1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. cleopatra 1

    cleopatra 1 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Gentili utenti,dovrò effettuare lavori di ristrutturazione nel mio appartamento. Oltre a comunicarlo all’amministratore,dovrò anche consegnargli la nuova piantina dell’appartamento che verrà modificato rispetto a come era precedentemente ai lavori? Grazie per la gentile risposta
     
    A Daniele 78 piace questo elemento.
  2. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Le cose stanno su due piani ben distinti.
    All'amministratore comunicherai che intendi fare lavori, ordinari o straordinari che sia, dal giorno al giorno, tutto ciò per avvisare che ci sarà rumore, disagi, necessità di staccare alcuni impianti.
    Con il tuo professionista hai un obbligo di comunicare al Catasto e al Comune e via dicendo agli organi preposti, la nuova planimetria e la nuova suddivisione che darai alla tua unità.
    Al tuo specifico riferimento di dare all'amministratore la nuova piantina, non gli compete se resti nella tua proprietà, viceversa se ti sei inglobata proprietà terze o hai necessità di suddividere due unità in percentuali diverse, o ti fai la nuova ripartizione delle unità esistenti o con lui collabori a questo dato.
     
    A cleopatra 1 piace questo elemento.
  3. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    REGISTRO DI ANAGRAFE CONDOMINIALE previsto dall'articolo 10 della Legge 220/2012 (che sostituisce l'articolo 1130 del Codice Civile) il quale, fra i doveri dell'Amministratore, e le conseguenti obbligazioni dei Sigg. Condòmini, al punto 6) testualmente recita: “6) curare la tenuta del registro di anagrafe condominiale contenente le generalità dei singoli proprietari e dei titolari di diritti reali e di diritti personali di godimento, comprensive del codice fiscale e della residenza o domicilio, i dati catastali di ciascuna unità immobiliare, nonché ogni dato relativo alle condizioni di sicurezza. Ogni variazione dei dati deve essere comunicata all'Amministratore in forma scritta entro sessanta giorni. L'Amministratore, in caso di inerzia, mancanza o incompletezza delle comunicazioni, richiede con lettera raccomandata le informazioni necessarie alla tenuta del registro di anagrafe. Decorsi trenta giorni, in caso di omessa o incompleta risposta, l'Amministratore acquisisce le informazioni necessarie, addebitandone il costo ai responsabili.

    Read more: http://www.elabor.eu/documenti-a-ri...stro-anagrafe-condominiale.html#ixzz2tmNEr3k3

    Se sono stati effettuati lavori di ristrutturazione, era necessario il rispetto di tutti i requisiti di sicurezza. Pertanto: variazione; conseguenza: comunicazione.
    (parere mio).
     
  4. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Ma la planimetria no, anche in nome della Privacy.
     
    A bolognaprogramme piace questo elemento.
  5. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Cannonau e Vermentino.
    In questo frangente sì. :risata:
     
  6. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Non sei obbligato a consegnargli le planimetrie catastale (visto che c'è la privacy a meno che tu stessa non voglia farlo) e comunale dell'alloggio. Sicuramente avrai una variazione degli estremi catastali e delle rendite quello si. Al massimo gli consegni la visura catastale che ha tutti i dati che servono all'amministratore visto che comunque chiunque può farsela.
     
    A cleopatra 1 piace questo elemento.
  7. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Per @JERRY48: Però nel D.L. 23.12.2013, n. 145, Art. 1, c. 9, si dice che
    • "La riforma della disciplina del condominio negli edifici, di cui alla L. 11.12.2012, n. 220, é integrata come segue.....
    ...- Condizioni di sicurezza delle sole parti condominiali: modificato l’art. 1130, c.1, n. 6 del Codice Civile per specificare che nel registro di anagrafe condominiale deve essere contenuto ogni dato relativo alle condizioni di sicurezza, ma solo delle parti comuni dell'edificio (e non delle singole unità immobiliari); ..."
    Quindi direi che sulla sicurezza niente va detto all'amministratore. O è già cambiato tutto per l'ennesima volta?????:shock:
     
  8. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    @Elisabetta48
    Dispositivo dell'art. 1130 Codice Civile

    FontiCodice CivileLIBRO TERZO - DELLA PROPRIETÀTitolo VII - Della comunione (Artt. 1100-1139)Capo II - Del condominio negli edifici
    L'amministratore, oltre a quanto previsto dall'articolo 1129 e dalle vigenti disposizioni di legge, deve:
    1) ....
    2) ....
    3) ....
    4)....
    5) ....
    6) curare la tenuta del registro di anagrafe condominiale contenente le generalità dei singoli proprietari e dei titolari di diritti reali e di diritti personali di godimento, comprensive del codice fiscale e della residenza o domicilio, i dati catastali di ciascuna unità immobiliare, nonché ogni dato relativo alle condizioni di sicurezza. Ogni variazione dei dati deve essere comunicata all'amministratore in forma scritta entro sessanta giorni. L'amministratore, in caso di inerzia, mancanza o incompletezza delle comunicazioni, richiede con lettera raccomandata le informazioni necessarie alla tenuta del registro di anagrafe. Decorsi trenta giorni, in caso di omessa o incompleta risposta, l'amministratore acquisisce le informazioni necessarie, addebitandone il costo ai responsabili;
    7)....
    8) ....
    9) ....
    10)....

    Ho letto l'art. 1130, c. 1 n. 6 del c.c. ed era uguale.

    Ho letto il portale dell'Emilia Romagna E - R Consumatori e riportava la stessa cosa.
    Boh!!!
     
  9. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    Si però il 9 gennaio scorso Ennio Alessandro Rossi aveva postato queste novità legislative in vigore dal 24 dicembre
    http://www.propit.it/threads/dl-145...li-ape-integrazione-riforma-condominio.29859/

    Le condizioni di sicurezza delle quali si doveva preoccupare l'amministratore diventavano solo quelle condominiali, non quelle dei singoli proprietari. Se non è cambiata ancora... sembrerebbe l'ultima in vigore. Boh
     
    A JERRY48 piace questo elemento.
  10. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non giriamo intorno al problema. Fissiamo una volta per tutte che la planimetria non si fornisce. La variazione dei dati è riferita ai dati catastali che sicuramente si variano, così come variazione dei singoli titolari di diritti. Ricordiamoci che l'amministratore risponde sulle parti comuni e basta. E per questo gli è indispensabile chi ha diritti sulle parti comuni. Non diamogli altro potere sugli individui
     
    A Adriano Giacomelli e cleopatra 1 piace questo messaggio.
  11. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Hai ragione Elisabetta:
    "6) curare la tenuta del registro di anagrafe condominiale contenente le generalità dei singoli proprietari e dei titolari di diritti reali e di diritti personali di godimento, comprensive del codice fiscale e della residenza o domicilio, i dati catastali di ciascuna unità immobiliare, nonché ogni dato relativo alle condizioni di sicurezza. ogni variazione dei dati deve essere comunicata all'amministratore in forma scritta entro sessanta giorni. L'amministratore, in caso di inerzia, mancanza o incompletezza delle comunicazioni, richiede con lettera raccomandata le informazioni necessarie alla tenuta del registro di anagrafe. Decorsi trenta giorni, in caso di omessa o incompleta risposta, l'amministratore acquisisce le informazioni necessarie, addebitandone il costo ai responsabili;".
    (fonte IlSole24Ore)

    Per sbaglio ho ripostato l'art. vecchio e non quello modificato.
    Quindi dati relativi alla sicurezza delle parti condominiali.

    Hai una memoria più buona della mia.:fiore:
     
    Ultima modifica di un moderatore: 19 Febbraio 2014
    A Elisabetta48 piace questo elemento.
  12. Elisabetta48

    Elisabetta48 Membro Assiduo

    E' solo che io avevo accolto quel post che illustrava la novità legislativa con molto sollievo. Personalmente avevo solo autocerificato agli amministratori che tutto era in regola, ma qualcuno aveva chiamato appositamente dei tecnici per avere le certificazioni o aveva fatto fare dei lavoretti per poterle avere. Il tutto, dal 24 dicembre in poi, per niente... Fare e disfare...
     
  13. cleopatra 1

    cleopatra 1 Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Non sarebbe infatti giusto Consegnare la planimetria, perchè ptrebbe essere copiato il progetto!!!
     
  14. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    La planimetria da' modo di conoscere la casa a chi ruba. Può essere manomessa. Insomma rientra nei dati sensibili protetti dalla legge
     
    A Daniele 78 piace questo elemento.
  15. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Non è questo il problema. Uno potrebbe essere quello postato da arciera (per quanto riguarda i furti). Copiare un progetto su unità differenti non avrebbe senso ne tanto fattibile.

    No questo no, a meno che chi lo fa lavora per l'Ade e gestisce il cervellone dove sono caricate tutti i dati catastali. Le variazioni delle planimetria possono essere fatte esclusivamente dal tecnico incaricato dal proprietario. Esiste poi il caso in cui l'Ade o il Comune chiedano al proprietario (tramite lettera) di aggiornare le rendite oppure per planimetria difforme dal progetto comunale (quindi rifare il Docfa con tanto di planimetria). Se il proprietario dovesse ignorarla allora l'Ade procederebbe d'ufficio a riaccatastare con spese a carico del proprietario.
     
    Ultima modifica di un moderatore: 20 Febbraio 2014
  16. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Hai ragione. Certo è che la questione della privacy sulle planimetrie la comprendo poco. E' così sicuramente, ma oltre a conoscere l'esatta ubicazione delle stanze (mettiamo in ville ricche e padronali) potrebbe facilitare il lavoro del ladro, più di qua però non capisco
     
  17. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Sicuramente sapere che chiunque (senza il tuo consenso) possa farsi le visure delle planimetrie altrui, non so quanto farebbe piacere al proprietario dell'immobile interessato. A me non piacerebbe, però non mi piace neanche ledere diritti altrui.
     
  18. ildege

    ildege Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Salve, un mio amico sta ristrutturando il suo appartamento dove deve spostare solo un muro spalletta ed un termosifone, volevo chiedervi se serve dichiarare l'inizio lavori e come si fa, (la casa è a Milano) oppure conviene fare l'accatastamento successivamente? grazie in anticipo.
     
  19. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    deve chiedere ad un professionista di Milano, credo che basti una D.I.A in variazione alla concessione originaria ,ma Comune che vai usanza che trovi.
    Prima si aggiorna con pratica edilizia e dopo entro 30 giorni dal termine dei lavori presenti il Docfa all'Ade.
    Ovviamente dovrà avere la certificazione di conformità dell'idraulico per il termosifone da consegnare in Comune.
     
  20. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Avanti un altro (mi sa che mi tocca fare l'usciera!)
     
    A Daniele 78 e JERRY48 piace questo messaggio.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina