1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. jef

    jef Nuovo Iscritto

    Ciao a tutti
    vi spiego la mia situazione.
    Sono un nipote che vorrebbe vorrebbe andare a vivere in uno dei due appartamenti di mio nonno.
    Siccome l'appartamento in questione necessita di lavori di ristrutturazione importanti e lo stato dell'immobile ad oggi personalmente lo ritengo “non abitabile”. Vorrei mettermi nella condizione migliore possibile per garantirmi la proprietà del bene, evitando così di investire nei lavori di qualcosa che non mi appartiene.
    Di fatto la proprietà dell'immobile si concretizza, a causa di successione legittima dopo la scomparsa della nonna comproprietaria del bene, nel seguente schema:
    nonno 75%
    figlio di mio nonno (mio padre) 12,5%
    secondo figlio di mio nonno (mio zio) 12,5%

    La donazione tendo ad escluderla per i soliti contro che essa presenta …
    La compravendita ovviamente che mi farebbe divenire titolare di tutti i diritti che mi interessano ha il piccolo contro di essere assolutamente inaffrontabile da un profilo economico da parte mia (anche ai minimi legali necessari ai fini del contratto).:disappunto:

    Ha senso secondo voi rischiare iniziare i lavori (l'unica cosa che posso permettermi) in una situazione di questo tipo ?
    Esiste qualche tecnica di trasferimento della proprietà inattaccabile dagli eredi che non preveda l'intera liquidazione nella compravendita ?
    Accetto qualsiasi suggerimento STRATEGICO che non abbia già elencato …

    grazie
     
  2. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Mi dispiace ma non credo esista soluzione al tuo problema. l'unica cosa che forse potresti tentare è di far fare i lavori agli attuali proprietari che vedranno comunque rivalutarsi il bene. In caso contrario, se non volessi correre il rischio di perdere i miei soldi, mi asterrerei da qualunque azione e me ne andrei in affitto. spenderei lo stesso i miei soldi ma eviterei di inacidirmi. Considera poi che non sei tu ma tuo padre l'erede di tuo nonno e che una volta risolto il problema dell'eredità del nonno bisognerà affrontare quella di tuo padre.
     
  3. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    A meno che i rapporti tra familiari sono d'affetto ed esistendo tanto più due appartamenti, per cui lo zio sarebbe tacitato, può sempre chiedere così come lo ha spiegato a noi, questo permesso al padre e allo zio, che tanto avranno questi due appartamenti. Certo è che Jef godrà da subito il bene, ma se deve spendere dei soldi per risistemarlo, il padre e lo zio godranno di due abitabili appartamenti da dividere con più facilità
     
  4. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Le cose, ammesso che siano idilliache come mi auguro cambiano facilmente quando si arriva al punto di dividere. e questo senza considerare che il nonno potrebbe vendere la sua quota domani..
     
  5. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    e mica c'è solo, come vedete, il dottor sottile. C'è anche la dottoressa sottile. Insomma lui sa come si possono sistemare le cose. Già parlarne è un fatto che lascia un segno. poi...se non considerano la parola data..
     
  6. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Guarda che non si tratta di essere il dott o la dott.ssa sottile, questo forum è stracolmo di problemi causati da persone fratelli, mariti, figli, nonni etc etc che hanno detto una cosa prima e non l'hanno fatta poi. del resto jef vuole cautelarsi con una soluzione inattaccabile dagli eredi. se non avesse avuto paure, dubbi, titubanze non avrebbe neppure scritto. ti pare?
     
  7. jef

    jef Nuovo Iscritto

    Ad arciera l'esperienza altrui mi ha insegnato che le condizioni sono mutevoli, non è solamente una questione di rapporti, ma gli imprevisti anche solo di natura economica possono ribaltare completamente i progetti anche se i rapporti familiari restassero idilliaci ... vado a giocarmi i miei sudatissimi risparmi: non ci può essere margine d'errore su situazioni non dipendenti da me quantomeno.

    Ad arianna26 Mi dispiace ma non credo esista soluzione al tuo problema. Non iniziamo benissimo :occhi_al_cielo:
    credevo ci fosse una qualche soluzione che per inesperienza non stessi prendendo in considerazione.
    La situazione che mi ha fatto venire questo dubbio è l'aver sentito più volte in giro che " mi hanno intestato la casa" uscito di bocca a qualche figlio/a o nipote con una certa facilità, e avendo dato una letta alla donazione come alla compravendita, non mi spiego quale sia il contratto intercorso tra le parti per ottenere questo risultato del trasferimento della proprietà con soggetti beneficiari in situazioni economiche simili alla mia se non economicamente più deboli ...
    Avete qualche spiegazione plausibile ?
    Vi rigrazio entrambe/i :daccordo:
     
  8. jef

    jef Nuovo Iscritto

    At arciera l'esperienza altrui mi ha insegnato che le condizioni sono mutevoli, non è solamente una questione di rapporti, ma gli imprevisti anche solo di natura economica possono ribaltare completamente i progetti anche se i rapporti familiari restassero idilliaci ... vado a giocarmi i miei sudatissimi risparmi: non ci può essere margine d'errore su situazioni non dipendenti da me quantomeno.

    At arianna26 Mi dispiace ma non credo esista soluzione al tuo problema. Non iniziamo benissimo :occhi_al_cielo:
    credevo ci fosse una qualche soluzione che per inesperienza non stessi prendendo in considerazione.
    La situazione che mi ha fatto venire questo dubbio è l'aver sentito più volte in giro che " mi hanno intestato la casa" uscito di bocca a qualche figlio/a o nipote con una certa facilità, e avendo dato una letta alla donazione come alla compravendita, non mi spiego quale sia il contratto intercorso tra le parti per ottenere questo risultato del trasferimento della proprietà con soggetti beneficiari in situazioni economiche simili alla mia se non economicamente più deboli ...
    Avete qualche spiegazione plausibile ?
    Vi rigrazio entrambe/i :daccordo:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina