1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. akillea

    akillea Ospite

    ...come tentare di liberarsi di una quota (un terzo) di un'immobile libero ereditato? magari svendendolo? oppure esistono sistemi adottabili? vorrei liberarmi per sempre di questo onere ma non so come metterlo in atto....l'altro proprietario del rimanente non vuole acquistarlo.
     
  2. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    E' il classico caso in cui bisogna "premere" ai fianchi e mediare allo stesso tempo. Non conosco il tuo caso e i rapporti intercorrenti, ma se la situazione è bloccata muro contro muro io agirei:
    A) Migliore avvocato del luogo e che abbia voglia di assisterti.
    B) Trovare un cavillo legale per trattare, con il quale cogliere i 2/3 in difetto, per richiedere l'applicazione dei tuoi diritti di 1/3, per mettere a reddito il tuo 1/3 (affitto della tua quota), insomma creare un punto di difficoltà ai 2/3 di proprietà
    C) trovare la mediazione per farti liquidare o acquistare tutto.
    Buon lavoro
     
  3. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    e se non ci riesci neanche in questo modo l'unica alternativa e' chiedere la vendita giudiziale.
     
  4. akillea

    akillea Ospite

    la vendita giudiziale che cosa comporta e si può fare senza avvertire il coerede?e se volessi fare una donazione ad un'ente o associazione, questi enti possono rifiutarsi ? siccome la faccenda è complicata e sicuramente la parola avvocato per me è censura ...mi sto lambiccando a livello cerebrale su questa faccenda,a me non interessa il guadagno ma solamente liberarmi della quota,ho solo spese.
     
  5. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Akillea, sei una persona per bene, ma con lucidità hai un "obbligo" verso la tua quota di proprietà, e se vogliamo il suo valore appartiene a te e ai tuoi figli se li hai. Per cui, avvocato, non vuol dire andare in tribunale, potrebbe solo scriverti le minute delle lettere, indirizzarti a richiedere documenti di tua spettanza, guidarti nelle cose da dire, da richiedere ecc.. Non è detto che tu debba arrivare ad uno scontro, ma una serena puntualizzazione dei tuoi diritti. Se hai solo spese, tra le righe, ti suggerirei di non pagarle, metterai gli altri nella condizione di innescare una procedura per rivalersi su di te.
     
  6. akillea

    akillea Ospite

    scusi caro adriano,le dirò che ho provato a non pagare le spese condominiali e mi è arrivato una bel decreto ingiuntivo dal tribunale e si sa con tanto di spese ecc,è questo che intende?e x questo decreto mi sono rivolta ad un avvocato specifico sulle questioni immobiliari che mi ha detto che dovevo pagare,e allora? come si può rifiutarsi di farlo? se qualcuno va a vedere vede che la quota è a mio nome e dei miei figli per successione quindi le spese ci arrivano comunque P.S. AVVOCATI? no grazie ho già dato:disappunto:
     
  7. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Pardon, non so cosa aggiungere. Auguri.
     
  8. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Assolutamente no.

    Dovranno fare una delibera di accettazione.
    :daccordo:
     
    A Adriano Giacomelli piace questo elemento.
  9. akillea

    akillea Ospite

    allora,io devo avvertire il coerede che voglio vendere la mia parte tramite tribunale,ma il coerede ha il diritto di fare la successione senza avvertire gli altri e chiedere se questi la vogliono accettare o rinunciare? a me è andata così,, saluti credo che la vendita giudiziale comunque si faccia se ci sono dei debiti qui non ci sono, c'è solo questo immobile diviso in parti sul quale non ci si mette d'accordo per venderlo,neanche tramite agenzia e non aggiungo altro perchè il caso è ingarbugliato , mi sono resa conto che comunque si vorrebbe sapere come comportarsi da profani in materia,ma di fronte ai fatti poi si è soli nelle decisioni,un saggio diceva: se non sai decidere,non decidere,forse è la cosa migliore.......ad ognuno i propri guai ...terreni
     
  10. AlbertoF

    AlbertoF Ospite

    provo ad entrare nella questione senza alcuna pretesa: ma potresti consultare il tuo avvocato ed esaminare con lui se la tua attuale qualifica di erede ha ancora i requisiti ed i presupposti per, eventualmente .rinunciare alla eredità.
    ciao
     
  11. akillea

    akillea Ospite

    grazie ma no,l'eredità è stata fatta con accettazione di beneficio d'inventario,in successione al marito deceduto,la quota è dell'immobile dei suoi genitori deceduti spettante a lui per un terzo e ora in successione a me e ai figli
     
  12. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ciao Akillea
    mi dispiace per la situazione in cui ti trovi e visto che non vuoi avvocati provo a dirti quello che so.
    1) il 1/3 di cui parli non è solo tuo, è tuo e dei tuoi figli in quanto anch'essi eredi del padre;
    Figli minorenni:
    2a) per qualunque azione, vendita, donazione o altro serve il consenso del giudice tutelare che ti aiuta nella gestione dell loro patrimonio;
    3a) difficilmente un giudice autorizza una donazione a carico di minorenni perchè difficilmente avalla diminuzioni del loro patromonio a meno che il genitore non dimostri l'impossibilità di mantenerli e/o di pagare le spese scolastiche e/o le cure mediche;
    Figli maggiorenni
    2b) possono decidere liberamente della loro quota;
    3b) possono decidere di donare
    in questo caso se vostro unico desiderio è eliminare queste spese potete:
    A) donare ad un ente benefico che se accetta, provvederà in seguito con il suo ufficio legale a risolvere il problema con il comproprietario per mettere a reddito il bene o lo terrà nel suo patrimonio immobiliare;
    B) donare al comproprietario, ma mi sembra premiarlo.
    Tenete però conto del fatto che, se la memoria non mi inganna, la donazione prevede oltre alle spese notarili il pagamento di tasse non proprio irrisorie che, sempre se non erro, vanno pagate dal donante il quanto il donatario deve aver un mero beneficio. in merito a ciò, potresti chiedere ad un notaio e poi decidere a ragion veduta.
    PS: ma il coerede rifiuta anche di affittare il bene? di solito nessuno rifiuta qualche euro in più...
     
  13. Marco Costa

    Marco Costa Membro dello Staff

    Salve,
    mi aggiungo a fare ipotesi ....forse tra le tante trovi quella giusta.... ;) ;)
    se non e' possibile suddividere l'immobile in terzi, invierei una raccomandata prima chiedendo la definizione dei mesi in cui avrei diritto di utilizzo totale di tutto l'immobile , se non ho risposta una seconda in cui dichiaro quali mesi ho scelto e se entro 8gg non ho risposta li ritengo accettati ... e poi la affitto per 4 mesi oppure la lascio in comodato d'uso gratuito sempre per 4 mesi l'anno
    (almeno rientri delle spese Condominiali)
    saluti Marco
     
  14. akillea

    akillea Ospite

    vi ringrazio tutti delle risposte,le ipotesi sono sulla carta,il comproprietario vorrebbe vendere ma a modo suo (esclusiva e prezzo da lui definito) comunque l'immobile è datato, zona non proprio ideale e quindi difficile da collocare,noi abbiamo offerto al coerede di acquistare la ns quota ma ha rifiutato per mancanza di fondi,tra l'altro come dicevo ci sono complicazioni, a parte la ns quota già divisa tra io e i figli x un nono a testa,ma i figli hanno rinunciato all'eredità della nonna defunta,per tutti questi motivi , quindi su questo immobile permane una parte al momento "vacante",insomma ho fatto e interpellato avvocato ecc,ora mi pare che dovrò forzatamente lasciare così come è la faccenda e comunque non si può costringere nessuno a fare ciò che non vuole,spese eh gravose, sono già 3 anni passati,che vi dico,sono solo amareggiata e contrariata,le eredità a volte non sono un bene ma una bella aggravante sulle spalle. se volete,considerate il fatto che di quell'immobile non abbiamo neanche l'accesso perchè non in possesso delle chiavi ahaha.saluti
     
  15. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    il prezzo da lui definito è così basso? se non vuole acquistare lui e la casa è poco appetibile forse è un prezzo realistico. e allora vendi! per poco che sia ricavi qualcosa e ti liberi delle spese.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina