte dall amministratore e poi viene inviato preventivo e a seguire un foglio con il pagamento da effettuare o in un unica soluzione o a rate a seconda della spesa (per intenderci come per le rate ordinarie e come per tutti gli altri lavori fatti .)
    questo ci sembra un lavoro fatto da condomini quasi una cosa privata....è regolare? qualquno mi ha detto che in caso non si aderisca e in futuro ci fossero problemi potremmo anche asserire di non essere stati informati in quanto non cè nulla di scritto , di fatto solo questo avviso.
     
  2. Franci63

    Franci63 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Se non c”è l’obbligo di adesione significa che non sono interventi che riguardano gli impianti condominiali.
    Sul verbale dell’assemblea dovresti trovare indicazioni precise su cosa è stato deliberato.
    Poi dovresti chiedere spiegazioni all’amministratore.
     
  3. lara11

    lara11 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Garantisco che lo sono invece e sul verbale c'era scrito che sarebbero stati effettuati questi lavori nell'anno 2018 ...senza nulla di specifico...pero' se non che non vi era obbligo di adesione . quindi mi fido poco che un mio vicino mi dia cosi' a voce un preventivo senza che sia stata fatta una riunione con amministratori ,,,ecc,,,
     
  4. Franci63

    Franci63 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Se sono lavori condominiali il preventivo deve essere approvato in assemblea.
    Forse questi vicini stanno solo gestendo una fase “esplorativa”, per valutare eventuali differenti preventivi, da visionare poi in successiva assemblea.
    Chiedi all’amministratore come intende procedere.
     
  5. lara11

    lara11 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Nessuna assemblea prevista sentiro' il mio legale...
     
  6. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    in questi casi la prassi vuole che l'assemblea autorizzi l'amministratore, mettendo un limite al compenso (per esempio una percentuale sull'importo totale dei lavori oppure un compenso fisso), a nominare un professionista a fare un "progetto" completo di capitolato dei Lavori (questo dice come e dove fare i lavori) e computo metrico estimativo (fissa il tetto massimo del costo del lavoro).
    Sconsiglio di passare attraverso la scelta della candidatura di questo professionista, perché ciò comporterebbe una ennesima assemblea ed una ulteriore perdita di tempo: comunque si può fare e scegliere il professionista che chiede di meno. Invece bisogna autorizzare l'amministratore a raccogliere i soldi per pagare il professionista.
    Seconda fase: fare una assemblea per approvare i lavori suggeriti e gli importi massimi stabiliti dal progettista: si possono approvare tutti o solo in parte. Approvando i lavori l'assemblea deve autorizzare l'amministratore ad emettere i bollettini per fare il fondo cassa per pagare i lavori commissionati. Il capitolato dei lavori approvati dalla assemblea andranno inviati a delle imprese sia da parte dell'amministratore che da parte dei condomini medesimi sollecitando una loro offerta entro una certa data stabilita dall'assemblea. Nella medesima assemblea bisognerà nominare il Responsabile dei Lavori (generalmente l'amministratore), il Direttore dei Lavori (generalmente il Progettista) ed il Coordinatore della Sicurezza: bisognerà invitare diversi professionisti ad inviare le loro richieste di onorario per esplicare le funzioni previste per le figure professionali.
    Dopo questa data si deve indire una nuova assemblea per esaminare le offerte per scegliere la più bassa oppure l'offerta media oppure l'offerta dell'impresa che da maggiori garanzie di serietà. Ugualmente per i professionisti e quindi altra autorizzazione della assemblea ad emettere i bollettini per pagare gli onorari.
    Una volta raccolti i soldi l'amministratore inviterà l'impresa e le figure professionali necessarie ad iniziare i lavori.
    Come vedi l'assemblea è sovrana i condomini "consultori" sono pericolosi perché se sbagliano qualcosa non sono responsabili di nulla ed invece il condominio paga.
     
  7. lara11

    lara11 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Io sono perfettamente d' accordo il problema è che invece questa è un iniziativa a quanto pare autonoma, l'unica cosa è che i promotori -inquilini di questa operazione, hanno fatto è stato informare l'amministratore, per il resto hanno consultato un idraulico per conto loro e si sono fatti fare un preventivo che andava bene a due inquilini e poi hanno affisso un foglio in bacheca con scritto chi vuole aderire chieda informazioni a tizio e caio , sottolineando che non vi è obbligo di adesione ,,,pero' sai un domani qualquano puo' sempre sostenere di non essere stato informato ( visto dove hanno affisso il foglio ..lasciamo perdere che se non passi di li' non lo vedi nemmeno), come mi diceva una mia amica che tra l'atro è avvocato , tanto piu' che abbiamoi un inquilino che è sempre fuori città per lavoro...non mi piace per nulla..
     
  8. Franci63

    Franci63 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    ere al legale, ti conviene sentire l’amministratore , per capire come si sta muovendo.
    Le iniziative dei singoli non dovrebbero aver nessun valore , se , come hai specificato, si deve intervenire su parti condominiali.
    Fatti spiegare bene quali lavori intende fare, e come pensa di scegliere la ditta da incaricare.
     
  9. lara11

    lara11 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    No non mi sono spiegata: due condomini hanno deciso autonomamente e si sono fatti fare un preventivo che andava bene a loro da una ditta scelta da loro , dopo di chè anno affisso in bacheca condominiale un foglio dicendo che chi era interessato ai lavori poteva chiedere info e costi ai due inquilini che si sono mossi autonomamente semza consultare l amministratore ( che di fatto è stato solo informato dei lavori) , dopo di chè costi e altro sono di fatto stati approvati da questi due e se agli altri condomini va bene ok altrimenti se pè troppo ciao ciao...noi li facciamo lo stesso e voi no ,,,ma a sentire un amica avvocato un domani chi non partecipa potrebbbe anche contestare ( ad esmpio dicendo :a me non lo ha detto nessuno! in quanto non esiste nulla di scritto in maniera formale.
     
  10. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    se è così devi diffidare l'amministratore di acconsentire a due condòmini di ripararsi il tratto di tubazione condominiale che transita nella loro proprietà.
     
    A Franci63 piace questo elemento.
  11. Franci63

    Franci63 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Concordo, nessun condomino può intervenire sulle parti condominiali autonomamente,se non c'è urgenza.
    Forse l’amministratore va cambiato, se non è in grado di gestire il condominio al meglio, e lascia fare.f
     
  12. lara11

    lara11 Membro Junior

    Proprietario di Casa
    quest' inverno abbiamo avuto un problema con acqua che non si è piu ' ripresentato e la causa erano le tubazioni un po' vecchiotte ma sinceramente io e un altro pensavamo che questo lavoro venisse fatto dall' amministratore come tutto il resto....anche perchè cio' che mi interessa sapere è se un domani chi non partecipa ai lavori decisi da questi due avesse un problema di tubazioni cosa deve fare ...
     
  13. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    mi sembrava di essere stato chiaro: i lavori di competenza condominiale, perché sono comuni, si decidono solo in assemblea con le dovute maggioranze. I lavori privati ognuno se li gestisce secondo le proprie finanze fino al limite di non creare "danno potenziale" alle persone ed alle proprietà degli altri. Questo limite vale anche per il condominio tanto è vero che l'amministratore può far eseguire i lavori di messa in sicurezza delle parti condominiali senza aspettare la delibera della assemblea quando ricorrono queste condizioni.
    Quale problema possano generare le tubazioni dell'acqua sono legate alle possibili correnti vaganti che possono bucare dall'esterno una tubazione. L'interno delle tubazioni di acqua sono come le noci di cocco spaccate: presentano un rivestimento interno, dovuto al calcio presente nell'acqua che si deposita sulla parete interna, che fa da protezione.
     
  14. lara11

    lara11 Membro Junior

    Proprietario di Casa
     
  15. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    @lara11 c'è il c.c. modificato dalla legge n.° 220/2012
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina