1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. alfietto

    alfietto Membro Attivo

    Buongiorno,
    ho presentato copia della denuncia di successione alle Poste x riscuotere il saldo del libretto di risparmio co-intestato.
    Il direttore mi ha detto che ci vorranno 2 o 3 mesi per i controlli.
    Ma di che controlli si tratta?
     
    A Rosaria lapenta piace questo elemento.
  2. giogiolu

    giogiolu Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Domando:
    -è stata semplicemente presentata la dichiarazione di successione o anche la richiesta di incasso?
    -chi ha presentato la domanda è l'unico erede?
    -il libretto è stato emesso dallo stesso ufficio Poste Italiane dove si intende riscuoterlo?
    Per esperienza passata, se niente è cambiato l' iter dovrebbe essere questo:
    -presentazione copia successione
    -richiesta di incasso presentata dall' erede o da uno in caso gli eredi siano più di uno
    -presentazione di copia doc. identità e CF del beneficiario (o beneficiari)
    -presentazione di atto notorio (rilasciato dal Tribunale, non dal Comune) , se la cifra supera il valore di Euro ? (non ricordo)
    -richiesta di autorizzazione al pagamento da parte dell' Uff. cui è stata presentata la domanda all' Uff. che l' ha emesso.
    -dopo il benestare l' ufficio provvederà al pagamento al successore o ai successori.
    Nel caso che i successori siano più di uno la riscossione avverrà alla presenza contestuale di tutti i successori.
    Ritengo che il tempo necessario dichiaratato per la riscossione sia dovuto al fatto che il libretto non sia stato emesso dallo stesso l' Uff. cui si è presentata la domanda.
    Altrimenti non ne vedo una ragione....
    Comunque in bocca al lupo! Per l' esperienza passata....."Ufficio Postale cui ti rivolgi usanza che trovi"
     
    A pesco piace questo elemento.
  3. alfietto

    alfietto Membro Attivo

    Grazie,
    La domanda è stata presentata li dove è il libretto anche se la successione riguarda anche vari BFP emessi da vari uffici.
    Il direttore mi ha avvisato che se sono stati prelevati soldi dopo il decesso del de cuIus l'AdE potrebbe sanzionare.
    La qual cosa mi sembra incredibile visto che, secondo me, è una questione tra eredi.
    Che cosa ne pensi?
     
  4. giogiolu

    giogiolu Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Certamente per i BFP il Dir. dovrà chiedere benestare agli uff. che li hanno emessi, ma forse anche all' Ente (CDP ?): da qui tempi che ti sono stati preannunciati.
    Libretto cointestato: al de cuius e poi a chi? ad altro erede o cosa ?
    Va verificato se, nel caso ci siano stati prelevamenti dopo la morte del de cuius chi li ha effettuati ne abbia avuto titolo e in che misura.
    Penso comunque, per avere tutti, anche il Forum, le idee più chiare, dovresti esporre per intero la questione. Cosa intendi per "AdE"?
     
  5. alfietto

    alfietto Membro Attivo

    Il libretto cui mi riferisco era intestato al coniuge e ad un figlio.
    il libretto era a firme disgiunte per cui credo sia legittimo che gli altri co-intestatati ed eredi abbiano prelevato.
    Oltretutto su quel libretto mia mamma percepiva la sua pensione- unico reddito.
    P.S.: Per AdE intendo l'Agenzia delle Entrate
     
  6. oliveri tomaso

    oliveri tomaso Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Se ci sono altri eredi ti possono contestare il prelievo se sei l'unico erede , prima potevi prelevare e trasferire su un nuovo libretto a te intestato , ma con il fatto che anche i movimenti dei libretti vengono inviati alla ADE lascio la risposta a chi puo essere competente in materia dato che sono personalmente interessato .
     
  7. alfietto

    alfietto Membro Attivo

    Non credo che quelle comunicazioni avvengano a questi fini ma solo x accertare il movimento di capitali e la consistenza patrimoniAle di ognuno.
    Credo che quella in esame sia una questione privata dove l'AdE non ha interesse.
     
  8. giogiolu

    giogiolu Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    concordo pienamente con Alfietto. All' ADE non credo interessi se c'è stato un prelievo sul quel libretto da persona non autorizzata. Come non credo che Poste Italiane abbiano consentito a persona/e non avendone titolo di prelevare o estinguere quel libretto.
    Comunque sia se tu hai titolo per poter rivendicare qualcosa nei confronti di quelle somme hai diritto, con opportuna documentazione, a chiederne i movimenti, chi ha prelevato, quanto e quando.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina